Yamani: interesse anche per Giacomelli

23/06/2003




        Domenica 22 Giugno 2003
        FINANZA E MERCATI


        Yamani punta al 29% di Lazio

        Interesse anche per Giacomelli


        MILANO – La cordata che fa capo al principe arabo Hani Yamani, figlio dell’ex ministro del petrolio arabo e presidente dell’Opec, e al finanziere francese Patrick Perrin punta a circa il 29% del capitale della Lazio (appena al di sotto cioè della quota in cui scatta l’obbligo di Opa) con un’offerta intorno agli attuali valori di mercato.
        Secondo quanto spiegato all’«Ansa» da fonti vicine ai due finanzieri, «nei giorni scorsi Yamani e Perrin si sono incontrati con il presidente di Capitalia, una delle banche creditrici di Lazio, Cesare Geronzi, incontro che ha avuto ottimo esito».
        Adesso, riferiscono le stesse fonti, si attende un nuovo incontro con gli azionisti la prossima settimana per definire tempi e modalità dell’operazione, in vista anche dell’aumento di capitale da 110 milioni di Lazio a cui la cordata Yamani-Perrin potrebbe aderire, anche se sono possibili altre opzioni. «Più cautela invece – affermano le fonti – c’è per Cirio: bisogna controllare bene la situazione finanziaria e poi valuteremo». Ma la campagna-acquisti di Yamani non si limita alla Lazio.
        Nelle mire dello sceicco c’è infatti anche Giacomelli, l’azienda riminese di abbigliamento sportivo attualmente in difficoltà. «Yamani – dicono le fonti – vuole realizzare una centrale di acquisti unica a livello europeo in grado di abbattere i costi e il possesso della Giacomelli risponde a tale strategia».