Vinyls, i cassaintegrati «famosi» non mollano. Aspettando l’intesa

15/04/2010

L’Isola dei cassintegrati si è trasformata in Isola della Solidarietà. Chissà se era consapevole del pandemonio che avrebbe sollevato il gruppo di operai della Vinyls che il 24 di febbraio ha occupato le antiche carceri dell’Asinara, la piccola isola al centro del Mediterraneo, che sta diventando il simbolo della difesa del posto di lavoro e, alla fin fine, della salvezza di mezzo settore della chimica italiana. Da quando, quasi per gioco, i lavoratori in cassa integrazione di Porto Torres, hanno occupato le celle che furono luogo di reclusione di mafiosi, sequestratori o brigatisti, l’isola è stata un andirivieni di politici, amministratori, religiosi, universitari, artisti, sportivi e lavoratori. In prima fila è Pietro Marongiu, che invece di pensare alla sua prossima pensione si batte per il posto di lavoro dei suoi colleghi più giovani, che sa che non troverebbero altre occasioni. Giura che la fabbrica di Porto Torres, che produce PVC, può dare numeri alle analoghe di tutto il mondo e rimprovera l’ENI ed il ministero del tesoro, che detiene la quota maggioritaria dell’ente del cane a sei zampe, di aver lasciato fallire una fabbrica in piena salute. Ora le speranze sono affidate alla Ramco, la società araba del Qatar che si è fatta avanti dopo il bando internazionale. Ma la Ramco insiste per l’acquisto dei complessi aziendali della Vinyls che non interessano solo Porto Torres,ma anche Marghera e Ravenna, per il settori PVC e VCM. Assemini, Marghera e Cirò Marina per la restante linea del cloro. Insomma mezza chimica italiana. Tra i visitatori venuti a portare la loro solidarietà ancheAnche una delegazione della Lega Cooperative, guidata dal presidente nazionale Giuliano Poletti. Per Poletti la chimica è un settore strategico di cui una nazione non può fare a meno. Il settore della cooperazione può fare molto anche nella chimica. Per il vice presidente Gian Carlo Ferrari la forma di lotta escogitata dagli operai della Vinyls è una formula vincente destinata a fare scuola. Per Antonio Carta, presidente della Lega Coop della Sardegna, la chimica è ormai un settore vitale dell’economia dell’isola. Intanto un’altra notte trascorrerà, nell’isola che da sempre è sede di sofferenza ma anche di speranza.