VIGILANZA PRIVATA: ATTENZIONE AI FALSI CONTRATTI

16/05/2012

16 maggio 2012

Vigilanza privata: attenzione ai falsi contratti

Da 40 mesi si sta tenendo una difficile, quanto estenuante, trattativa fra le associazioni datoriali della Vigilanza Privata e le organizzazioni sindacali di categoria, che stanno tentando di rinnovare il Contratto Nazionale della Vigilanza Privata.
“Al di là delle diverse posizioni” afferma la Filcams Cgil Nazionale “delle enormi difficoltà, e delle critiche, è indubbio che tutte le parti coinvolte in questa complessa vicenda, hanno la consapevolezza che questo settore ha bisogno di avere un unico contratto, che dia certezza a lavoratori ed imprese.”
La Vigilanza privata è un settore delicato, che svolge attività di sicurezza ai confini con la sicurezza pubblica; è un settore privato, ma regolamentato dal Testo Unico di Pubblica Sicurezza (TULPS) e quindi sottoposto all’autorità di Pubblica Sicurezza. Proprio per questo necessita di regole certe sia sul piano legislativo, che contrattuale. Il TULPS rimanda alla contrattazione collettiva, dando garanzie ai lavoratori ed alle imprese.
“Ma ancora una volta è stato compiuto uno scempio” è la denuncia del sindacato “alcune sconosciute associazioni datoriali, insieme ad altrettanto sconosciute associazioni dei lavoratori, sedicenti maggiormente rappresentative, hanno sottoscritto e già depositato presso il Ministero del Lavoro un nuovo CCNL della Vigilanza Privata.”
Il proliferare di contratti firmati da chiunque, ed anche da perfetti sconosciuti, rischia di distruggere un settore già in forte sofferenza, svuotando di contenuto quelle leggi (Decreto 269/2011) che hanno avviato un percorso di regolamentazione del settore, pur con tutti i limiti e le criticità.
Secondo la Filcams Cgil “proprio le istituzioni (Ministero degli Interni e Ministero del Lavoro) sono chiamate ad intervenire ed a mettere un freno alla giungla che si sta creando, anche a causa di sbagliate politiche degli appalti.”

Inoltre, i contenuti del contratto-farsa firmato da soggetti completamente sconosciuti, creerebbero un dumping enorme con il Ccnl attualmente in vigore, firmato dalle organizzazioni sindacali davvero maggiormente rappresentative (Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil), creando un enorme problema di competitività fra le imprese e condizioni nettamente peggiorative per lavoratrici e lavoratori della Vigilanza Privata.
Anche per questo si impone una rapida chiusura della vertenza per il rinnovo contrattuale, aperta ormai da più di 40 mesi.