Verbale di riunione 28/10/1998 su stato applicazione/gestione Accordo Nazionale 28/07/1997

VERBALE DI RIUNIONE

      In data 28/10/98 in Roma, Si sono incontrati l’Anisap Nazionale rappresentata da Dr. Vittorio Cavaceppi, Prof. Antonio Monti, assistito dai D.ri Valter Rufini, Amedeo De Giovanni, Silvano Fiocchi, Avv. Giancarlo Muccio

      la FILCAMS CGIL, FISASCAT CISL, UILTuCS UIL, rappresentate da: Piero Marconi, Mario Marchetti, Paolo Poma, per procedere ad una prima verifica circa lo stato di applicazione/gestione dell’accordo nazionale di secondo livello per i dipendenti di aziende del settore “Istituzioni Sanitarie Ambulatoriali Private” aderenti all’ANISAP del 28/7/97 formalizzato presso il Ministero del Lavoro il 16/4/1998.

      Dopo un approfondito esame le parti, al termine della riunione, hanno redatto il presente “verbale” che sinteticamente evidenzia le tematiche oggetto del confronto e le posizioni/indicazioni che dal confronto stesso ne sono scaturite.

      Conseguentemente, tenuto conto che il contratto sopra richiamato, è oramai il contratto di riferimento per tutti gli operatori del settore, indipendentemente dall’appartenenza dei lavoratori e delle Imprese alle rispettive organizzazioni sindacali stipulanti, le parti hanno convenuto sull’opportunità che copia del presente “verbale” venga trasmesso alle rispettive strutture decentrate anche al fine di operare per superare e prevenire possibili interpretazioni difformi dalla volontà dei firmatari “dell’Accordo” sopra richiamato, in particolare sui seguenti temi:

      1. STATO DELL’APPLICAZIONE DELL’ACCORDO

      Su tale tema, riscontrato che si sono registrati ritardi applicativi imputabili ad una serie di fattori che non hanno favorito: l’efficacia dell’ informazione prodotta nell’agosto 1997, l’analisi, in alcune aziende, della situazione normativa/retributiva preesistente all’accordo, l’interpretazione della data di formalizzazione “dell’Accordo” in sede di Ministero del Lavoro, le parti hanno convenuto quanto segue:

      a) Fatta salva la data di riferimento dell’accordo (1° luglio 1997) si darà avvio al monitoraggio dello stato di applicazione dello stesso attraverso specifici incontri da tenersi a livello regionale tra l’ANISAP e le OO.SS. competenti per territorio. Tali incontri che saranno calendarizzati e preventivamente comunicati alle rispettive parti territorialmente interessate avranno il compito di realizzare:

      • l’analisi socio/economica del settore nel territorio avuto riguardo in particolare alla presenza e consistenza delle aziende aderenti all’ANISAP, a quella dei rispettivi lavoratori dipendenti e/o collaboratori e allo stato di applicazione dell’accordo;

      • intese specifiche per ridefinire, ove risulti opportuno, l’armonizzazione contrattuale, fermo restando la condizione per le OO.SS. di informare preventivamente i lavoratori e ricevere da essi il mandato a trattare.

      b) I risultati degli incontri, le eventuali intese previste e/o realizzate dovranno essere comunicati alle rispettive parti nazionali che avranno il compito di sistematizzare i dati raccolti, e ove richiesto, a contribuire con apposite riunioni, alla ricerca di necessarie soluzioni negoziali.

      c) previa comunicazione da indirizzare alla Confcommercio, le Parti hanno concordato sull’opportunità di avviare il confronto per la costituzione di commissioni paritetiche regionali, con il compito di conciliare e risolvere nella forma giuridica dell’arbitrato le controversie individuali o collettive sull’applicazione dell’accordo.

      2. CLASSIFICAZIONE

      Su tale tema le parti in coerenza con l’impegno richiamato alla dichiarazione congiunta di cui all’art. 8 “dell’Accordo” hanno esaminato i decreti ministeriali (sanità) del 17 gennaio 1997 nn. 56-57-58-69-70-136 riferiti ai rispettivi regolamenti concernenti la individuazione delle figure e dei relativi profili professionali di: Terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva; Tecnico dell’educazione e della riabilitazione psichiatrica e psicosociale; Tecnico della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro; Assistente Sanitario; Infermiere Pediatrico; Terapista Occupazionale.

      Per tali profili le parti hanno concordato sulla validità del loro inserimento al secondo livello della classificazione di cui all’art. 8 “dell’Accordo” e per opportunità allegano i “ Decreti” al presente verbale.

      Le parti inoltre sulla base di quanto previsto all’art. 1 punto B) “ dell’Accordo” hanno convenuto di dare avvio al confronto finalizzato a realizzare una intesa che definisca la classificazione per le seguenti figure professionali: Medico riflessologo; Massofisioterapista con diploma regionale acquisito con due anni di scuola; Terapista della riabilitazione con diploma regionale acquisito con tre anni di scuola; Operatore tecnico delle strumentazioni elettromedicali e del massaggio con attestato acquisito con due anni di scuola; Tecnico di laboratorio con diploma acquisito dopo cinque anni di scuola media; Tecnico preparatore di laboratorio con diploma acquisito dopo tre anni di scuola media; Tricodepilatore.

      3. ENTE BILATERALE NAZIONALE (ISAP)

      Su questo tema le parti hanno convenuto sulla necessità di procedere, in tempi brevi, alla costituzione del E.B.N./ISAP.

      A riguardo, anche alla luce delle recenti disposizioni legislative in materia, le parti hanno concordato di aggiornare la bozza di statuto tipo predisponendo un nuovo testo da formalizzare con atto notarile.

      Per tutto quanto sopra le parti si sono impegnate a programmare una nuova riunione di verifica entro e non oltre il 10/11/98.

Letto, approvato e sottoscritto.

A L L E G A T I

(completo con allegati Ministero Sanita’ all’anno 2000 (art.4 Legge 42/99)

Rif. art.7 lettera A (COLLABORAZIONI)

Rif. art.8 (CLASSIFICAZIONE) II° livello

RIORDINO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

INFERMIERISTICHE

TECNICHE-SANITARIE

E DELLA RIABILITAZIONE

PROFILI PROFESSIONALI

IL MINISTRO DELLA SANITA’
DI CONCERTO CON
IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA
E TECNOLOGICA

VISTO l’articolo 6 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.502, e successive modificazioni;

VISTA la legge 26 febbraio 1999, n. 42, recante disposizioni in materia di professioni sanitarie ed in particolare l’art.4, comma 1, il quale prevede che i diplomi e gli attestati conseguiti in base alla precedente normativa, che abbiano permesso l’iscrizione ai relativi albi professionali o l’attività professionale in regime di lavoro dipendente o autonomo o che siano previsti dalla normativa concorsuale del personale del servizio sanitario nazionale o degli altri comparti del settore pubblico, sono equipollenti ai diplomi universitari di cui all’articolo 6 comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base

RITENUTO opportuno e necessario, per assicurare certezza alle situazioni ed uniformità di comportamento, provvedere alla individuazione dei titoli riconosciuti equipollenti ai diplomi universitari dall’articolo 4, comma 1, della richiamata legge n. 42 del 1999,

DECRETA

Art.1

I diplomi e gli attestati conseguiti in base alla normativa precedente a quella attuativa dell’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni, che sono indicati nella sezione B della tabella 1 sotto riportata, sono equipollenti, ai sensi dell’articolo 4, comma 1, della legge 26 febbraio 1999, n. 42, al diploma universitario di Terapista Occupazionale di cui al decreto del Ministro della Sanità 17 gennaio 1997, n. 136, ai fini dell’esercizio professionale e dell’ accesso alla formazione post-base.

TABELLA 1

Sez. A

TERAPISTA OCCUPAZIONALE

Decreto del Ministro della Sanità 17 gennaio 1997, n. 136

Sez. B

TERAPISTA OCCUPAZIONALE

Decreto del Presidente della Repubblica n. 162 del 10 marzo 1982

Art. 2

1. Il possessore di un titolo del pregresso ordinamento indicato nella sezione B della Tabella 2 sotto riportata, che abbia svolto una delle attività professionali che, consentita dal titolo posseduto, sia stata successivamente riconosciuta come propria del diploma universitario di Terapista Occupazionale indicato nella sezione A della stessa Tabella 2, può optare per il riconoscimento del predetto diploma corrispondente all’attività effettivamente esercitata, sempre che tale specifica attività sia stata esercitata, in via prevalente, in regime di lavoro dipendente o autonomo, per un periodo di tre anni nell’ultimo quinquennio . La specifica attività esercitata deve essere formalmente documentata.

2. La domanda di opzione di cui al comma 1, è presentata, unitamente al “titolo originale, all’Unità sanitaria locale di residenza, che provvede ad annotare sul retro del titolo originale l’opzione effettuata.

3. La unità sanitaria locale trattiene ai propri atti copia conforme del titolo annotato e trasmette al Ministero della Sanità – Dipartimento delle professioni sanitarie, delle risorse umane e tecnologiche in sanità ; e dell’assistenza sanitaria di competenza statale -, l’elenco nominativo di coloro che hanno esercitato l’opzione con l’indicazione del titolo posseduto e del diploma universitario per il quale è stata esercitata l’opzione.

TABELLA 2

Sez. A

TERAPISTA OCCUPAZIONALE

Decreto del Ministro della Sanità 17 gennaio 1997, n. 136

Sez. B

TERAPISTA DELLA RIABILITAZIONE

legge 30 marzo 1971, n. 118

Decreto del Ministero della sanità 10 febbraio 1974 e normative regionali

TERAPISTA DELLA RIABILITAZIONE

Decreto del Presidente della Repubblica n. 162, del 10 marzo 1982

Legge 11 novembre 1990, n. 341

Art. 3

L’equipollenza dei titoli indicati nella sezione B delle tabelle sopra riportate, al diploma universitario di Terapista Occupazionale indicato nelle sezioni A delle stesse tabelle, non produce, per il possessore del titolo, alcun effetto sulla posizione funzionale rivestita e sulle mansioni esercitate in ragione del titolo nei rapporti di lavoro dipendente già instaurati alla data di entrata in vigore del presente decreto.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

                                    p. IL MINISTRO DELLA SANITA’
                                    IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
                                    On. Grazia LABATE

      p. il IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’
      E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E
      TECNOLOGICA
      IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
      Prof. Luciano GUERZONI

      27 luglio 2000

IL MINISTRO DELLA SANITA’

DI CONCERTO CON

IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA

E TECNOLOGICA

      VISTO l’articolo 6 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.502, e successive modificazioni;

      VISTA la legge 26 febbraio 1999, n. 42, recante disposizioni in materia di professioni sanitarie ed in particolare l’art.4, comma 1, il quale prevede che i diplomi e gli attestati conseguiti in base alla precedente normativa, che abbiano permesso l’iscrizione ai relativi albi professionali o l’ attività professionale in regime di lavoro dipendente o autonomo o che siano previsti dalla normativa concorsuale del personale del servizio sanitario nazionale o degli altri comparti del settore pubblico, sono equipollenti ai diplomi universitari di cui all’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base ;

      RITENUTO opportuno e necessario, per assicurare certezza alle situazioni ed uniformità di comportamento, provvedere alla individuazione dei titoli riconosciuti equipollenti ai diplomi universitari dall’articolo 4, comma 1, della richiamata legge n. 42 del 1999,

      DECRETA

      Art.1

      I diplomi e gli attestati conseguiti in base alla normativa precedente a quella attuativa dell’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, che sono indicati nella sezione B della tabella sotto riportata, sono equipollenti, ai sensi dell’articolo 4, comma 1, della legge 26 febbraio 1999, n. 42, al diploma universitario di Educatore Professionale di cui al decreto del Ministro della Sanità 8 Ottobre 1998, n. 520, indicato nella sezione A della stessa tabella, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base.

Sez. A Diploma Universitario
Sez. B Titoli equipollenti
EDUCATORE PROFESSIONALE

Decreto del Ministero della Sanità 8 ottobre 1998, n. 520

EDUCATORE PROFESSIONALE

Corsi regionali triennali di formazione specifica, purché siano iniziati in data antecedente a quella di attuazione del Decreto del Ministro della Sanità del 10 febbraio 1984

Corsi regionali triennali di formazione specifica ex Decreto del Ministro della Sanità 10 febbraio 1984

Corsi triennali di formazione specifica

Legge n. 845/78

Corsi di formazione specifica Legge 30 marzo 1971, n.118

EDUCATORE DI COMUNITA’

Decreto del Ministro della Sanità 30 novembre 1990, n. 444

EDUCATORE PROFESSIONALE

Decreto del Presidente della Repubblica n. 162, del 10 marzo 1982

Legge 11 novembre 1990, n. 341

EDUCATORE DI COMUNITA’

Decreto del Presidente della Repubblica n. 162, del 10 marzo 1982

Legge 11 novembre 1990, n. 341

Art. 2

L’equipollenza dei titoli indicati nella sezione B della tabella riportata nell’art.1, al diploma universitario di Educatore Professionale indicato nella sezione A della stessa tabella, non produce, per il possessore del titolo, alcun effetto sulla posizione funzionale rivestita e sulle mansioni esercitate in ragione del titolo nei rapporti di lavoro dipendente già instaurati alla data di entrata in vigore del presente decreto.

Il presente Decreto sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale nella Repubblica Italiana.

                                    p. IL MINISTRO DELLA SANITA’
                                    IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
                                    On. Grazia LABATE

      p. il IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’
      E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E
      TECNOLOGICA
      IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
      Prof. Luciano GUERZONI

      27 luglio 2000

IL MINISTRO DELLA SANITA’

DI CONCERTO CON

IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA

E TECNOLOGICA

      VISTO l’articolo 6 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.502, e successive modificazioni;

      VISTA la legge 26 febbraio 1999, n. 42, recante disposizioni in materia di professioni sanitarie ed in particolare l’art.4, comma 1, il quale prevede che i diplomi e gli attestati conseguiti in base alla precedente normativa, che abbiano permesso l’iscrizione ai relativi albi professionali o l’ attività professionale in regime di lavoro dipendente o autonomo o che siano previsti dalla normativa concorsuale del personale del servizio sanitario nazionale o degli altri comparti del settore pubblico, sono equipollenti ai diplomi universitari di cui all’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base ;

      RITENUTO opportuno e necessario, per assicurare certezza alle situazioni ed uniformità di comportamento, provvedere alla individuazione dei titoli riconosciuti equipollenti ai diplomi universitari dall’articolo 4, comma 1, della richiamata legge n. 42 del 1999,

      DECRETA

      Art. 1

      I diplomi e gli attestati conseguiti in base alla normativa precedente a quella attuativa dell’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni, che sono indicati nella sezione B della tabella sotto riportata, sono equipollenti, ai sensi dell’articolo 4, comma 1, della legge 26 febbraio 1999, n. 42, al diploma universitario di Ortottista – Assistente di Oftalmologia di cui al decreto del Ministro della Sanità 14 settembre 1994, n. 743, indicato nella sezione A della stessa tabella, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base.

Sez. A Diploma universitario
Sez. B Titoli Equipollenti
ORTOTTSTA – ASSISTENTE DI OFTALMOLOGIA

Decreto del Ministero della Sanità 14 settembre 1994, n. 743

ORTOTTSTA – ASSISTENTE DI OFTALMOLOGIA

Decreto del Presidente della Repubblica n. 162, del 10 marzo 1982

ORTOTTSTA – ASSISTENTE DI OFTALMOLOGIA

Legge 11 novembre 1990, n. 341

Art. 2

L’equipollenza dei titoli indicati nella sezione B della tabella riportata nell’art.1, al diploma universitario di Ortottista — Assistente di Oftalmologia indicato nella sezione A della stessa tabella, non produce, per il possessore del titolo, alcun effetto sulla posizione funzionale rivestita e sulle mansioni esercitate in ragione del titolo nei rapporti di lavoro dipendente già instaurati alla data di entrata in vigore del presente decreto.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

                                    p. IL MINISTRO DELLA SANITA’
                                    IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
                                    On. Grazia LABATE

      p. il IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’
      E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E
      TECNOLOGICA
      IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
      Prof. Luciano GUERZONI

      27 luglio 2000

IL MINISTRO DELLA SANITA’

DI CONCERTO CON

IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA

E TECNOLOGICA

      VISTO l’articolo 6 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.502, e successive modificazioni;

      VISTA la legge 26 febbraio 1999, n. 42, recante disposizioni in materia di professioni sanitarie ed in particolare l’art.4, comma 1, il quale prevede che i diplomi e gli attestati conseguiti in base alla precedente normativa, che abbiano permesso l’iscrizione ai relativi albi professionali o l’ attività professionale in regime di lavoro dipendente o autonomo o che siano previsti dalla normativa concorsuale del personale del servizio sanitario nazionale o degli altri comparti del settore pubblico, sono equipollenti ai diplomi universitari di cui all’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base ;

      RITENUTO opportuno e necessario, per assicurare certezza alle situazioni ed uniformità di comportamento, provvedere alla individuazione dei titoli riconosciuti equipollenti ai diplomi universitari dall’articolo 4, comma 1, della richiamata legge n. 42 del 1999,

      DECRETA

      Art. 1

      I diplomi e gli attestati conseguiti in base alla normativa precedente a quella attuativa dell’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, che sono indicati nella sezione B della tabella sotto riportata, sono equipollenti, ai sensi dell’articolo 4, comma 1, della legge 26 febbraio 1999, n. 42, al diploma universitario di Tecnico della Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare di cui al decreto del Ministro della Sanità 27 luglio 1998, n. 316, indicato nella sezione A della stessa tabella, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base.

Sez. A Diploma Universitario
Sez. B Titoli Equipollenti
TECNICO DELLA FISIOPATOLOGIA CARDIOCIRCOLATORIA E PERFUSIONE CARDIOVASCOLARE

Decreto del Ministero della sanità 27 luglio 1998, n. 316

TECNICO DI ANGIOCARDIOCHIRURGIA PERFUSIONISTA

Decreto del Ministerio della sanità 26 gennaio 1988, n. 30

TECNICO DI FISIOPATOLOGIA CARDIOCIRCOLATORIA

decreto del presidente della Repubblica n. 162, del 10 marzo 1982

Art. 2

L’equipollenza dei titoli indicati nella sezione B della tabella riportata nell’art.1, al diploma universitario di Tecnico della Fisiopatologia Cardiocircolatoria e perfusione Cardiovascolare indicato nella sezione A della stessa tabella, non produce, per il possessore del titolo, alcun effetto sulla posizione funzionale rivestita e sulle mansioni esercitate in ragione del titolo nei rapporti di lavoro dipendente già instaurati alla data di entrata in vigore del presente decreto.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

                                    p. IL MINISTRO DELLA SANITA’
                                    IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
                                    On. Grazia LABATE

      p. il IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’
      E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E
      TECNOLOGICA
      IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
      Prof. Luciano GUERZONI

      27 luglio 2000

IL MINISTRO DELLA SANITA’

DI CONCERTO CON

IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA

E TECNOLOGICA

      VISTO l’articolo 6 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni;

      VISTA la legge 26 febbraio 1999, n. 42, recante disposizioni in materia di professioni sanitarie ed in particolare l’art.4, comma 1, il quale prevede che i diplomi e gli attestati conseguiti in base alla precedente normativa, che abbiano permesso l’iscrizione ai relativi albi professionali o l’ attività professionale in regime di lavoro dipendente o autonomo o che siano previsti dalla normativa concorsuale del personale del servizio sanitario nazionale o degli altri comparii del settore pubblico, sono equipollenti ai diplomi universitari di cui all’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso, alla formazione post-base;

      RITENUTO opportuno e necessario, per assicurare certezza alle situazioni ed uniformità di comportamento, provvedere alla individuazione dei titoli riconosciuti equipollenti ai diplomi universitari dall’articolo 4, comma 1, della richiamata legge n. 42 del 1999,

      DECRETA

      Art. 1

      Il titolo di Vigilatrice d’infanzia conseguito in base alla legge 19 luglio 1940, n.1098, è equipollente, ai sensi dell’articolo 4, comma 1, della legge 26 febbraio 1999, n. 42, al diploma universitario di Infermiere Pediatrico di cui al decreto del Ministro della Sanità 17 gennaio 1997, N. 70, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base.

      Art.2

      L’equipollenza, di cui all’art. 1, del titolo di Vigilatrice d’ Infanzia al diploma universitario di Infermiere Pediatrico, non produce, per il possessore del titolo, alcun effetto sulla posizione funzionale rivestita e sulle mansioni esercitate in ragione del titolo nei rapporti di lavoro dipendente già instaurati alla data di entrata in vigore del presente decreto.

      Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

                                    p. IL MINISTRO DELLA SANITA’
                                    IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
                                    On. Grazia LABATE

      p. il IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’
      E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E
      TECNOLOGICA
      IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
      Prof. Luciano GUERZONI

      27 luglio 2000

IL MINISTRO DELLA SANITA’

DI CONCERTO CON

IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA

E TECNOLOGICA

      VISTO l’articolo 6 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.502, e successive modificazioni:

      VISTA la legge 26 febbraio 1999, n. 42, recante disposizioni in materia di professioni sanitarie ed in particolare l’art.4, comma 1, il quale prevede che i diplomi e gli attestati conseguiti in base alla precedente normativa, che abbiano permesso l’iscrizione ai relativi albi professionali o l’ attività professionale in regime di lavoro dipendente o autonomo o che siano previsti dalla normativa concorsuale del personale del servizio sanitario nazionale o degli altri comparti del settore pubblico, sono equipollenti ai diplomi universitari di cui all’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base

      RITENUTO opportuno e necessario, per assicurare certezza alle situazioni ed uniformità di comportamento, provvedere alla individuazione dei titoli riconosciuti equipollenti ai diplomi universitari dall’articolo 4, comma 1, della richiamata legge n. 42 del 1999,

      DECRETA

      Art. 1

      I diplomi e gli attestati conseguiti in base alla normativa precedente a quella attuativa dell’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni, che sono indicati nella sezione B della tabella sotto riportata, sono equipollenti. ai sensi dell’articolo 4, comma 1, della legge 26 febbraio 1999, n. 42, al diploma universitario di Infermiere di cui al decreto del Ministro della Sanità 14 settembre 1994, n. 739, indicato nella sezione A della stessa tabella, ai fini dell’ esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base.

Sez. A
Sez. B
INFERMIERE

Decreto del Ministro della Sanità 14 settembre 1994, n. 739

INFERMIERE PROFESSIONALE

Regio Decreto 21 novembre 1929, n. 2330

INFERMIERE PROFESSIONALE

Decreto del Presidente della Repubblica n. 162, del 10 marzo 1982

D.U. SCIENZE INFERMIERISTICHE

Legge 11 novembre 1990, n. 341

Art. 2

L’equipollenza dei titoli indicati nella sezione B della tabella riportata nell’art.1, al diploma universitario di Infermiere indicato nella sezione A della stessa tabella, non produce, per il possessore del titolo, alcun effetto sulla posizione funzionale rivestita e sulle mansioni esercitate in ragione del titolo nei rapporti di lavoro dipendente già instaurati alla data di entrata in vigore del presente decreto.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

                                    p. IL MINISTRO DELLA SANITA’
                                    IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
                                    On. Grazia LABATE

      p. il IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’
      E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E
      TECNOLOGICA
      IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
      Prof. Luciano GUERZONI

      27 luglio 2000

IL MINISTRO DELLA SANITA’

DI CONCERTO CON

IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA

E TECNOLOGICA

      VISTO l’articolo 6 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.502, e successive modificazioni;

      VISTA la legge 26 febbraio 1999, n. 42, recante disposizioni in materia di professioni sanitarie ed in particolare l’art.4, comma 1, il quale prevede che i diplomi e gli attestati conseguiti in base alla precedente normativa, che abbiano permesso l’iscrizione ai relativi albi professionali o l’ attività professionale in regime di lavoro dipendente o autonomo o che siano previsti dalla normativa concorsuale del personale del servizio sanitario nazionale o degli altri comparti del settore pubblico, sono equipollenti ai diplomi universitari di cui all’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base ;

      RITENUTO opportuno e necessario, per assicurare certezza alle situazioni ed uniformità di comportamento, provvedere alla individuazione dei titoli riconosciuti equipollenti ai diplomi universitari dall’articolo 4, comma 1, della richiamata legge n. 42 del 1999,

      DECRETA

      Art. 1

      I diplomi e gli attestati conseguiti in base alla normativa precedente a quella attuativa dell’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, che sono indicati nella sezione B della tabella sotto riportata, sono equipollenti, ai sensi dell’articolo 4, comma 1, della legge 26 febbraio 1999, n. 42, al diploma universitario di Fisioterapista di cui al decreto del Ministro della Sanità 14 settembre 1994, n. 741, indicato nella sezione A della stessa tabella, ai fini dell’ esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base.

Sez. A
Sez. B
FISIOTERAPISTA

Decreto del Ministro della Sanità 14 settembre 1994, n. 741

FISIOKINESITERAPISTA

Corsi biennali di formazione specifica ex legge 19 gennaio 1942, n. 86, art. 1

TERAPISTA DELLA RIABILITAZIONE

Legge 30 marzo 1971, n. 118

Decreto del Ministro della Sanità 10 febbraio 1974 e normative regionali

TERAPISTA DELLA RIABILITAZIONE

Decreto del Presidente della Repubblica n. 162, del 10 marzo 1982

Legge 11 novembre 1990, n. 341

TERAPISTA DELLA RIABILITAZIONE DELL’APPARATO MOTORE

Decreto del Presidente della Repubblica n. 162, del 10 marzo 1982

MASSOFISIOTERAPISTA

Corso triennale di formazione specifica (legge 19 maggio 1971, n. 403)

Art. 2

L’equipollenza dei titoli indicati nella sezione B della tabella riportata nell’art.1, al diploma universitario di Fisioterapista indicato nella sezione A della stessa tabella, non produce, per il possessore del titolo, alcun effetto sulla posizione funzionale rivestita e sulle mansioni esercitate in ragione del titolo nei rapporti di lavoro dipendente già instaurati alla data di entrata in vigore del presente decreto.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

                                    p. IL MINISTRO DELLA SANITA’
                                    IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
                                    On. Grazia LABATE

      p. il IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’
      E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E
      TECNOLOGICA
      IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
      Prof. Luciano GUERZONI

      27 luglio 2000

IL MINISTRO DELLA SANITA’

DI CONCERTO CON

IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA

E TECNOLOGICA

      VISTO l’articolo 6 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni:

      VISTA la legge 26 febbraio 1999, n. 42, recante disposizioni in materia di professioni sanitarie ed in particolare l’art.4, comma 1, il quale prevede che i diplomi e gli attestati conseguiti in base alla precedente normativa, che abbiano permesso l’iscrizione ai relativi albi professionali o l’ attività professionale in regime di lavoro dipendente o autonomo o che siano previsti dalla normativa concorsuale del personale del servizio sanitario nazionale o degli altri comparti del settore pubblico, sono equipollenti ai diplomi universitari di cui all’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base

      RITENUTO opportuno e necessario, per assicurare certezza alle situazioni ed uniformità di comportamento, provvedere alla individuazione dei titoli riconosciuti equipollenti ai diplomi universitari dall’articolo 4, comma 1, della richiamata legge n. 42 del 1999;

      DECRETA

      Art.1

      I diplomi e gli attestati conseguiti in base alla normativa precedente a quella attuativa dell’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni, che sono indicati nella sezione B della tabella i sotto riportata, sono equipollenti, ai sensi dell’articolo 4, comma 1, della legge 26 febbraio 1999, n. 42, al diploma universitario di Logopedista di cui al decreto del Ministro della Sanità 14 settembre 1994, n. 742, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base.

Sez. A
Sez. B
LOGOPEDISTA

Decreto del Ministro della Sanità 14 settembre 1994, n. 742

LOGOPEDISTA

LOGOTERAPISTA

TECNICO DI LOGOPEDIA

TERAPISTA DELLA RIABILITAZIONE – LOGOPEDISTA

Corsi regionali di abilitazione istituiti in strutture del servizio Sanitario Nazionale purché siano iniziati in data antecedente a quella del Decreto del Ministro della Sanità 30 gennaio 1982.

LOGOPEDISTA

Corsi regionali di abilitazione istituiti in strutture del servizio Sanitario Nazionale ex Decreto del Ministro della Sanità 30 gennaio 1982, art. 81.

Decreto del Presidente della Repubblica n. 162, del 10 marzo 1982.

Legge 11 novembre 1990, n. 341

TECNICO DI FONIATRIA

Decreto del Presidente della Repubblica n. 162, del 10 marzo 1982.

TECNICO DI FONIATRIA

TECNICO DI FONIATRIA (Logopedista)

TECNICO DI ORTOFONIA

Corsi universitari svolti presso Scuole dirette a Fini Speciali istituiti con specifici Decreti del Presidente della Repubblica.

Art.2

1. Il possessore di un titolo del pregresso ordinamento indicato nella sezione B della Tabella 2 sotto riportata, che abbia svolto una delle attività professionali che, consentita dal titolo posseduto, sia stata successivamente riconosciuta come propria del diploma universitario di Logopedista indicato nella sezione A della stessa Tabella 2, può optare per il riconoscimento del predetto diploma corrispondente all’attività effettivamente esercitata, sempre che tale specifica attività sia stata esercitata, in via prevalente, in regime di lavoro dipendente o autonomo, per un periodo di tre anni nell’ultimo quinquennio. La specifica attività esercitata deve essere formalmente documentata.

2. La domanda di opzione di cui al comma 1, è presentata, unitamente al titolo originale. all’Unità sanitaria locale di residenza, che provvede ad annotare sul retro del titolo originale l’opzione effettuata.

3. La unità sanitaria locale trattiene ai propri atti copia conforme del titolo annotato e trasmette al Ministero della Sanità – Dipartimento delle professioni sanitarie, delle risorse umane e tecnologiche in sanità ; e dell’assistenza sanitaria di competenza statale -, l’elenco nominativo di coloro che hanno esercitato l’opzione con l’indicazione del titolo posseduto e del diploma universitario per il quale è stata esercitata l’opzione.

Art. 3

L’equipollenza dei titoli indicati nella sezione B delle tabelle sopra riportate, al diploma universitario di Logopedista indicato nelle sezioni A delle stesse tabelle, non produce, per il possessore del titolo, alcun effetto sulla posizione funzionale rivestita e sulle mansioni esercitate in ragione del titolo nei rapporti di lavoro dipendente già instaurati alla data di entrata in vigore del presente decreto.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

                                    p. IL MINISTRO DELLA SANITA’
                                    IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
                                    On. Grazia LABATE

      p. il IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’
      E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E
      TECNOLOGICA
      IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
      Prof. Luciano GUERZONI

      27 luglio 2000

IL MINISTRO DELLA SANITA’

DI CONCERTO CON

IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA

E TECNOLOGICA

      VISTO l’articolo 6 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.502, e successive modificazioni:

      VISTA la legge 26 febbraio 1999, n. 42, recante disposizioni in materia di professioni sanitarie ed in particolare l’art.4, comma 1, il quale prevede che i diplomi e gli attestati conseguiti in base alla precedente normativa, che abbiano permesso l’iscrizione ai relativi albi professionali o l’ attività professionale in regime di lavoro dipendente o autonomo o che siano previsti dalla normativa concorsuale del personale del servizio sanitario nazionale o degli altri comparti del settore pubblico, sono equipollenti ai diplomi universitari di cui all’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base ;

      RITENUTO opportuno e necessario, per assicurare certezza alle situazioni ed uniformità di comportamento, provvedere alla individuazione dei titoli riconosciuti equipollenti ai diplomi universitari dall’articolo 4, comma 1, della richiamata legge n. 42 del 1999,

      DECRETA

      Art.l

      I diplomi e gli attestati conseguiti in base alla normativa precedente a quella attuativa dell’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni, che sono indicati nella sezione B della tabella sotto riportata, sono equipollenti, ai sensi dell’articolo 4, comma 1, della legge 26 febbraio 1999, n. 42, al diploma universitario di Ostetrica/o di cui al decreto del Ministro della Sanità 14 settembre 1994, n. 740, indicato nella sezione A della stessa tabella, ai fini dell’ esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base.

Sez. A
Sez. B
OSTETRICA/O

Decreto del Ministro della sanità 14 settembre 1994, n. 740

OSTETRICA

Legge 25 marzo 1937, n. 921

Legge 23 dicembre 1957, n. 1252

OSTETRICA

Legge 11 novembre 1970, n. 341

Art. 2

L’equipollenza dei titoli indicati nella sezione B della tabella riportata nell’art.1, al diploma universitario di Ostetrica/o indicato nella sezione A della stessa tabella, non produce, per il possessore del titolo, alcun effetto sulla posizione funzionale rivestita e sulle mansioni esercitate in ragione del titolo nei rapporti di lavoro dipendente già instaurati alla data di entrata in vigore del presente decreto.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

                                    p. IL MINISTRO DELLA SANITA’
                                    IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
                                    On. Grazia LABATE

      p. il IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’
      E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E
      TECNOLOGICA
      IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
      Prof. Luciano GUERZONI

      27 luglio 2000

IL MINISTRO DELLA SANITA’

DL CONCERTO CON

IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA

E TECNOLOGICA

      VISTO l’articolo 6 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.502, e successive modificazioni;

      VISTA la legge 26 febbraio 1999, n. 42, recante disposizioni in materia di professioni sanitarie ed in particolare l’art.4, comma 1, il quale prevede che i diplomi e gli attestati conseguiti in base alla precedente normativa, che abbiano permesso l’iscrizione ai relativi albi professionali o l’ attività professionale in regime di lavoro dipendente o autonomo o che siano previsti dalla normativa concorsuale del personale del servizio sanitario nazionale o degli altri comparti del settore pubblico, sono equipollenti ai diplomi universitari di cui all’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base ;

      RITENUTO opportuno e necessario, per assicurare certezza alle situazioni ed uniformità di comportamento, provvedere alla individuazione dei titoli riconosciuti equipollenti ai diplomi universitari dall’articolo 4, comma 1, della richiamata legge n. 42 del 1999,

      DECRETA

      Art.1

      I diplomi e gli attestati conseguiti in base alla normativa precedente a quella attuativa dell’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, che sono indicati nella sezione B della tabella sotto riportata, sono equipollenti, ai sensi dell’articolo 4, comma 1, della legge 26 febbraio 1999, n. 42, al diploma universitario di Dietista di cui al decreto del Ministro della Sanità 14 settembre 1994, n. 744, indicato nella sezione A della stessa tabella, ai fini dell’ esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base.

Sez. A
Sez. B
DIETISTA

Decreto del Ministro della Sanità 14 settembre 1994, n. 744

DIETISTA

Corsi regionali di ablitazione in strutture del Servizio Sanitario Nazionale

(Decreto del Ministro della Sanità del 3 dicembre 1982)

ECONOMO DIETISTA

Decreto del Ministro della sanità del 30 gennaio 1982 accompagnato da un attestato di tirocinio semestrale in dietologia presso le strutture del SSN.

DIETOLOGIA E DIETETICA APPLICATA

Decreto del Presidente della Repubblica n. 162, del 10 marzo 1982.

DIETOLOGIA E DIETETICA APPLICATA

Legge 11 novembtre 1990, n. 341

Art. 2

L’equipollenza dei titoli indicati nella sezione B della tabella riportata nell’art.1, al diploma universitario di Dietista indicato nella sezione A della Stessa tabella, non produce, per il possessore del titolo, alcun effetto sulla posizione funzionale rivestita e sulle mansioni esercitate in ragione del titolo nei rapporti di lavoro dipendente già instaurati alla data di entrata in vigore del presente decreto.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

                                    p. IL MINISTRO DELLA SANITA’
                                    IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
                                    On. Grazia LABATE

      p. il IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’
      E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E
      TECNOLOGICA
      IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
      Prof. Luciano GUERZONI

      27 luglio 2000

IL MINISTRO DELLA SANITA’

DI CONCERTO CON

IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA

E TECNOLOGICA

      VISTO l’articolo 6 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.502, e successive modificazioni;

      VISTA la legge 26 febbraio 1999, n. 42, recante disposizioni in materia di professioni sanitarie ed in particolare l’art.4, comma i, il quale prevede che i diplomi e gli attestati conseguiti in base alla precedente normativa, che abbiano permesso l’iscrizione ai relativi albi professionali o l’ attività professionale in regime di lavoro dipendente o autonomo o che siano previsti dalla normativa concorsuale del personale del servizio sanitario nazionale o degli altri comparti del settore pubblico, sono equipollenti ai diplomi universitari di cui all’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base ;

      RITENUTO opportuno e necessario, per assicurare certezza alle situazioni ed uniformità di comportamento, provvedere alla individuazione dei titoli riconosciuti equipollenti ai diplomi universitari dall’articolo 4, comma 1, della richiamata legge n. 42 del 1999,

      DECRETA

      Art.1

      I diplomi e gli attestati conseguiti in base alla normativa precedente a quella attuativa dell’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, che sono indicati nella sezione B della tabella sotto riportata, sono equipollenti, ai sensi dell’articolo 4, comma 1, della legge 26 febbraio 1999, n. 42, al diploma universitario di Assistente Sanitario di cui al decreto del Ministro della Sanità 17 gennaio 1997, n. 69, indicato nella sezione A della stessa tabella, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base.

Sez. A
Sez. B
ASSISTENTE SANITARIO

Decreto del Ministro della Sanità 17 gennaio 1997, n. 69

ASSISTENTE SANITARIA VISITATRICE

Regio Decreto 21 novembre 1929, n. 2330

TECNICO DELL’EDUCAZIONE SANITARIA

Decreto del Presidented ella repubblica n. 162, del 10 marzo 1982

Art. 2

L’equipollenza dei titoli indicati nella sezione B della tabella riportata nell’art.1, al diploma universitario di Assistente Sanitario indicato nella sezione A della stessa tabella, non produce, per il possessore del titolo, alcun effetto sulla posizione funzionale rivestita e sulle mansioni esercitate in ragione del titolo nei rapporti di lavoro dipendente già instaurati alla data di entrata in vigore del presente decreto.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

                                    p. IL MINISTRO DELLA SANITA’
                                    IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
                                    On. Grazia LABATE

      p. il IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’
      E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E
      TECNOLOGICA
      IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
      Prof. Luciano GUERZONI

      27 luglio 2000

IL MINISTRO DELLA SANITA’

DI CONCERTO CON

IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA

E TECNOLOGICA

      VISTO l’articolo 6 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni;

      VISTA la legge 26 febbraio 1999, n. 42, recante disposizioni in materia di professioni sanitarie ed in particolare l’art.4, comma 1, il quale prevede che i diplomi e gli attestati conseguiti in base alla precedente normativa, che abbiano permesso l’iscrizione ai relativi albi professionali o l’ attività professionale in regime di lavoro dipendente o autonomo o che siano previsti dalla normativa concorsuale del personale del servizio sanitario nazionale o degli altri comparii del settore pubblico, sono equipollenti ai diplomi universitari di cui all’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992. n. 502, e successive modificazioni, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base ;

      RITENUTO opportuno e necessario, per assicurare certezza alle situazioni ed uniformità di comportamento, provvedere alla individuazione dei titoli riconosciuti equipollenti ai diplomi universitari dall’articolo 4, comma 1, della richiamata legge n. 42 del 1999,

      DECRETA

      Art.1

      I diplomi e gli attestati conseguiti in base alla normativa precedente a quella attuativa dell’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502. e successive modificazioni, che sono indicati nella sezione B della tabella 1 sotto riportata. sono equipollenti, ai sensi dell’articolo 4. comma 1, della legge 26 febbraio 1999, n. 42, al diploma universitario di Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva di cui al decreto del Ministro della Sanità 17 gennaio 1997, n. 56, indicato nella sezione A della stessa tabella, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base.

TABELLA 1

Sez. A
Sez. B
TERAPISTA DELLA NEURO E PSICOMOTRICITA’ DELL’ETA’ EVOLUTIVA

Decreto del Ministro della sanità 17 gennauio 1997, n. 56

TERAPISTA DELLA NEURO E PSICOMOTRICITA’ DELL’ETA’ EVOLUTIVA

Decreto del Presidente della Repubblica n. 1168, del 17 ottobre 1972

TERAPISTA DELLA NEURO E PSICOMOTRICITA’ DELL’ETA’ EVOLUTIVA

Decreto del Presidente della repubblica n. 162, del 10 marzo 1982

Legge 11 novembre 1990, n. 341

Art. 2

1. Il possessore di un titolo del pregresso ordinamento indicato nella sezione B della Tabella 2 sotto riportata, che abbia svolto una delle attività professionali che, consentita dal titolo posseduto, sia stata successivamente riconosciuta come propria del diploma universitario di Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva indicato nella sezione A della stessa Tabella 2, può optare per il riconoscimento del predetto diploma corrispondente all’attività effettivamente esercitata, sempre che tale specifica attività sia stata esercitata, in via prevalente, in regime di lavoro dipendente o autonomo, per un periodo di tre anni nell’ultimo quinquennio. La specifica attività esercitata deve essere formalmente documentata.

2. La domanda di opzione di cui al comma i, è presentata, unitamente al titolo originale, all’Unità sanitaria locale di residenza, che provvede ad annotare sul retro del titolo originale l’opzione effettuata.

3. La unità sanitaria locale trattiene ai propri atti copia conforme del titolo annotato e trasmette al Ministero della Sanità – Dipartimento delle professioni sanitarie, delle risorse umane e tecnologiche in sanità ; e dell’assistenza sanitaria di competenza statale -, l’elenco nominativo di coloro che hanno esercitato l’opzione con l’indicazione del titolo posseduto e del diploma universitario per il quale è stata esercitata l’opzione.

TABELLA 2

Sez. A
Sez. B
TERAPISTA DELLA NEURO E PSICOMOTRICITA’ DELL’ETA’ EVOLUTIVA

D.M. 17.01.1997, n. 56

TERAPISTA DELLA RIABILITAZIONE

Legge 30 marzo 1971, n. 118

TERAPISTA DELLA RIABILITAZIONE

Decreto del Presidente della Repubblica n. 162, del 10 marzo 1982

Legge 11 novembre 1990, n. 341

Art. 3

L’equipollenza dei titoli indicati nella sezione B delle tabelle sopra riportate, al diploma universitario di Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’età evolutiva indicato nelle sezioni A delle stesse tabelle, non produce, per il possessore del titolo, alcun effetto sulla posizione funzionale rivestita e sulle mansioni esercitate in ragione del titolo nei rapporti di lavoro dipendente già instaurati alla data di entrata in vigore del presente decreto.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

                                    p. IL MINISTRO DELLA SANITA’
                                    IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
                                    On. Grazia LABATE

      p. il IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’
      E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E
      TECNOLOGICA
      IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
      Prof. Luciano GUERZONI

      27 luglio 2000

IL MINISTRO DELLA SANITA’

DI CONCERTO CON

IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA

E TECNOLOGICA

      VISTO l’articolo 6 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.502, e successive modificazioni;

      VISTA la legge 26 febbraio 1999, n. 42, recante disposizioni in materia di professioni sanitarie ed in particolare l’art.4, comma 1, il quale prevede che i diplomi e gli attestati conseguiti in base alla precedente normativa, che abbiano permesso l’iscrizione ai relativi albi professionali o l’ attività professionale in regime di lavoro dipendente o autonomo o che siano previsti dalla normativa concorsuale del personale del servizio sanitario nazionale o degli altri comparti del settore pubblico, sono equipollenti ai diplomi universitari di cui all’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base ;

      RITENUTO opportuno e necessario, per assicurare certezza alle situazioni ed uniformità di comportamento, provvedere alla individuazione dei titoli riconosciuti equipollenti ai diplomi universitari dall’articolo 4, comma 1, della richiamata legge n. 42 del 1999,

      DECRETA

      Art. 1

      I diplomi e gli attestati conseguiti in base alla normativa precedente a quella attuativa dell’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, che sono indicati nella sezione B della tabella sotto riportata, sono equipollenti, ai sensi dell’articolo 4, comma 1, della legge 26 febbraio 1999, n. 42, al diploma universitario di Tecnico della Prevenzione dell’Ambiente e Luoghi di Lavoro di cui al decreto del Ministro della Sanità 17 gennaio 1997, n. 58, indicato nella sezione A della stessa tabella, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base

Sez. A
Sez. B
TECNICO DELLA PREVENZIONE DELL’AMBIENTE E DEI LUOGHI DI LAVORO

Decreto del Ministro della sanità 17 gennaio 1997, n. 58

TECNICO CON FUNZIONE ISPETTIVA PER LA TUTELA DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO

Decreto del Presidente della Repubblica n. 162, del 10 marzo 1982

Legge 11 novembre 1990, n. 341

TECNICO PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE E PER LA SICUREZZA

Decreto del Presidente della Repubblica n. 162, del 10 marzo 1982

Legge 11 novembre 1990, n. 341

TECNICO DI IGIENE AMBIENTALE E DEL ALVORO

Decreto del Presidente della Repubblica n. 162, del 10 marzo 1982

Legge 11 novembre 1990, n. 341

OPERATORE VIGILANZA E ISPEZIONE

Decreto del Presidente della Repubblica n. 761, del 20 dicembre 1979

Decreto del Ministro della sanità del 30 gennaio 1982, art. 81

Art. 2

L’equipollenza dei titoli indicati nella sezione B della tabella riportata nell’art.1, al diploma universitario di Tecnico della Prevenzione dell’Ambiente e Luoghi di Lavoro indicato nella sezione A della stessa tabella, non produce, per il possessore del titolo, alcun effetto sulla posizione funzionale rivestita nei rapporti di lavoro dipendente già instaurati alla data di entrata in vigore del presente decreto.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

                                    p. IL MINISTRO DELLA SANITA’
                                    IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
                                    On. Grazia LABATE

      p. il IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’
      E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E
      TECNOLOGICA
      IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
      Prof. Luciano GUERZONI

      27 luglio 2000

IL MINISTRO DELLA SANITA’

DI CONCERTO CON

IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA

E TECNOLOGICA

      VISTO l’articolo 6 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.502, e successive modificazioni;

      VISTA la legge 26 febbraio 1999, n. 42, recante disposizioni in materia di professioni sanitarie ed in particolare l’art.4, comma 1, il quale prevede che i diplomi e gli attestati conseguiti in base alla precedente normativa, che abbiano permesso l’iscrizione ai relativi albi professionali o l’ attività professionale in regime di lavoro dipendente o autonomo o che siano previsti dalla normativa concorsuale del personale del servizio sanitario nazionale o degli altri comparti del settore pubblico, sono equipollenti ai diplomi universitari di cui all’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base

      RITENUTO opportuno e necessario, per assicurare certezza alle situazioni ed uniformità di comportamento, provvedere alla individuazione dei titoli riconosciuti equipollenti ai diplomi universitari dall’articolo 4, comma 1, della richiamata legge n. 42 del 1999,

      DECRETA

      Art. 1

      I diplomi e gli attestati conseguiti in base alla normativa precedente a quella attuativa dell’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, che sono indicati nella sezione B della tabella sotto riportata, sono equipollenti, ai sensi dell’articolo 4, comma 1, della legge 26 febbraio 1999, n. 42, al diploma universitario di Tecnico di Neurofisiopatologia di cui al decreto del Ministro della Sanità 15 marzo 1995, n. 183, indicato nella sezione A della stessa tabella, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base.

Sez. A
Sez. B
TECNICO DI NEUROFISIOPATOLOGIA

Decreto del Ministro della sanità 15 marzo 1995, n. 183

TECNICO DI NEUROFISIOPATOLOGIA

TECNICO DI FISIOPATOLOGIA

Corsi regionali di formazione specifica, almeno biennali, purché siano iniziati in data antecedente a quella di attuazione del Decreto del Ministro della Sanità del 26 gennaio 1988, n. 30

TECNICO DI NEUROFISIOPATOLOGIA

TECNICO DI NEUROFISIOLOGIA CLINICA

TECNICO NEUROFISIOPATOLOGO

Decreto del presidente della Repubblica n. 162, del 10 marzo 1982

Legge 11 novembre 1990, n. 341

Art. 2

L’equipollenza dei titoli indicati nella sezione B della tabella riportata nell’art.1, al diploma universitario di Tecnico di Neurofisiopatologia indicato nella sezione A della stessa tabella, non produce, per il possessore del titolo, alcun effetto sulla posizione funzionale rivestita e sulle mansioni esercitate in ragione del titolo nei rapporti di lavoro dipendente già instaurati alla data di entrata in vigore del presente decreto.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

                                    p. IL MINISTRO DELLA SANITA’
                                    IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
                                    On. Grazia LABATE

      p. il IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’
      E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E
      TECNOLOGICA
      IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
      Prof. Luciano GUERZONI

      27 luglio 2000

IL MINISTRO DELLA SANITA’

DI CONCERTO CON

IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA

E TECNOLOGICA

      VISTO l’articolo 6 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.502, e successive modificazioni;

      VISTA la legge 26 febbraio 1999, n. 42, recante disposizioni in materia di professioni sanitarie ed in particolare l’art.4, comma 1, il quale prevede che i diplomi e gli attestati conseguiti in base alla precedente normativa, che abbiano permesso l’iscrizione ai relativi albi professionali o l’ attività professionale in regime di lavoro dipendente o autonomo o che siano previsti dalla normativa concorsuale del personale del servizio sanitario nazionale o degli altri comparti del settore pubblico, sono equipollenti ai diplomi universitari di cui all’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base ;

      RITENUTO opportuno e necessario, per assicurare certezza alle situazioni ed uniformità di comportamento, provvedere alla individuazione dei titoli riconosciuti equipollenti ai diplomi universitari dall’articolo 4, comma 1, della richiamata legge n. 42 del 1999,

      DECRETA

      Art. 1

      I diplomi e gli attestati conseguiti in base alla normativa precedente a quella attuativa dell’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, che sono indicati nella sezione B della tabella sotto riportata, sono equipollenti, ai sensi dell’articolo 4, comma 1, della legge 26 febbraio 1999, n. 42, al diploma universitario di Tecnico Sanitario di Radiologia Medica di cui al decreto del Ministro della Sanità 14 settembre 1994, n. 746, indicato nella sezione A della stessa tabella, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base.

Sez. A
Sez. B
TECNICO SANITARIO DI RADIOLOGIA MEDICA

Decreto del Ministro della Snità 14 settembre 1994, n. 746

TECNICO SANITARIO DI RADIOLOGIA MEDICA

Legge 4 agosto 1965,n. 1103

Legge 31 gennaio 1983, n. 25

TECNICO DI RADIOLOGIA MEDICA

Decreto del Presidente della repubblica n. 162, del 10 marzo 1982

Art. 2

L’equipollenza dei titoli indicati nella sezione B della tabella riportata nell’art.1, al diploma universitario di Tecnico Sanitario di Radiologia Medica indicato nella sezione A della stessa tabella, non produce, per il possessore del titolo, alcun effetto sulla posizione funzionale rivestita e sulle mansioni esercitate in ragione del titolo nei rapporti di lavoro dipendente già instaurati alla data di entrata in vigore del presente decreto.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

                                    p. IL MINISTRO DELLA SANITA’
                                    IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
                                    On. Grazia LABATE

      p. il IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’
      E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E
      TECNOLOGICA
      IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
      Prof. Luciano GUERZONI

      27 luglio 2000

IL MINISTRO DELLA SANITA’

DI CONCERTO CON

IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA

E TECNOLOGICA

      VISTO l’articolo 6 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.502, e successive modificazioni;

      VISTA la legge 26 febbraio 1999, n. 42, recante disposizioni in materia di professioni sanitarie ed in particolare l’art.4, comma 1, il quale prevede che i diplomi e gli attestati conseguiti in base alla precedente normativa, che abbiano permesso l’iscrizione ai relativi albi professionali o l’ attività professionale in regime di lavoro dipendente o autonomo o che siano previsti dalla normativa concorsuale del personale del servizio sanitario nazionale o degli altri comparii del settore pubblico, sono equipollenti ai diplomi universitari di cui all’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base ;

      RITENUTO opportuno e necessario, per assicurare certezza alle situazioni ed uniformità di comportamento, provvedere alla individuazione dei titoli riconosciuti equipollenti ai diplomi universitari dall’articolo 4, comma 1, della richiamata legge n. 42 del 1999,

      DECRETA

      Art. 1

      I diplomi e gli attestati conseguiti in base alla normativa precedente a quella attuativa dell’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, che sono indicati nella sezione B della tabella sotto riportata, sono equipollenti, ai sensi dell’articolo 4, comma 1, della legge 26 febbraio 1999, n. 42, al diploma universitario di Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico di cui al decreto del Ministro della Sanità 14 settembre 1994, n. 745, indicato nella sezione A della stessa tabella, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base.

Sez. A
Sez. B
TECNICO SANITARIO DI LABORATORIO BIOMEDICO

Decreto del Ministro della sanità 14 settembre 1994, n. 745

TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO

Decreto del Presidente della repubblica n. 162, del 10 marzo 1982

TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO

Legge 11 novembre 1990, n. 341

TECNICO DI LABORATORIO

Decreto del Presidente della repubblica n. 162, del 10 marzo 1982

TECNICO DI LABORATORIO MEDICO

Decreto del Ministro della sanità 30 gennaio 1982, atr. 81

TECNICO DI LABORATORIO MEDICO

Decreto del Presidente della Repubblica n. 130 del 27 marzo 1969, art. 132, purché i relativi corsi siano iniziati in data antecedente a quella di entrata in vigore del decreto del Ministro della sanità del 30 gennaio 1982

Art. 2

L’equipollenza dei titoli indicati nella sezione B della tabella riportata nell’art.1, al diploma universitario di Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico indicato nella sezione A della stessa tabella, non produce, per il possessore del titolo, alcun effetto sulla posizione funzionale rivestita e sulle mansioni esercitate in ragione del titolo nei rapporti di lavoro dipendente già instaurati alla data di entrata in vigore del presente decreto.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

                                    p. IL MINISTRO DELLA SANITA’
                                    IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
                                    On. Grazia LABATE

      p. il IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’
      E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E
      TECNOLOGICA
      IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
      Prof. Luciano GUERZONI

      27 luglio 2000

IL MINISTRO DELLA SANITA’

DI CONCERTO CON

IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA

E TECNOLOGICA

      VISTO l’articolo 6 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.502, e successive modificazioni;

      VISTA la legge 26 febbraio 1999, n. 42, recante disposizioni in materia di professioni sanitarie ed in particolare l’art.4, comma 1, il quale prevede che i diplomi e gli attestati conseguiti in base alla precedente normativa, che abbiano permesso l’iscrizione ai relativi albi professionali o l’ attività professionale in regime di lavoro dipendente o autonomo o che siano previsti dalla normativa concorsuale del personale del servizio sanitario nazionale o degli altri comparti del settore pubblico, sono equipollenti ai diplomi universitari di cui all’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base

      RITENUTO opportuno e necessario, per assicurare certezza alle situazioni ed uniformità di comportamento, provvedere alla individuazione dei titoli riconosciuti equipollenti ai diplomi universitari dall’articolo 4, comma 1, della richiamata legge n. 42 del 1999,

      DECRETA

      Art.1

      I diplomi e gli attestati conseguiti in base alla normativa precedente a quella attuativa dell’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni, che sono indicati nella sezione B della tabella sotto riportata, sono equipollenti, ai sensi dell’articolo 4, comma 1, della legge 26 febbraio 1999, n. 42, al diploma universitario di Podologo di cui al decreto del Ministro della Sanità 14 settembre 1994, n. 666, indicato nella sezione A della stessa tabella, ai fini dell’ esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base.

Sez. A
Sez. B
PODOLOGO

Decreto del Ministro della sanità 14 settembre 1994, n. 666

PODOLOGO

Corsi regionali triennali di formazione specifica, purché siano iniziati in data antecedente a quella di attuazione del Decreto del Ministro della sanità 26 gennaio 1988, n. 30, con esclusione dei corsi di riqualificazione

PODOLOGO

Corsi regionali triennali di formazione specifica ex decreto del Ministro della Sanità 26 gennaio 1988, n. 30

PODOLOGO

Corsi regionali triennali di formazione specifica ex Legge regioonale della Regione Lazio del 16 febbraio 1990, n. 10

Art. 2

L’equipollenza dei titoli indicati nella sezione B della tabella riportata nell’arti, al diploma universitario di Podologo indicato nella sezione A della stessa tabella, non produce, per il possessore del titolo, alcun effetto sulla posizione funzionale rivestita e sulle mansioni esercitate in ragione del titolo nei rapporti di lavoro dipendente già instaurati alla data di entrata in vigore del presente decreto.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

                                    p. IL MINISTRO DELLA SANITA’
                                    IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
                                    On. Grazia LABATE

      p. il IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’
      E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E
      TECNOLOGICA
      IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
      Prof. Luciano GUERZONI

      27 luglio 2000

IL MINISTRO DELLA SANITA’

DI CONCERTO CON

IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA

E TECNOLOGICA

      VISTO l’articolo 6 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.502, e successive modificazioni;

      VISTA la legge 26 febbraio 1999, n. 42, recante disposizioni in materia di professioni sanitarie ed in particolare l’art.4, comma 1, il quale prevede che i diplomi e gli attestati conseguiti in base alla precedente normativa, che abbiano permesso l’iscrizione ai relativi albi professionali o l’ attività professionale in regime di lavoro dipendente o autonomo o che siano previsti dalla normativa concorsuale del personale del servizio sanitario nazionale o degli altri comparti del settore pubblico, sono equipollenti ai diplomi universitari di cui all’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base ;

      RITENUTO opportuno e necessario, per assicurare certezza alle situazioni ed uniformità di comportamento, provvedere alla individuazione dei titoli riconosciuti equipollenti ai diplomi universitari dall’articolo 4, comma 1, della richiamata legge n. 42 del 1999,

      DECRETA

      Art. 1

      I diplomi e gli attestati conseguiti in base alla normativa precedente a quella attuativa dell’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, che sono indicati nella sezione B della tabella 1 sotto riportata, sono equipollenti, ai sensi dell’articolo 4, comma 1, della legge 26 febbraio 1999, n. 42, al diploma universitario di Tecnico dell’Educazione e Riabilitazione Psichiatrica e Psicosociale di cui al decreto del Ministro della Sanità 17 gennaio 1997, n. 57, indicato nella sezione A della stessa tabella, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base.

      TABELLA 1
Sez. A
Sez. B
TECNICO DELL’EDUCAZIONE E DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA E PSICOSOCIALE

Decreto del Ministro della Sanità 17 gennaio 1997, n. 57

TECNICO DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA E PSICOSOCIALE

RIABILIAZIONE PSICHIATRICA E PSICOSOCIALE

Decreto del Presidente della repubblica n. 162, del 10 marzo 1982

Legge 11 novembre 1990, n. 341

TECNICO DI ASSISTENZA SOCIALE E PSICHIATRICA

Decreto del Presidente della repubblica n. 162, del 10 marzo 1982

Legge 11 novembre 1990, n. 341

ASSISTENZA SOCIALE PSICHIATRICA

Decreto del Presidente della repubblica n. 162, del 10 marzo 1982

Legge 11 novembre 1990, n. 341

Art.2

1. Il possessore di un titolo del pregresso ordinamento indicato nella sezione B della Tabella 2 sotto riportata, che abbia svolto una delle attività professionali che, consentita dal titolo posseduto, sia stata successivamente riconosciuta come propria del diploma universitario di Tecnico dell’ Educazione e Riabilitazione Psichiatrica e Psicosociale indicato nella sezione A della stessa Tabella 2, può optare per il riconoscimento del predetto diploma corrispondente all’attività effettivamente esercitata, sempre che tale specifica attività sia stata esercitata, in via prevalente, in regime di lavoro dipendente o autonomo, per un periodo di tre anni nell’ultimo quinquennio. La specifica attività esercitata deve essere formalmente documentata.

2. La domanda di opzione di cui al comma 1, è presentata, unitamente al titolo originale, all’Unità sanitaria locale di residenza, che provvede ad annotare sul retro del titolo originale l’opzione effettuata.

3. La unità sanitaria locale trattiene ai propri atti copia conforme del titolo annotato e trasmette al Ministero della Sanità – Dipartimento delle professioni sanitarie, delle risorse umane e tecnologiche in sanità ; e dell’assistenza sanitaria di competenza statale -, l’elenco nominativo di coloro che hanno esercitato l’opzione con l’indicazione del titolo posseduto e del diploma universitario per il quale è stata esercitata l’opzione.

TABELLA 2

Sez. A
Sez. B
TECNICO DELL’EDUCAZIONE E DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA E PSICOSOCIALE

Decreto del Ministro della Sanità 17 gennaio 1997, n. 57

TERAPISTA DELLA RIABILITAZIONE

Legge 30 marzo 1971, n. 118

Decreto del Ministro della Sanità 10 febbraio 1974 e normative regionali

TERAPISTA DELLA RIABILITAZIONE

Decreto del Presidente della Repubblica n. 162, del 10 marzo 1982

Legge 11 novembre 1990, n. 341

Art. 3

L’equipollenza dei titoli indicati nella sezione B delle tabelle sopra riportate, al diploma universitario di Tecnico dell’Educazione e Riabilitazione Psichiatrica e Psicosociale indicato nelle sezioni A delle stesse tabelle, non produce, per il possessore del titolo, alcun effetto sulla posizione funzionale rivestita e sulle mansioni esercitate in ragione del titolo nei rapporti di lavoro dipendente già instaurati alla data di entrata in vigore del presente decreto.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

                                    p. IL MINISTRO DELLA SANITA’
                                    IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
                                    On. Grazia LABATE

      p. il IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’
      E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E
      TECNOLOGICA
      IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
      Prof. Luciano GUERZONI

      27 luglio 2000

IL MINISTRO DELLA SANITA’

DI CONCERTO CON

IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA

E TECNOLOGICA

      VISTO l’articolo 6 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.502, e successive modificazioni;

      VISTA la legge 26 febbraio 1999, n. 42, recante disposizioni in materia di professioni sanitarie ed in particolare l’art.4, comma 1, il quale prevede che i diplomi e gli attestati conseguiti in base alla precedente normativa, che abbiano permesso l’iscrizione ai relativi albi professionali o l’ attività professionale in regime di lavoro dipendente o autonomo o che siano previsti dalla normativa concorsuale del personale del servizio sanitario nazionale o degli altri comparti del settore pubblico, sono equipollenti ai diplomi universitari di cui all’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base ;

      RITENUTO opportuno e necessario, per assicurare certezza alle situazioni ed uniformità di comportamento, provvedere alla individuazione dei titoli riconosciuti equipollenti ai diplomi universitari dall’articolo 4, comma 1, della richiamata legge n. 42 del 1999,

      DECRETA

      Art. 1

      Il titolo di Meccanico Ortopedico Ernista conseguito non oltre il 31 dicembre 1998, in base al regio decreto 31 maggio 1928, n. 1334 e rilasciato ai sensi dell’art. 140, dekregio decreto 27 luglio 1934, n. 1265, è equipollente, ai sensi dell’articolo 4, comma 1, della legge 26 febbraio 1999, n. 42, al diploma universitario di Tecnico Ortopedico di cui al decreto del Ministro della Sanità 14 settembre 1994, n. 665, ai fini dell’ esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base.

      Art. 2

      L’equipollenza di cui all’art. 1, del titolo di Meccanico Ortopedico Ernista al diploma universitario di Tecnico Ortopedico, non produce, per il possessore del titolo, alcun effetto sulla posizione funzionale rivestita e sulle mansioni esercitate in ragione del titolo nei rapporti di lavoro dipendente già instaurati alla data di entrata in vigore del presente decreto.

      Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

                                    p. IL MINISTRO DELLA SANITA’
                                    IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
                                    On. Grazia LABATE

      p. il IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’
      E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E
      TECNOLOGICA
      IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
      Prof. Luciano GUERZONI

      27 luglio 2000

IL MINISTRO DELLA SANITA’

DI CONCERTO CON

IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA

E TECNOLOGICA

      VISTO l’articolo 6 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.502, e successive modificazioni;

      VISTA la legge 26 febbraio 1999, n. 42, recante disposizioni in materia di professioni sanitarie ed in particolare l’art.4, comma 1, il quale prevede che i diplomi e gli attestati conseguiti in base alla precedente normativa, che abbiano .permesso l’iscrizione ai relativi albi professionali o l’ ;attività professionale in regime di lavoro dipendente o autonomo o che siano previsti dalla normativa concorsuale del personale del servizio sanitario nazionale o degli altri comparti del settore pubblico, sono equipollenti ai diplomi universitari di cui all’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base ;

      RITENUTO opportuno e necessario, per assicurare certezza alle situazioni ed uniformità di comportamento, provvedere alla individuazione dei titoli riconosciuti equipollenti ai diplomi universitari dall’articolo 4, comma 1, della richiamata legge n. 42 del 1999,

      DECRETA

      Art. 1

      I diplomi e gli attestati conseguiti in base alla normativa precedente a quella attuativa dell’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, che sono indicati nella sezione B della tabella 1 sotto riportata, sono equipollenti, ai sensi dell’articolo 4, comma 1, della legge 26 febbraio 1999, n. 42, al diploma universitario di Tecnico Audioprotesista di cui al decreto del Ministro della Sanità 14 settembre 1994, n. 668, indicato nella sezione A della stessa tabella, ai tini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base.

      TABELLA 1
Sez. A
Sez. B
TECNICO AUDIOPROTESISTA

Decreto del Ministro della sanità 14 settembre 1994, n. 668

TECNICO AUDIOPROTESISTA

Corsi regionali triennali di formazione specifica ex Decreto del Ministro della sanità 26 gennaio 1988, n. 30.

Attestati e Diplomi di corsi organizzati dagli ex Consorzi Provinciali di Istruzione professionale, con meno di dodici mesi di tirocinio pratico e/o stage aziendale.

Attestati e Diplomi di corsi organizzati dai Centri di addestramento e perfezionamento Addetti al Commercio con non meno di dodici mesi di tirocinio pratico e/o stage aziendale.

Attestati e Diplomi di corsi professionali organizzati dalle Associazioni di categoria con non meno di dodici mesi di tirocinio pratico e/o stage aziendale.

Attestati e Diplomi di corsi professionali organizzati dalle Regioni.

Art. 2

1. Il possessore di un titolo del pregresso ordinamento indicato nella sezione B della Tabella 2 sotto riportata, che abbia svolto una delle attività professionali che, consentita dal titolo posseduto, sia stata successivamente riconosciuta come propria del diploma universitario di Tecnico Audioprotesista indicato nella sezione A della stessa Tabella 2, può optare per il riconoscimento del predetto diploma corrispondente all’attività effettivamente esercitata. sempre che tale specifica attività sia stata esercitata, in via prevalente, in regime di lavoro dipendente o autonomo, per un periodo di tre anni nell’ultimo quinquennio. La specifica attività esercitata deve essere formalmente documentata.

2. La domanda di opzione di cui al comma 1, è presentata, unitamente al titolo originale, all’Unità sanitaria locale di residenza, che provvede ad annotare sul retro del titolo originale l’opzione effettuata.

3. La unità sanitaria locale trattiene ai propri atti copia conforme del titolo annotato e trasmette al Ministero della Sanità – Dipartimento delle professioni sanitarie, delle risorse umane e tecnologiche in sanità ; e dell’assistenza sanitaria di competenza statale , l’elenco nominativo di coloro che hanno esercitato l’opzione con l’indicazione del titolo posseduto e del diploma universitario per il quale è stata esercitata l’opzione.

4. L’opzione è comunque necessaria per i titoli del pregresso ordinamento che consentono il riconoscimento di entrambi i diplomi di tecnico audiometrista e di tecnico audioprotesista.

TABELLA 2

Sez. A
Sez. B
TECNICO AUDIOPROTESISTA

Decreto del Ministro della Sanità 14 settembre 1994, n. 668

TECNICO DI AUDIOMETRIA E DI PROTESIZZAZIONE ACUSTICA

Decreto del Presidente della Repubblica n. 162, 10 marzo 1982

TECNICO DI AUDIOMETRIA E AUDIOPROTESI

Legge 11 novembre 1990, n. 341

Art. 3

L’equipollenza dei titoli indicati nella sezione B delle tabelle sopra riportate, al diploma universitario di Tecnico Audiprotesista indicato nelle sezioni A delle stesse tabelle, non produce, per il possessore del titolo, alcun effetto sulla posizione funzionale rivestita e sulle mansioni esercitate in ragione del titolo nei rapporti di lavoro dipendente già instaurati alla data di entrata in vigore del presente decreto.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

                                    p. IL MINISTRO DELLA SANITA’
                                    IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
                                    On. Grazia LABATE

      p. il IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’
      E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E
      TECNOLOGICA
      IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
      Prof. Luciano GUERZONI

      27 luglio 2000

IL MINISTRO DELLA SANITA’

DL CONCERTO CON

IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA

E TECNOLOGICA

      VISTO l’articolo 6 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni;

      VISTA la legge 26 febbraio 1999, n. 42, recante disposizioni in materia di professioni sanitarie ed in particolare l’art.4, comma 1, il quale prevede che i diplomi e gli attestati conseguiti in base alla precedente normativa, che abbiano permesso l’iscrizione ai relativi albi professionali o l’ attività professionale in regime di lavoro dipendente o autonomo o che siano previsti dalla normativa concorsuale del personale del servizio sanitario nazionale o degli altri comparti del settore pubblico, sono equipollenti ai diplomi universitari di cui all’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni. ai tini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base

      RITENUTO opportuno e necessario, per assicurare certezza alle situazioni ed uniformità di comportamento, provvedere alla individuazione dei titoli riconosciuti equipollenti ai diplomi universitari dall’articolo 4, comma 1, della richiamata legge n. 42 del 1999,

      DECRETA

      Art. 1

      I diplomi e gli attestati conseguiti in base alla normativa precedente a quella attuativa dell’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni, che sono indicati nella sezione B della tabella sotto riportata, sono equipollenti, ai sensi dell’articolo 4, comma 1, della legge 26 febbraio 1999, n. 42, al diploma universitario di Igienista Dentale di cui al decreto del Ministro della Sanità 15 marzo 1999, n. 137, indicato nella sezione A della stessa tabella, ai fini dell’ esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base.

Sez. A
Sez. B
IGIENISTA DENTALE

Decreto del Ministro della Sanità 15 marzo 1999, n. 137

IGIENISTA DENTALE

Corsi regionali di formazione specifica, di durata almeno biennale, istituiti in strutture del Servizio Sanitario Nazionale, purché siano iniziati in data antecedente a quella di attuazione del Decreto del Ministro della Sanità del 26 gennaio 1988, n. 30.

IGIENISTA DENTALE

Corsi regionali di formazione specifica, di durata almeno biennale,ex Decreto del Ministro della Sanità del 26 gennaio 1988, n. 30.

IGIENISTA DENTALE

Decreto del presidente della Repubblica n. 162, del 10 marzo 1982.

IGIENISTA DENTALE

Legge 11 novembre 1990, n. 341

Art. 2

L’equipollenza dei titoli indicati nella sezione B della tabella riportata nell’art.1, al diploma universitario di Igienista Dentale indicato nella sezione A della stessa tabella, non produce, per il possessore del titolo, alcun effetto sulla posizione funzionale rivestita e sulle mansioni esercitate in ragione del titolo nei rapporti di lavoro dipendente già instaurati alla data di entrata in vigore del presente decreto.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

                                    p. IL MINISTRO DELLA SANITA’
                                    IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
                                    On. Grazia LABATE

      p. il IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’
      E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E
      TECNOLOGICA
      IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
      Prof. Luciano GUERZONI

      27 luglio 2000

IL MINISTRO DELLA SANITA’

DI CONCERTO CON

IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA

E TECNOLOGICA

      VISTO l’articolo 6 del decreto legislativo 30 dicembre 1992. n.502, e successive modificazioni:

      VISTA la legge 26 febbraio 1999, n. 42, recante disposizioni in materia di professioni sanitarie ed in particolare l’art.4, comma 1, il quale prevede che i diplomi e gli attestati conseguiti in base alla precedente normativa, che abbiano permesso l’iscrizione ai relativi albi professionali o l’ attività professionale in regime di lavoro dipendente o autonomo o che siano previsti dalla normativa concorsuale del personale del servizio sanitario nazionale o degli altri comparti del settore pubblico, sono equipollenti ai diplomi universitari di cui all’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base ;

      RITENUTO opportuno e necessario, per assicurare certezza alle situazioni ed uniformità di comportamento, provvedere alla individuazione dei titoli riconosciuti equipollenti ai diplomi universitari dall’articolo 4, comma 1, della richiamata legge n. 42 del 1999,

      DECRETA

      Art. 1

      I diplomi e gli attestati conseguiti in base alla normativa precedente a quella attuativa dell’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, che sono indicati nella sezione B della tabella 1 sotto riportata, sono equipollenti, ai sensi dell’articolo 4, comma 1, della legge 26 febbraio 1999, n. 42, al diploma universitario di Tecnico Audiornetrista di cui al decreto del Ministro della Sanità 14 settembre 1994, n. 667, indicato nella sezione A della stessa tabella, ai tini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base.

      TABELLA 1
Sez. A
Sez. B
TECNICO AUDIOMETRISTA

Decreto del Ministro della Sanità 14 settembre 1994, n. 667

TECNICO AUDIOMETRISTA

Corsi regionali di formazione specifica, purché siano iniziati in data antecedente a quella di attuazione del Decreto del Ministro della Sanità 26 gennaio 1988, n. 30.

Corsi regionali triennali di formazione specifica Decreto del Ministro della Sanità 26 gennaio 1988, n. 30.

TECNICO DI AUDIOMETRIA

Decreto del Presidente della Repubblica n. 162, del 10 marzo 1982.

TECNICO DI AUDIOMETRIA E ORTOFONIA

Decreto del Presidente della Repubblica n. 162, del 10 marzo 1982.

Art. 2

1. Il possessore di un titolo del pregresso ordinamento indicato nella sezione B della Tabella 2 sotto riportata, che abbia svolto una delle attività professionali che, consentita dal titolo posseduto, sia stata successivamente riconosciuta come propria del diploma universitario di Tecnico Audiometrista indicato nella sezione A della stessa Tabella 2, può optare per il riconoscimento del predetto diploma corrispondente all’attività effettivamente esercitata, sempre che tale specifica attività sia stata esercitata, in via prevalente, in regime di lavoro dipendente o autonomo, per un periodo di tre anni nell’ultimo quinquennio. La specifica attività esercitata deve essere formalmente documentata.

2. La domanda di opzione di cui al comma 1, è presentata, unitamente al titolo originale, all’Unità sanitaria locale di residenza, che provvede ad annotare sul retro del titolo originale l’opzione effettuata.

3. La unità sanitaria locale trattiene ai propri atti copia conforme del titolo annotato e trasmette al Ministero della Sanità – Dipartimento delle professioni sanitarie, delle risorse umane e tecnologiche in sanità ; e dell’assistenza sanitaria di competenza statale , l’elenco nominativo di coloro che hanno esercitato l’opzione con l’indicazione del titolo posseduto e del diploma universitario per il quale è stata esercitata l’opzione.

4. L’opzione è comunque necessaria per i titoli del pregresso ordinamento che consentono il riconoscimento di entrambi i diplomi di tecnico audiometrista e di tecnico audioprotesista.

TABELLA 2

Sez. A Sez. B
TECNICO AUDIOMETRISTA

Decreto del Ministro della sanità 14 settembre 1994, n. 667

TECNICO DI AUDIOMETRIA E DI PROTESIZZAZIONE ACUSTICA

Decreto del presidente della repubblica n. 162, del 10 marzo 1982

TECNICO DI AUDIOMETRIA E AUDIOPROTESI

Legge 11 novembre 1990, n. 341

Art.3

L’equipollenza dei titoli indicati nella sezione B delle tabelle sopra riportate, al diploma universitario di Tecnico Audiometrista indicato nelle sezioni A delle stesse tabelle, non produce, per il possessore del titolo, alcun effetto sulla posizione funzionale rivestita e sulle mansioni esercitate in ragione del titolo nei rapporti di lavoro dipendente già instaurati alla data di entrata in vigore del presente decreto.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

                                    p. IL MINISTRO DELLA SANITA’
                                    IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
                                    On. Grazia LABATE

      p. il IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’
      E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E
      TECNOLOGICA
      IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
      Prof. Luciano GUERZONI

      27 luglio 2000