Venezia. Ipercoop, i sindacati all’ufficio del lavoro

06/05/2005
    venerdì 6 maggio 2005

    Pagina 33 – Provincia

      San Donà
      Si alza il livello dello scontro aziendale
      Ipercoop, i sindacati all’ufficio del lavoro

        SAN DONA’. Sindacati pronti a presentarsi davanti all’ufficio del lavoro per aprire il contenzioso con la Coop Adriatica. Lo annuncia il segretario Filcams Cgil Alessandro Visentin che ha denunciato una serie di disagi cui sono sottoposti i dipendenti della cooperativa nell’Ipercoop di San Donà che è l’unica del Veneto. I vertici della Coop avevano risposto al primo sciopero, scattato per protestare contro gli orari di lavoro che erano stati anticipati dalle 6 alle 5.30 del mattino, asserendo che negli altri ipermercati non c’erano stati problemi e che anzi i lavoratori avevano assorbito il colpo senza particolari lamentele e lo stesso i sindacati.
        «Non capisco questa giustificazione – ribatte Visentin – visto che la Coop ha istituito le «gabbie salariali». Questo significa che un lavoratore della Coop in Emilia sta molto meglio e guadagna più di uno nel Veneto. Questa è la verità, e fare di tutta l’erba un fascio è più che mai sbagliato in questo caso. La verità è che una volta lavorare alla Coop era come andare a lavorare in banca, una conquista di un ottimo posto di lavoro. Oggi è come in una normale azienda della quale purtroppo sono stati imitati anche i problemi a livello lavorativo. Lunedì sarà a San Donà il segretario nazionale della Filcams Luigi Coppini e cercheremo di fare il punto della situazione per nuove azioni di protesta».

        L’atmosfera all’Ipercoop, secondo la Cgil, è sempre più tesa, sono soprattutto le donne ad aver subito conseguenze negative nella turnazione.

        (g.ca.)