Unilabor, Sybaris, esito incontro 14/12/2016

Roma, 15 dicembre 2016

Testo Unitario

Nella giornata di ieri 14 dicembre 2016 si è tenuto il previsto incontro presso la sede dell’ONBSI in Roma con la Direzione della Soc. Consortile Unilabor, incontro nel quale le tematiche di confronto erano, cosi come da comunicazione aziendale, il cambio di gestione di alcuni servizi tra Società sempre consorziate con l’Unilabior.
Durante l’incontro la Società oltre a motivarci l’avvicendamento dei servizi nell’ambito delle Società del consorzio, ha evidenziato alcune criticità molto significative che riguardano appalti oggi gestiti dal consorzio Unilabor.
Le sofferenze evidenziate dalla società si riferiscono agli appalti: Poste Italiane, Seat Pagine Gialle – ItaliaOnline e Almaviva in questi appalti a detta della Società dal loro subentro non vi è stato mai l’utilizzo di ammortizzatori sociali, tuttavia a distanza di alcuni mesi dall’avvio la Società denuncia delle forti criticità.
Nello specifico ha sottolineato che nell’appalto Poste Italiane che ricade in Campania (zona Napoli e Salerno), Lombardia (zona Sud) e intero Trentino Alto Adige, questo appalto è in carico direttamente all’Unilabor dal 1 luglio per la Campania, dal primo agosto per la Lombardia e dal 1 novembre per il Trentino Alto Adige è ha una sofferenza media tra il 30% e/o 40%; mentre per l’appalto Seat-Italionline gestito dalla consorziata dalla De.Ma, che ricade nelle Regioni: Piemonte Lombardia e Lazio la criticità è pari ad una media di 35/40% ; l’appalto Almaviva gestito dalla Sybaris che comprende le Regioni Lazio, Liguria, Lombardia sempre su dichiarazione aziendale ha una sofferenza pari al 30%.
Come struttura nazionale in sede d’incontro non abbiamo potuto verificare nè certificare le reali difficolta denunciate dalla Unilabor in quanto apprese in quel momento e quindi non potevamo far altro che chiedere alla Società di trasferire la discussione al livello territoriale.
La Società ci ha comunicato che per fronteggiare nell’immediato questa soluzione di estrema difficoltà per gli appalti utilizzerà la Cassa Integrazione in Deroga, oggi disponibile sono a livello Regionale a fronte di un avvio di licenziamento collettivo . Purtroppo per accedere a questo tipo di ammortizzatore l’accordo deve essere sottoscritto ed inviato tassativamente entro e non oltre fine anno, inoltre alcune Regioni hanno anticipato tale scadenza.
Pertanto in chiusura dell’incontro la Società ha comunicato che nei prossimi giorni contatterà le sedi provinciali delle scriventi Organizzazioni Sindacali per prendere accordi al fine di sottoscrivere gli eventuali accordi.
Dunque in virtù di quanto su dichiarato, vi invitiamo a valutare con estrema urgenza le richieste d’incontro che la Unilabor invierà nei prossimi giorni e di verificare le reali esistenze delle criticità dichiarate al fine di sottoscrivere in tempi brevissimi l’ammortizzatore sociale oggi presente entro fine anno 2016.


p. La Filcams CGIL Nazionale
G. Dalò