Comunicati Stampa

Unicoop Firenze, prorogato il contratto integrativo per 7.500 dipendenti

30/09/2016
DistribuzioneCooperativa_big

Bernardini Filcams Cgil): “Risultato importante, grazie al sostegno dei lavoratori”. Sulla sperimentazione delle aperture domenicali di Unicoop Firenze, la Filcams Cgil ribadisce il giudizio negativo, e chiede un confronto per non peggiorare le condizioni di vita e lavoro dei dipendenti.

Il 27 settembre scorso si è tenuto l’incontro tra sindacati, Rsu e Unicoop Firenze per affrontare i temi della richiesta sindacale di Proroga del Contratto Integrativo Aziendale e della decisione della Cooperativa di aprire tutte le domeniche in via sperimentale fino a dicembre.
Dopo diversi confronti, come richiesto da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs regionali, è stato sottoscritto un Verbale di Accordo che proroga di un anno il Contratto Integrativo Aziendale, spostando la scadenza al 31/12/2017.

L’accordo, arrivato dopo tre mesi di trattative, interessa gli oltre 7.500 dipendenti di Unicoop Firenze in Toscana. Un risultato importante perché dà continuità alla contrattazione, riconosce il ruolo di rappresentanza alle Rsu, al Coordinamento e all’Esecutivo e impegna i sindacati a tutti i livelli a utilizzare il 2017 per affrontare i temi necessari a favorire la puntuale attuazione dell’Accordo prorogato, anche alla luce della riorganizzazione interna operata dalla Cooperativa. Un risultato positivo che si è realizzato per il sostegno dato dalle lavoratrici e dai lavoratori alle richieste del sindacato”, dicono Cinzia Bernardini, segretaria generale di Filcams Cgil Toscana, ed Esecutivo Unicoop Firenze Filcams.

L’altro tema all’ordine del giorno ha visto sindacati e Rsu chiedere conto alla Cooperativa della decisione di sperimentare l’estensione delle aperture domenicali dei punti vendita fino alla fine dell’anno. Bernardini ha ribadito il giudizio fortemente negativo rispetto a tale decisione, ribadendo la contrarietà politica e culturale al ‘sempre aperto’. Sono inoltre mancati la comunicazione e il confronto preventivo con i sindacati, che chiedono un confronto per dare piena attuazione e rispetto a quanto previsto dal Contratto Integrativo Aziendale in materia di lavoro domenicale, individuando intese che, anche attraverso l’incremento degli organici, permettano una equa distribuzione dei carichi di lavoro e non peggiorino le condizioni di vita e di lavoro delle lavoratrici e lavoratori”.