Uni Europa Summer School

Uni Europa Summer School
Riccione, 16-17-18 giugno 2010

Report dell’attività svolta

Mercoledì 16
Presentazione del corso e breve presentazione individuale dei partecipanti (ruolo e aspettative sul corso)

Primo esercizio di gruppo: “Shipwreck”: simulazione di un processo decisionale collettivo in situazione di emergenza in cui si deve selezionare le tipologie di persone da salvare o sacrificare per lo sviluppo di una ipotetica società dopo un ammaraggio in un’isola deserta in seguito ad un naufragio: argomentare chi e per quali ragioni tra le 20 tipologie di persone data in elenco (prete, segretario generale di un sindacato, soldato, ecc).

Secondo esercizio di gruppo: discutere e individuare le principali problematiche giovanili in Europa, metterle in relazione con le attività sindacali rivolte ai giovani e proporre possibili soluzioni.

Breve presentazione dell’attività di Uni Global e dello Uni Youth Steering Group (International Agreements, International Cooperation, Education ecc.)

Giovedì 17
Terzo esercizio di gruppo: “Informal and formal speech”: identificare le principali caratteristiche che deve avere un buon oratore in situazioni formali ed informali.

Quarto esercizio di gruppo: Ruolo del negoziatore: identificare le principali caratteristiche che deve avere un buon negoziatore.

Quinto esercizio di gruppo: Role playing: simulazione di una trattativa sindacale: divisi a gruppi di due persone (managers e sindacalisti) i partecipanti hanno simulato un vero e proprio processo negoziale (con tanto di comunicazioni “dell’ultim’ora” a cambiare le posizioni di forza dei trattanti) sotto la supervisione dei tutor che hanno fatto da osservatori e hanno poi analizzato davanti all’aula i punti di forza e i punti di debolezza dell’attività svolta.

Presentazione di campagne di reclutamento e sensibilizzazione dei giovani rispetto alle attività sindacali realizzate in tutto il mondo.

Venerdì 18
“Pubblic speaking contest”: i partecipanti hanno dovuto tenere un discorso a tema libero il cui unico vincolo era stare entro i 3 minuti senza la possibilità di controllare il cronometro. Il tutor ha poi analizzato e commentato ciascun discorso.

Alcune riflessioni

Questa esperienza è stata indubbiamente utile e interessante da svariati punti di vista.

Il livello internazionale: la possibilità di conoscersi e confrontarsi con giovani sindacalisti provenienti da paesi con culture sociali e sindacali in alcuni casi molto differenti da quella italiana.

Contenuti: il corso è stato efficace e ben organizzato. È chiaramente emerso come il target preferenziale del partecipante a questo corso fosse quello di chi da poco tempo si è approcciato all’attività sindacale. Infatti il corso ha approfondito soprattutto aspetti relativi alle competenze individuali di base (lavorare in gruppo, parlare in pubblico, processo decisionale, mediazione e negoziazione ecc.) e alle motivazioni necessarie per svolgere il ruolo del sindacalista (solidarietà, giustizia sociale, responsabilità civile, ecc.)

Metodologia didattica: le principali caratteristiche di questo corso sono state: l’interattività nell’aula, l’utilizzo di esercizi di gruppo, il coinvolgimento diretto, situazioni destrutturate.

Si è creata molta coesione tra i partecipanti provenienti dai diversi paesi coinvolti ed in particolare il gruppo Filcams si è confrontato sulle rispettive esperienze territoriali e ha trovato spunti interessanti per migliorare la propria attività sindacale.

Siamo stati informati che in febbraio 2011 si terrà il secondo livello di formazione di Uni Youth (Winter School) che verterà in particolare su elementi specifici della rappresentanza e della contrattazione a livello internazionale. (Vogliamo partecipare!!!)

Isabella Liguori Filcams Torino
Tatiana Berluti Filcams Roma
Matteo Galloni Filcams Parma
Andrea Brunetti Filcams Firenze
Sandro Pagaria Filcams Enna
Francesco Lucchesi Filcams Messina