Unes Maxi, esito incontro 09/05/2017

Roma, 11 maggio 2017

Testo Unitario

Il giorno 9 maggio 2017 si è tenuto l’incontro nazionale di natura tecnica per definire il confronto sul il tema RLS.

Ricordiamo che la discussione scaturisce dalla necessità di ridefinire il quadro inerente alle RLS rispetto all’accorto sottoscritto nel 2003 e poi reso parte integrante dell’attuale Contratto Integrativo Aziendale Nazionale. Accordo che le parti hanno ritenuto utile e calzante tenuto conto della specificità dell’impresa in termini di capillarità dei punti vendita e della media dei dipendenti occupati nei singoli negozi.

Dal 2003 ai giorni nostri la geografia degli insediamenti di Unes Maxi ha visto sia un cambiamento di modello organizzativo sia una ridefinizione dei punti vendita in termini di accorpamenti, chiusure e nuove aperture. Dopo un confronto iniziato a settembre scorso, la delegazione tecnica ha individuato alcuni elementi su cui basare un rinnovato accordo in materia. Gli elementi che ha caratterizzato l’esito della discussione possono essere sintetizzati nei seguenti punti:

· Allargamento della divisione dei 122 punti vendita dalle attuali 7 aree a 10 (Vedi allegato)

· Individuazione di un RLS per ciascuna area

· Riconoscimento di 8 ore di permessi sindacali per ogni punto vendita inserito nella singola area a disposizione della RLS al netto delle ore di formazione

· Sistema di elezione delle RLS per area

Infine, la direzione aziendale , anche su nostra sollecitazione, in quanto oramai si viene sempre più evidenziando lo scarto tra quanto scritto su alcuni temi nel Cia e quanto oggi applicato, ha convenuto sulla necessità di avviare un confronto rispetto a questioni come buoni pasto, regolamentazione pause e lavoro domenicale.

Abbiamo concluso l’incontro demandando ad un successivo appuntamento per la stesura del testo dell’accordo e l’avvio del confronto sui temi enunciati, che si terrà il 22 giugno p.v., alle ore 11, a Milano, in Via Melchiorre Gioia 41, presso la sede regionale della Uiltucs.

p. la Filcams Cgil Nazionale

Sandro Pagaria