Un posto fisso per 5mila Lsu

26/03/2003



              Mercoledí 26 Marzo 2003
              ITALIA-LAVORO
              Un posto fisso per 5mila Lsu

              Bilancio di Italia Lavoro per il 2002


              MILANO – Prosegue a ritmo costante la stabilizzazione dei lavoratori socialmente utili. Nella seconda metà del 2002 i disoccupati inseriti nel mercato del lavoro sono stati infatti oltre 3.341, per un totale di 5.318 ingressi nel corso dell’anno. A contribuire a questo risultato è stato il programma d’azione per i disoccupati (Pad) realizzato da Italia Lavoro. I dati più rilevanti sono stati registrati in quelle regioni come la Campania (995 Lsu stabilizzati), la Puglia (659) e la Basilicata (371) dove nel tempo, nonostante i diversi interventi, è rimasta ancora alta la quota degli Lsu. Un gap che nasce principalmente dalla difficoltà di reinserire una fascia di lavoratori, caratterizzata da una scarsa scolarizzazione e da competenze spesso insufficienti, e resa più grave inoltre dalla carenza di risorse economiche che spesso ha impedito alle amministrazioni di assumere questi lavoratori a tempo indeterminato. Per quanto tutta in salita, la strada tracciata da Italia Lavoro ha però contribuito, a "collocare" oltre 110mila disoccupati, se si calcola che nel 1997 gli Lsu erano 140mila e che quelli ancora attivi nel gennaio 2003 erano 33.667. Particolarmente incisivo l’intervento dell’agenzia tecnica del ministero del Welfare nel 2001, anno nel quale hanno trovato un posto in 11.543. A questi si devono aggiungere i 17mila stabilizzati dal ministero dell’Istruzione presso le scuole statali per i quali Italia Lavoro ha fornito solo una collaborazione tecnica. Ma in realtà l’impegno di Italia Lavoro, finalizzato allo svuotamento del bacino degli Lsu, è cominciato nel 1999 con il progetto Off per allargarsi con il Pad al reinserimento dei disoccupati di lunga durata. In questo caso i lavoratori sono stati avviati in particolare nel settore calzaturiero, in quello della manutenzione delle aree verdi e delle aree cimiteriali e nei servizi di mensa scolastica. Due esempi di questa tranche di interventi sono il progetto Melania Kids, grazie al quale – dopo la partecipazione al un corso di formazione – 43 Lsu sono stati assunti dall’Avex, un’azienda che fa parte del Gruppo Melania e il progetto Hermes con il quale sono 380 i lavoratori stabilizzati alla Iacorossi, gruppo industriale della provincia di Napoli.
              S.U.