Un bar-caffè tra arte e articoli di lusso

27/02/2001

AFFARI&FINANZA


MODA & DESIGN
lunedi 26 Febbraio 2001
pag. 29 Un bar-caffè tra arte e articoli di lusso
marino alla scala


Il palazzo Marino alla Scala è stato acquistato dal gruppo Trussardi nel 1989. L’exalbergo, a due passi dal Teatro, dopo lunghi lavori di ristrutturazione affidati all’architetto Pier Luigi Cerri, è stato trasformato in edificio polifunzionale. In questi giorni, però, sta cambiando pelle di nuovo. La boutique al piano terra verrà trasformata in punto vendita di prodotti esclusivi con il marchio Marino alla Scala, in particolare accessori di grande lusso. Sempre a pianoterra verrà inaugurato un barcaffè, che aprirà i battenti alle 7.30 della mattina e li chiuderà a mezzanotte. In seguito la chiusura notturna avverrà alle due. Oltre al ristorantecafeteria del primo piano, agli uffici e alle showroom, nell’edificio è presente anche un grande spazio espositivo.
In questi giorni l’"art center" ospita una mostra dedicata a Franco Zeffirelli, intitolata «L’arte dello spettacoloOpere di pittura scenografica». Fino al 25 marzo il pubblico potrà ammirare costumi di scena di Maria Callas, creati dai costumisti Piero Tosi, Anna Anni e Danilo Donati, oltre a bozzetti, gioielli e videotapes di brani di opere dirette dal grande regista fiorentino. In passato la Fondazione Trussardi aveva dedicato mostre a Picasso, alle fotografie di Robert Mapplethorpe, a Rudolf Nureyev e perfino ai disegni di Hugo Pratt con un’esposizione intitolata: «Trent’anni di Corto Maltese».
In aprile ci sarà una mostra di fotografie mentre in maggio e giugno l’art center ospiterà due mostre monografiche dedicate a due giovani artiste che si chiamano Ingeborg Luschern e Michelle Lopez. Appassionata d’arte, è Beatrice Trussardi ad occuparsi personalmente delle mostre di palazzo Marino alla Scala.
(d.rat.)