Tutti vogliono Parmatour: trenta offerte a Bondi

07/07/2004


        GAZZETTA DI PARMA


mercoledì 7 luglio 2004

CRAC PARMALAT–Manifestazioni di interesse da parte dei più noti marchi del turismo italiani e stranieri. Soddisfatti i sindacati
Tutti vogliono Parmatour: trenta offerte a Bondi

Rush finale per Parmatour. Alla scadenza dell’orario di chiusura tra le 20 e le 21 di ieri sono state in tutto circa 30 le manifestazioni di interesse presentate per rilevarla. Nelle ultime ore, anzi addirittura negli ultimi minuti, c’è stato un vero e proprio, inaspettato, rush finale.

Le offerte, a vario titolo, riguardano per la gran parte singoli rami d’azienda, ma molte sono anche le proposte tendenti a rilevare l’intero gruppo. Ad avanzare le manifestazioni di interesse, secondo quanto si apprende, sono stati i più noti marchi italiani e stranieri, oltre a fondi già operanti nel settore del turismo.

Soddisfazione viene espressa dai rappresentanti sindacali che hanno seguito la vicenda in questi mesi. «Finalmente uno spiraglio di speranza per oltre un migliaio di lavoratori», dice uno di loro in rappresentanza di Cgil, Cisl e Uil, sottolineando come inizialmente Parmatour sembrava non dovesse essere compresa nel perimetro di azione del commissario straordinario.

Parmatour ha avviato il processo di dismissione delle attività operanti nel settore turistico e business travel annunciando la messa in vendita delle proprie attività imprenditoriali formalmente lo scorso 21 giugno. Attività imprenditoriali individuabili in particolare, nei settori dell’ intermediazione, dei villaggi e dei Lastminute.

Per quanto riguarda l’intermediazione, la cessione, comprensiva delle rete agenziale, è operante con il marchio Sestante su tutto il territorio nazionale attraverso 43 agenzie in proprietà e 13 in franchising. Ci sono poi le attività di business travel, operanti attraverso i due call center di Roma e Milano e delle attività di tour operating con i marchi Going, Comitours e Chiariva.

In ambito villaggi, si tratta delle attività di gestione alberghi, villaggi ed attività di tour operating con il marchio Club Vacanze. Le strutture, tutte in gestione diretta ed esclusiva, sono 11 di cui 6 di proprietà diretta in Italia e 5 in locazione all’estero. In totale, sono 1.000 camere e 2.300 posti letto.

Infine, LastMinute che si occupa di commercializzazione di pacchetti turistici, voli e soggiorni rimasti invenduti sino a pochi giorni prima della data di partenza prevista, attraverso la società Last Minute Tour per l’acquisto della quale era già stata sollecitata il 5 aprile scorso la presentazione di manifestazioni di interesse.