Turismo: Rcs e De Agostini rilevano Travelonline

09/02/2001

loghino.gif (3272 byte)

ombraban.gif (478 byte)





Venerdì 9 Febbraio 2001
italia – economia
—pag—12


Turismo. I due gruppi editoriali hanno rilevato il 20% ciascuno di Travelonline.it
Rcs e De Agostini in Rete
L’azienda di e.commerce punta a un network di 250 unità in franchising per il 2002

MILANO De Agostini e Rcs hanno firmato un accordo strategico nei viaggi e nel turismo online, rilevando il 40% di Travelonline.it, uno dei maggiori «e-commerce centre» del settore.

Lo hanno annunciato ieri i tre partner. De Agostini e Rcs avranno il 20% ciascuno di Travelonline.it. Riccardo Schmid, presidente di Travelonline.it, ha spiegato che l’operazione «corrisponde a un investimento di 15 miliardi di lire, di cui 8 miliardi destinati all’aumento di capitale. Travelonline.it è stata valutata complessivamente 37,5 miliardi di lire».

La quota restante è in mano per il 15% al management e per il 45% a venture capital. Con questa operazione, De Agostini e Rcs puntano a rafforzare la propria vocazione editoriale multimediale, ampliando la presenza nel Web e in particolare nei viaggi e nel turismo online, un settore ai primi posti per volume d’affari nel commercio elettronico, con elevati tassi di crescita annuale. Schmid ha citato l’esempio degli Usa, dove i ricavi del comparto sono passati dai 2,6 miliardi di dollari del 1998 ai 13 miliardi del 2000.

Schmid ha annunciato inoltre che Travelonline.It si espanderà su base territoriale attraverso una rete in franchising che quest’anno dovrebbe comprendere 50 centri e a fine 2002 circa 250. Travelonline.it, creata nel 1995, ha 215mila utenti registrati e prevede un fatturato 2001 pari a 35 miliardi, che dovrebbero salire a 110 nel 2002. Commentando l’intesa, Gianpaolo Sala, amministratore delegato di Rcs periodici, ha detto che in questo modo Rizzoli e De Agostini «potranno accelerare lo sviluppo online della loro joint venture editoriale Darp». Gianni Crespi, amministratore delegato dell’istituto geografico De Agostini, ha sottolineato che l’acquisizione di Travelonline.it «rappresenta uno sviluppo della strategia di valorizzazione dei contenuti digitali, geografici e cartografici di De Agostini nel mondo Web».

—firma—R.E.