Turismo: nuovo fondo pensione per 800 mila

12/10/2004


           
           
           
           
          Numero 244, pag. 9
          del 12/10/2004
          Nuovo fondo pensione per 800 mila
          TURISMO.
           
          La Covip ha autorizzato un nuovo fondo pensione negoziale. È Marco Polo, destinato a circa 800 mila lavoratori del settore del turismo. È stato istituito sulla base dell’accordo stipulato tra l’Associazione italiana catene alberghiere (Aica), Confesercenti, Federturismo-Confindustria, Federterme e le organizzazioni sindacali del settore (Filcams/Cgil, Fisascat/Cisl, UilTucs/Uil).

          La contribuzione è, per l’azienda e per i lavoratori, pari allo 0,55% della retribuzione utile ai fini del calcolo del trattamento di fine rapporto (tfr). Il lavoratore può comunque incrementare i versamenti fino a raggiungere il limite massimo di deducibilità fiscale previsto dalla legge.

          Al fondo va versata anche una quota dell’accantonamento al tfr: per chi ha iniziato l’attività lavorativa prima del 28 aprile ’93 la somma da versare è pari al 3,45% della retribuzione utile per il calcolo del tfr, mentre per i lavoratori che hanno iniziato l’attività in seguito la quota del tfr è integralmente destinata al fondo pensione complementare. È prevista inoltre una quota di iscrizione, da versare una tantum, per un importo pari a 15,50 euro, di cui 11,88 euro sono a carico dell’impresa e 3,62 euro a carico del lavoratore.