Comunicati Stampa

Turismo, nel 2018 realizzati risultati importanti e la contrattazione collettiva raccoglie qualche frutto

05/04/2019
CamerieraAlbergo_big

Il settore turistico nel 2018 ha realizzato risultati importanti e la contrattazione collettiva raccoglie qualche frutto.

Sul versante dei tour operator l’anno passato ha visto l’espansione ulteriore della galassia Alpitour si è espansa con l’acquisizione di Eden Viaggi e il completamento dell’acquisizione di Press e Swan Tours. Per i lavoratori diretti del tour operator con sede a Torino, il premio di risultato non è stato raggiunto a causa dell’aumento delle spese legate alle sfide tecnologiche, ma il 26 marzo scorso azienda e organizzazioni sindacali hanno raggiunto un’intesa che prevede comunque l’erogazione di duecento euro, sottoforma di welfare, per tutti i dipendenti, visti gli sforzi profusi da tutti per un conseguimento, seppur parziale, dei risultati preventivati.

Per i lavoratori Press Tours, il miglioramento salariale è scattato dopo la fusione con Swan, che ha visto, come richiesto da FIlcams Fisascat e Uiltucs, il passaggio di tutti i dipendenti al contratto Federturismo con relativo adeguamento economico in positivo rispetto al contratto Fiavet precedentemente applicato.

Sul versante pesarese del gruppo, in casa Eden, sono invece in corso le trattative per definire il contratto integrativo, con l’obiettivo di raggiungere un’intesa entro l’estate.

Buone notizie anche sul fronte della distribuzione: il gruppo Robintur, dopo gli anni difficili della riorganizzazione, erogherà premi a tutta la popolazione aziendale, con importi, calcolati sul terzo livello, che vanno da un minimo di 420 euro a un massimo di 1400.

L’andamento del settore del turismo nel 2019 resta positivo, ma molte sono le incertezze sul futuro, collegate sia alle continue evoluzioni in campo tecnologico e di organizzazione dell’offerta che alla tendenza generale negativa dell’economia italiana.

L’azione contrattuale della Filcams continuerà nei prossimi mesi con l’obiettivo di migliorare le condizioni economiche e normative a partire dal contratto delle agenzie di viaggio rappresentate da Fiavet Confcommercio, fermo al palo dal 2013.