Turismo: l’Italia torna a far sognare

10/12/2003



      Lunedí 08 Dicembre 2003

      Turismo


      L’Italia torna a far sognare

      Turismo – I tour operator scommettono sulle destinazioni interne con l’apertura di nuovi villaggi per l’estate 2004 e sulle mete a lungo raggio


      I tour operator ripartono dall’Italia. Alla fine di un anno segnato da instabilità e incertezza sia politica sia economica tra Sars, guerra in Irak e attentati terroristici che dovrebbe chiudersi con un incremento del fatturato totale in leggera ripresa (+3% circa, secondo le stime dell’Astoi, l’associazione degli operatori) i tour operator corrono ai ripari con nuove strategie di attacco per l’estate 2004. E puntano sull’apertura di nuovi villaggi o sull’ampliamento dell’offerta nelle destinazioni mare italiane, senza, comunque, trascurare le mete a lungo raggio (come Caraibi e Tropici). Ma non solo: migliora il ventaglio di servizi inclusi nei pacchetti viaggio (dalla possibilità di praticare gli sport più diversi ad attività innovative di intrattenimento per i bambini). «Bisogna darsi molto da fare in questo momento – afferma Marco Melloni, direttore generale di Valtur Tour Operator – studiando con attenzione il mercato per anticipare le tendenze. L’estate scorsa ha registrato un forte ritardo delle prenotazioni e un andamento positivo per le destinazioni mare italiane e a lungo raggio, infatti puntiamo su queste ultime anche per l’inverno. Più stabili, invece, Turchia, Tunisia e Mar Rosso. E per l’estate 2004 è prevista la nuova apertura di un villaggio a Favignana, nelle isole Egadi, proprio per la sicurezza che in questo periodo danno le mete nazionali». Italia a parte, le attività del tour operator mirano a combattere il fenomeno della prenotazione all’ultimo minuto. «Abbiamo appena lanciato – aggiunge Melloni – una brochure speciale per gli sposi nella quale anticipiamo le tariffe per l’anno prossimo per favorire l’advanced booking». Città d’arte e nuovi villaggi al mare in Italia sono le destinazioni sulle quali si concentra anche la strategia di Alpitour. «Vogliamo aumentare la nostra attività – spiega Mauro Piccini, direttore della Business unit alberghiera – sia nell’ambito del tour operating sia nella gestione alberghiera diretta. Dall’estate 2004 passeremo, infatti, da 18 a 24 tra hotel e villaggi e tre nuove aperture sono previste in Italia. Inoltre per i prossimi due anni puntiamo ad avere la gestione diretta di un hotel in ognuna delle città d’arte più importanti». Una strategia con l’obiettivo di garantire sicurezza e affidabilità ai clienti, dunque, confermata dal fatto che la compagnia per il 2004 prevede due nuove destinazioni, Honduras e Cuba, e il rafforzamento dell’attività a Capo Verde proprio perché «dimostrano stabilità e sono destinazioni tranquille» conclude Piccini. Nuove mete esotiche sono previste anche da I Viaggi del Ventaglio. «Questo mese stiamo rilanciando la Thailandia che era stata penalizzata dalla Sars – spiega il vicepresidente Stefano Colombo – e da marzo rilanceremo il Madagascar che è una nuova destinazione per il mercato italiano. Per l’estate, poi, amplieremo l’offerta nel Mediterraneo, in Grecia, Baleari e Italia con ipotesi di sviluppo in Calabria, Sardegna e Sicilia». E su Calabria, Sicilia e piccole isole punta anche Orizzonti con un nuovo villaggio a Pantelleria e «trattative per aperture future in altri posti di mare italiani per conquistare clienti stranieri», come spiega il presidente Liliana Baldi. Ma aprire nuovi villaggi e mantenerli redditizi significa anche e soprattutto ampliare l’offerta dei servizi e delle inziative nei pacchetti viaggio. È quello che sta facendo Parmatour (che per l’inverno ha lanciato una nuova destinazione in Brasile) con l’introduzione di un servizio di intrattenimento "intelligente" per i bambini che nei villaggi sono seguiti da giovani biologici e fisici che spiegano ai più piccoli facili nozioni di chimica o scienze. E ancora, servizi ad hoc per sub o per praticare altri sport. Il tutto con la visione che il cliente si è evoluto ed è più esigente, come spiegano i vertici della società. Strategia simile per Teorema Tour che ha deciso di rafforzare la sua programmazione sul lungo raggio con due nuove destinazioni a Santo Domingo da dicembre 2003 anche per allargare il suo target alla fascia dei giovani, e alle Maldive, con un nuovo villaggio che offre servizi per la pratica di sport subacquei e intrattenimento. E ancora, si prevede l’apertura di cinque villaggi in Giamaica. Sarà rafforzato anche il prodotto Russia con un nuovo volo charter, destinato alle crociere sul Volga. La compagnia, infatti, ha deciso di ampliare del 20% la capacità aerea. La maggior parte dell’investimento (di oltre 100 milioni di euro) è ripartita su Eurofly e Volare Group, altri accordi sono stati siglati con Azzurra, Blu Panorama e altre compagnie.

      MARIKA GERVASIO