Turismo in sciopero l’11 maggio per il contratto

10/04/2007
    sabato 7 aprile 2007

    Pagina 15 – Economia & Lavoro

    RINNOVO
    Turismo in sciopero l’11 maggio per il contratto
    È scontro su flessibilità e orario di lavoro

    Altro fronte caldo sul versante dei rinnovi contrattuali. Ieri Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil hanno proclamato per l’11 maggio lo sciopero generale del turismo per protestare contro la battuta d’arresto della trattativa di rinnovo del contratto nazionale scaduto da più di 15 mesi.

    A comunicarlo, con una nota congiunta, sono le stesse organizzazioni sindacali di categoria che sottolineano, a nome dell’oltre milione e mezzo di addetti interessati, «come un negoziato che pareva essere positivo» abbia subito un cambiamento dopo la presentazione di un documento della controparte. Documento che contiene proposte che «non convincono la categoria».

    È ancora l’orario di lavoro il punto critico – ribadiscono i vertici sindacali di categoria. E la Fisascat, in particolare, sottolinea: «Per quanto ci riguarda non è possibile pensare ad andare oltre il riposo del settimo giorno; senza contare poi la richiesta di grande flessibilità senza farla seguire da adeguati riconoscimenti economici. Infine per quanto riguarda la parte economica non è stata fatta nessuna proposta in tema di salario, assistenza sanitaria integrativa e previdenza complementare».

    Ragioni forti che hanno portato la categoria ad indire lo sciopero nello stesso giorno, l’11 maggio, della manifestazione che i tre sindacati hanno organizzato a sostegno dei mancati rinnovi contrattuali del terziario, servizi, imprese di pulizia che si terrà a Roma.