Turismo e terme: parco a Bagnoli

21/02/2007
    mercoledì 21 febbraio 2007

    Paginia 48

    Apre il cantiere nell’area dell’ex Ilva ora bonificata

    Turismo e terme, parco a Bagnoli

    di Eduardo Cagnazzi

      Apre il cantiere per realizzare entro il 2008 il parco del turismo e del benessere nell’area di Bagnoli già interessata dalla bonifica dei suoli ex Ilva. Il progetto prevede la realizzazione di spazi espositivi legati al turismo e al tempo libero, articolati su tre livelli, tra cui una sala conferenze da 200 posti, piscine termali per oltre 1.000 metri quadrati, parcheggi per 600 posti auto e un ospedale per le tartarughe marine. La spesa, poco più di 45 milioni di euro, è sostenuta con fondi comunitari messi a disposizione dall’assessorato al turismo della regione Campania. Si tratta di fondi che erano stati stanziati per le strade e le fogne di Bagnoli e dirottate al ´servizio di un’economia che deve credere di più nel turismo’, sostiene l’assessore regionale al turismo, Marco Di Lello. I lavori di realizzazione del parco saranno realizzati dalla società Sled spa, aggiudicataria della gara internazionale d’appalto. ´La cosa particolare’, spiega Mario Hubler, direttore dei progetti di Bagnolifutura, la stu incaricata della bonifica dei suoli, ´è che utilizzeremo l’acqua termale di Bagnoli, una risorsa della città che torna a essere a disposizione dei cittadini’. L’area sorgerà immediatamente a ridosso della zona degli alberghi e sarà un vero e proprio centro di servizi per il turismo e il benessere. Se per il sindaco Rosa Russo Iervolino si tratta di un’opera tra le più importanti tra quelle finanziate negli ultimi anni, per il presidente dell’Acen, Ambrogio Prezioso, si comincia a vedere qualcosa di concreto e si dà il via a un’iniziativa imprenditoriale che porterà sviluppo diretto e indiretto. Intanto, nell’attesa che il sindaco decida sulla composizione numerica del nuovo consiglio di amministrazione (oggi è di 11 consiglieri ma la Finanziaria ne prevede cinque), l’esecutivo della Bagnolifutura approva il progetto del parco dello sport, che occuperà un’area di 35 ettari tra il costone di Posillipo e il rione Cavalleggeri Aosta. La spesa prevista è di 30 milioni di euro. Vi troveranno sede diversi campi di calcio e calcetto, pista di pattinaggio su ghiaccio e artistico, un campeggio e un biolago. La bonifica dell’area interessata dall’insediamento è quasi ultimata, i cantieri dovrebbero essere aperti entro il prossimo giugno. Il progetto è redatto da un raggruppamento internazionale di imprese, di cui è capofila lo studio Massimo Pica Ciamarra associati. (riproduzione riservata)