«Turismo e agricoltura: ecco il futuro per salvare l`economia siciliana»

27/05/2011

Un dibattito intenso e un`analisi approfondita sui sistemi integrati per la promozione del territorio. Si può sintetizzare così il seminario che si è svolto nell`aula magna della Camera di Commercio, organizzato dalle locali Confcommercio e Coldiretti e patrocinato da Cciaa, Ente Bilaterale e Fidi Commercio.
L`iniziativa ha riunito le associazioni di categoria più significative del territorio, con l`ambizioso obiettivo di raccogliere le sfide della globalizzazione rilanciando i contesti locali e valorizzandone la vocazione produttiva. «Confcommercio e Coldi- retti non ritengono che lo sviluppo possa passare attraverso la finanza assistita» ha affermato il presidente di
Confcommercio Giovanni Guarino, a proposito delle ragioni alla base del seminario. «Lo sviluppo non può che
rinascere dalla vocazione di questo territorio e deve passare attraverso una rete di piccole e micro imprese, difficilmente aggreditili dai fenomeni mafiosi». Un plauso all`iniziativa è stato espresso anche dal presidente regionale di Confcommercio Sicilia, Pietro Agen. «Credo che un confronto sia sempre positivo, soprattutto in un momento di crisi» ha infatti sottolineato Agen, indicando la sua ricetta per uscire dalla difficile congiuntura. «La Sicilia ha la sua cassaforte del futuro nel turismo, vero momento di promozione del territorio. L`agricoltura deve essere abbinata al turismo, ma i governi hanno fatto molto poco e le risorse a disposizione sono state spese male. Bisognerebbe valorizzare, con investimenti seri, il sistema dei trasporti e della mobilità interna e assicurare la fruibilità continua del patrimonio storico, artistico e culturale dell`isola». Anche Vincenzo lanniello, direttore di Coldiretti Caltanissetta, si è dimostrato guardano lo sviluppo e la valorizzazione del territorio: dalle tipicità della provincia nissena alla necessità di creare occupazione, dai nuovi modelli di sviluppo solidale e sostenibile al sistema relazionale per la crescita della piccola e micro impresa. L`attenzione ai contesti locali non ha però impedito di affrontare gli argomenti con un occhio al resto d`Europa, come ha dimostrato la presenza e l`intervento di Bertrando Di Rienzo, responsabile commerciale della Camera di Commercio Italiana a Barcellona.
Gli altri interventi sono stati tenuti da Salvatore Passarello (presidente Centro Interdisciplinare Studi e Ricerche Palermo), Maurizio Pallante (saggista e consulente per l`energia del Ministero dell`Ambiente), Roberto Cellini (professore ordinario di Economia politica Università di Catania), Alessandro Chiarelli (delegato confederale Coldiretti), Antonino Di Liberto (presidente regionale Federazione Italiana Dettaglianti dell`Alimentazione Confcommercio Sicilia), Monica Genovese (segretario Filcams Cgil Sicilia), Domenica Calabrò (segretario Fisascat Cisl Sicilia) e Pietro La Torre (segretario Uiltues Uil Sicilia).