TRIBUTI ITALIA APERTA LA PROCEDURA DI LICENZIAMENTO COLLETTIVO

19/02/2010

19 febbraio 2010

Tributi Italia aperta la procedura di licenziamento collettivo

Il 10 febbraio scorso Tributi Italia ha comunicato alle Organizzazioni Sindacali l’apertura di una procedura di riduzione del personale.
L’azienda ha anticipato in tal senso un esubero di 633 lavoratori in attesa che il Consiglio di Stato si pronunci definitivamente rispetto alla cancellazione dell’azienda dall’albo dei riscossori e il giudice fallimentare decida circa l’ammissione al concordato preventivo.
Le Organizzazioni Sindacali hanno espresso contrarietà e forti perplessità rispetto alla gestione della vicenda da parte della dirigenza aziendale anche in questa ultima fase e hanno ribadito la necessità di prevedere il ricorso agli amortizzatori sociali in deroga.
Si attende ora la convocazione al Ministero del Lavoro al quale sono già state evidenziate l’urgenza e la gravità della situazione e l’esigenza di avviare un confronto in termini ravvicinati.
“Una situazione gravissima per le lavoratrici ed i lavoratori di Tributi Italia”, afferma la Filcams-CGIL, “da diversi mesi non ricevono stipendio e sono in attesa di conoscere e capire come proseguirà la loro vita lavorativa”.