Trento. Pedus pulizie: prosegue la mobilitazione

21/04/2004
      mercoledì 21 aprile 2004 Trento (pag.20)

      Prosegue la mobilitazione
      per il contratto integrativo
      Lavoratrici della Pedus pulizie
      oggi l´incontro con l´assessore

      Prosegue la mobilitazione delle trecento lavoratrici della Pedus-sanificazione, impegnate in una dura vertenza per la conquista del primo contratto integrativo aziendale.
      Dopo la buona riuscita dello sciopero del 7 aprile, le delegate della multinazionale, cui è appaltata la pulizia degli ospedali trentini, hanno deciso ulteriori iniziative di lotta a sostegno delle loro richieste, da effettuarsi sia con ulteriori ore di sciopero sia attraverso azioni mirate a livello di singola unità ospedaliera.
      Intanto, per oggi, è fissato un incontro con l´assessore alla Salute. Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Rsu aziendale chiedono ad Andreolli di intervenire nei confronti della Pedus e dell´Azienda sanitaria e di procedere ad una rapida convocazione delle parti, allo scopo di permettere la ripresa della trattativa e favorire una positiva conclusione della vertenza.
      Secondo il sindacato è anche necessario l´avvio di un confronto sul riesame delle norme del capitolato d´appalto, che porti a nuovi investimenti sui diritti, sulla professionalità delle lavoratrici e sulla qualità del servizio. All´assessore viene, infine, richiesto un interessamento nei confronti dell´Azienda sanitaria sulla prevista ridefinizione delle aree lavorative, poiché si teme che il nuovo assetto finisca per tradursi in una contrazione delle ore richieste, con il parallelo aumento di carichi di lavoro che, secondo il sindacato, sono già insopportabili.
      «Il nostro obiettivo – afferma il segretario generale della Filcams Cgil, Ezio Casagranda – è quello di spezzare logiche d´appalto che puntano unicamente alla compressione dei costi e al peggioramento delle condizioni di lavoro. La Pedus finge di ignorare le nostre ragioni, ma abbiamo ancora strumenti per fargliele capire».
      Assemblee sindacali nei singoli ospedali della provincia saranno convocate a partire dai prossimi giorni, per informare le lavoratrici su quanto emergerà nell´incontro con l´assessore