Trento. Commercio, è in arrivo lo sciopero di Natale

22/11/2002






 24ORE NELLE ALPI 22 novembre 2002





 

Commercio, è in arrivo lo sciopero di Natale
Indetto dalla Cgil, aderisce anche la Uil. Mentre la Cisl chiede verifiche delle aziende

TRENTO. La Filcams-Cgil chiama a raccolta tutti commessi del Trentino per aderire ad una giornata di sciopero durante la settimana di Natale per dire no all’apertura dei negozi nel pomeriggio del 31 dicembre e nelle "domeniche d’oro". Dopo la riunione del Comitato direttivo di ieri, il sindacato passa così dalle parole ai fatti. Con una presa di posizione che può trasformarsi solo con un ritorno al tavolo delle trattative per il rinnovo integrativo sulle maggiorazioni domenicali di dicembre da parte dell’Unione commercio del Trentino.
Alla mobilitazione aderisce anche la Uil Ucs, mentre «assolutamente» contraria ad uno sciopero durante una giornata feriale la Fisascat-Cisl, che battendo i pugni sul tavolo ripropone l’astensione dal lavoro nelle domeniche d’oro e il pomeriggio del 31 dicembre. Chiedendo, in una lettera aperta all’assessore provinciale al lavoro e al commercio, Remo Andreolli, un controllo a tappeto delle aziende commerciali della provincia per far emergere le «violazioni padronali che umiliano e calpestano dignità umana e professionale dei lavoratori del settore». Dopo le minacce, dunque, ora lo strappo, un po’ inatteso, della Cgil a pochi giorni dalla riunione di lunedì prossimo indetta da Andreolli. Una convocazione delle parti, Unione, Confesercenti, sindacati, per riportare alla trattativa dopo la rottura per la polemica sull’apertura dei negozi a S. Silvestro.