Trapani. «Ci sono troppe illegalità negli appalti pubblici»

25/10/2004



24 ottobre 2004
TRAPANI
Pagina 46



  



Gangitano scrive al prefetto
«Ci sono troppe illegalità
negli appalti pubblici»

Lettera aperta del segretario provinciale della Filcams, (federazione italiana lavoratori commercio turismo servizi) Vito Gancitano, al prefetto Giovanni Finazzo, contro le irregolarità negli appalti pubblici. In particolare Gancitano afferma come «i criteri utilizzati dalle pubbliche amministrazioni, per l’aggiudicazione degli appalti dei servizi pubblici, determinano un vasto fenomeno di evasione contributiva, assunzioni clientelari, complicità diffuse, lavoro nero e concorrenza sleale tra le imprese».

Per tale motivo il segretario Gancitano chiede al Prefetto di farsi promotore per un confronto tra amministrazioni pubbliche e sindacati, imprese, associazioni, per adottare criteri comuni contro le irregolarità. «Pensiamo – conclude Vito Gancitano – che più dei convegni, possano servire comportamenti coerenti nella lotta contro l’illegalità e il lavoro nero. Riteniamo poi che l’obiettivo delle pubbliche amministrazioni non può riguardare solo il possibile risparmio, ma garantire che efficienza e qualità siano coniugati alla tutela dei diritti fondamentali di cittadinanza e a forme di solidarietà».