Tra sindacati c’è un clima di unità

14/05/2004



 
 
 
 
ItaliaOggi Economia e Politica
Numero 115, pag. 6 del 14/5/2004
Autore:
 
Tra sindacati c’è un clima di unità
 
Il resoconto dell’assemblea nazionale della Cgil
 
´C’è un clima nuovo che emerge dalle parole di Pezzotta e Angeletti ma soprattutto dall’accoglienza riservata loro dall’assemblea’. Così il numero uno della Cgil, Guglielmo Epifani, ha sintetizzato il clima di ritrovata unità sindacale, emerso dall’assemblea dei quadri e dei delegati Cgil di Chianciano.

Anche l’abbraccio che Epifani ha riservato a Savino Pezzotta (Cisl) al termine del suo intervento è segnale di distensione, sulla scia già avviata dalla piattaforma unitaria dell’Eur, dallo sciopero generale del 26 marzo e dalle positive vertenze di Alitalia e Fiat di Melfi.

La lotta della Fiom dopo il contratto separato, l’accordo di Melfi ma, soprattutto, la guerra in Iraq e la necessità di ritirare le nostre truppe sono stati gli argomenti che hanno fatto scaldare più di altri la platea degli oltre 2 mila delegati. È stata la prima volta che il leader della Cgil ha incontrato faccia a faccia il suo popolo, a due anni dal congresso di Rimini, l’ultimo dell’era Cofferati, e a due anni dal prossimo previsto nel 2006.

Ieri la Cgil doveva mettere a punto la rotta, alla luce della ritrovata unità, del nuovo corso di Confindustria e dei prossimi confronti su Dpef, Finanziaria e pensioni. Ma Epifani ha preferito non forzare i toni: ´Non tocca a noi indicare oggi modalità e forme di questo prosieguo di mobilitazione… ma evidentemente di fronte a risposte che non arrivano, non potremo unitariamente rimanere fermi’. È la parola ´unitariamente’ la chiave di svolta del nuovo clima sindacale. Pezzotta non si è tirato indietro: ´Non ci faremo marginalizzare’, ha detto dal palco invitando ad alzare il tiro delle battaglie parlamentari e istituzionali. Anche Luigi Angeletti (Uil) è stato, tutto sommato, in sintonia con i toni della ritrovata unità e si è richiamato spesso, nel suo intervento alla piattaforma dell’Eur.

Neanche un tema spinoso come quello della rappresentanza sindacale ha incrinato i nuovi rapporti sindacali. Epifani ha proposto di istituire una commissione unitaria per trovare un terreno comune su cui presentarsi alla controparte. Pezzotta e Angeletti hanno accolto la sua proposta pur rigettando l’idea di una legge.

Insomma, il clima è migliorato ma come ha ricordato Pezzotta non è più tempo di unità. ´Resto molto prudente’, ha detto, ´a utilizzare il termine unità’. Meglio parlare di ´un pluralismo della convergenza, utilizzando l’arte della mediazione che è diversa dal compromesso’.