Tra Coop Italia e Carrefour gara aperta sulla leadership

13/10/2000

loghino.gif (3272 byte)

ombraban.gif (478 byte)



Venerdì 13 Ottobre 2000
italia – economia
Commercio: al terzo posto il gruppo Conad.

Tra Coop Italia e Carrefour gara aperta sulla leadership

MILANO Nel settore della distribuzione moderna si profila un testa a testa tra Coop e Carrefour. Secondo le ultime stime della società di ricerche di mercato Iri-Infoscan (relative alle centrali acquisti alla fine di giugno 2000) Coop Italia si conferma leader di mercato (prodotti grocery) con una quota del 17,3% simile però alla stima di fine dicembre ’99. Al secondo posto consolida e rilancia le posizioni Carrefour (con l’operazione Gs): dopo aver chiuso lo scorso anno con una quota di mercato del 12,5%, il polo controllato dal colosso transalpino viene ora accreditato di una quota del 14,1 per cento. Al terzo posto spicca la rincorsa del gruppo Conad, che insieme a Coop ha nei mesi scorsi dato vita a una società comune per gli acquisti denominata Italia distribuzione. Conad sale al 9,6% del mercato dall’8,4% rilevato alla fine dello scorso anno.

Nella graduatoria precedente la terza posizione era occupata dalla centrale acquisti Insieme (con una quota del 10%), recentemente disciolta: Mdo (3,7%), Sisa (3,3) e C3 (2,5%) si ritrovano rispettivamente al decimo, undicesimo e tredicesimo posto.

La centrale acquisti Intermedia, nel frattempo, passa a una quota di mercato del 9,1% dal 9,6% rilevato a fine dicembre.

In quinta posizione Auchan-Rinascente conferma la quota del 9% registrata in precedenza da Iri-Infoscan. Al sesto posto si attesta Esselunga che, pur non disponendo di una rete nazionale, detiene una quota del 7,7% (in precedenza era del 7,6%) del mercato grocery. Alle spalle del gruppo di Limito (Milano) la centrale acquisti Interdis che, grazie all’ingresso di Standa alimentare, passa dal 4,8% al 6,7% del mercato (a fine dicembre le quote di Interdis e Standa alimentare erano rispettivamente del 4,8% e del 2,9%).

In ottava posizione la classifica di Iri-Infoscan vede il gruppo Selex con una quota del 5,2% (la stima precedente era del 5,8%). In discesa la quota Mecades, anche per effetto del riassetto delle posizioni Carrefour in Italia: la stima attuale è del 4% (nona posizione in graduatoria) mentre il ’99 si era chiuso con una stima del 5,1 per cento.

La centrale Sirio si attesta oggi al 2,9% dopo lo sganciamento di Crai che, considerato a parte, viene attribuito di un 2% di quota di mercato da parte della società di Iri-Infoscan.

Infine, le catene indipendenti passano da una quota dell’1% all’1,1%; i negozianti indipendenti si confermano allo 0,9 per cento. Una quota simile viene attribuita ad Agorà, la centrale acquisti messa di recente in piedi da alcune realtà distributive a carattere regionale uscite da C3. La quota Conitcoop passa dallo 0,1 allo 0,2 per cento.

In definitiva si conferma il processo di polarizzazione del mercato della distribuzione di prodotti di largo consumo a vantaggio delle strutture con maggiore stabilità.

Vincenzo Chierchia