Torino. Falsi corsi, truffati in cento

22/04/2003
          TORINO

          domenica 20 aprile 2003

          Carmine Langellotti, già coinvolto nel caso "Ateneo pro Pace", guidava la banda che rilasciava attestati di "igienista dentale"
          Falsi corsi, truffati in cento

          Torna in carcere la mente torinese dell´organizzazione

          ALBERTO CUSTODERO

          Falso professore alla Sapienza, organizzava falsi corsi per igienisti dentali.
          Con l´accusa di associazione per delinquere per aver truffato un centinaio
          di persone di tutta Italia (ingannate dalla prospettiva di poter esercitare la professione, una volta conseguito il titolo), è stato arrestato, l´altro ieri, Carmine Langellotti, 54 anni, residente a Grugliasco, una vita passata a vendere attestati di laurea e diplomi assolutamente fasulli spacciandoli per autentici. L´uomo è amministratore unico del gruppo Lange srl, una pseudo-scuola che rilasciava attestati di igienista dentale, certificati di abilitazione professionale per autisti, nonché (come si legge nell´ordinanza), «altri corsi per vetrinista, perito assicurativo e amministratore di condominio». Con lui, sono state raggiunte dalla misura cautelare altre 10 persone. Giorgio Zanchi, di Bergamo, preside dell´Istituto Dante Alighieri che, (con sede legale a Treviso), organizza corsi per ottici a Pavia. Era la «mente diabolica dell´associazione», mosso da «uno smisurato desiderio di denaro», docente e direttore del corso di specializzazione in igiene dentale e presidente della «commissione esaminatrice». Nunziata Vicari, convivente del Langellotti, «instradava gli aspiranti igienisti dentali verso l´iscrizione ai corsi», una volta che i candidati erano stati procacciati dalle operatrici del telemarketing, Laura Maccione, Rosella Braccia e Maria Carriere. Massimiliano «Massi» Busarello, membro della commissione esaminatrice. Luigi Bertucci, ufficialmente maestro elementare (risulta laureato in lettere), dipendente del Dante Alighieri, dopo una breve collaborazione, «è stato tagliato fuori» dagli ultimi esami da Zanchi e Langellotti «probabilmente per non dividere con lui i guadagni dei pochi esaminandi». Rita Vicari, sorella di Nunziata, faceva la commissaria e l´accompagnatrice dell´amministratore della Lange srl. Carmine Guerra, odontotecnico a Mercogliano (Avellino), procacciava aspiranti igienisti dentali da truffare. Riccardo Aduasio, direttore di un istituto (l´Edgardo & Maria Castelli di Pavia), precedente sede degli esami per il rilascio degli attestati. Ultimamente, le sessioni degli esami farsa erano svolte all´hotel Hilton di Milano, nelle sale London e Paris. Nella prima i candidati rispondevano alle domande dei commissari, nella seconda incontravano Langellotti, firmavano i diplomi e i relativi assegni. Langellotti – la sede storica in via Ormea 22 – ha sempre operato nel business dei titoli di studio fasulli. Negli anni Settanta, nel processo sull´«Ateneo pro pace» dell´ex frate Pierino Gennaro (vendevano lauree false), fu condannato a 6 mesi. Nei primi anni Novanta è stato arrestato nell´ambito di un´indagine che ha smantellato un´organizzazione specializzata in lauree fasulle in odontoiatria. Due anni fa, era finito in manette a Firenze con l´accusa di avere fatto parte di una banda che ha venduto 205 lauree false in odontoiatria ottenute in Perù e «riconosciute» in Italia dopo una pratica che costava sui 200 milioni di vecchie lire.