TESS-COSTA DEL VESUVIO NAPOLI, IN STATO DI AGITAZIONE

25/01/2011

25 gennaio 2011

Tess-Costa del Vesuvio Napoli, in stato di agitazione

Sono in stato di agitazione le lavoratrici e i lavoratori di Tess-Costa del Vesuvio (Napoli), società che dagli anni 80 si dedica al rilancio dell’area di Castellammare di Stabia e Torre Annunziata, perché fortemente preoccupati per il loro futuro lavorativo, a causa del grave deficit finanziario della Società.
“Se non verranno affidati progetti alla Società in tempi rapidissimi” afferma la Filcams Cgil Campania “il rischio concreto è che verranno avviate le procedure che porteranno al loro licenziamento.”

Lunedì 24 gennaio i dipendenti hanno effettuato un presidio per chiedere l’immediata convocazione di un incontro presso la Presidenza della Giunta Regionale ed avere garanzie sul loro lavoro.

“L’attuale incertezza sulle prospettive aziendali” scrivono le lavoratrici ed i lavoratori in un comunicato “mortificano le aspettative di sviluppo economico e sociale di un territorio strategico nell’ambito delle politiche di sviluppo; avviliscono le professionalità delle lavoratrici e dei lavoratori della TESS che hanno svolto una preziosa attività di sostegno e accompagnamento allo sviluppo del territorio operando come una moderna agenzia di sviluppo.”
Tra i diversi incarichi la Tess-Costa del Vesuvio ha fornito supporto e assistenza tecnica alle Amministrazioni dei sedici Comuni dell’area di riferimento, (progetti PIU Europa e l’Accordo di Reciprocità); ha prestato servizi alle imprese attraverso strumenti operativi tra cui lo Sportello Unico per le Attività Produttive in forma associata per i Comuni di Ercolano e Portici.