TERREMOTO EMILIA, LA SOLIDARIETÀ DELLA FILCAMS CGIL

30/05/2012

30 maggio 2012

Terremoto Emilia, la solidarietà della Filcams Cgil

La segreteria nazionale della Filcams Cgil esprime il proprio cordoglio e la propria solidarietà alle famiglie delle vittime del terremoto, a tutti i cittadini dell’Emilia, e alle lavoratrici e ai lavoratori colpiti in questi giorni dal sisma.
“In questo momento così difficile vogliamo sostenere e supportare le popolazioni che in queste ore stanno facendo i conti dei danni causati dalle forti scosse del 20 e del 29 maggio.”
Case distrutte, beni culturali, negozi e fabbriche fortemente danneggiati,
Sono tante le lavoratrici e i lavoratori del terziario in difficoltà in questo momento, molti punti vendita che hanno subito ingenti danni, tante le fabbriche e le scuole chiuse dove gli addetti ai servizi di pulizia e ristorazione svolgevano le loro attività.
“È indispensabile in questa fase di emergenza, riuscire a mettere insieme tutte le forze per fornire concreti e tempistivi aiuti, affinchè possa riprendere al più presto la normalità e le attività produttive.”
“Ma è fondamentale – prosegue la Segreteria della Filcams – garantire la messa in sicurezza di tutti i posti di lavoro, che siano uffici, negozi o fabbriche. A perdere la vita in questa tragedia sono stati per la maggior parte dei lavoratori, colpiti improvvisamente dai crolli durante le loro attività.
La ripresa del lavoro dovrà avvenire solo dopo aver effettuato tutti i corretti controlli, le verifiche di agibilità, nel momento in cui, quindi, saranno accertate tutte le norme sulla sicurezza.”
Per questo, la CGIL e le categorie sono impegnate sul territorio a fornire il massimo contributo, ma è fondamentale che anche il Governo e le Istituzioni diano un forte segnale di coerenza e solidarietà con le popolazioni colpite, anche tramite l’annullamento della parata militare del 2 giugno e l’utilizzo di uomini e mezzi nelle zone colpite dal sisma.