TERMINI IMERESE: RAGGIUNTA L’INTESA PER I LAVORATORI DELL’INDOTTO

30/11/2011

30 novembre 2011

Termini Imerese: Raggiunta l’intesa per i lavoratori dell’indotto

E’ stata raggiunta il 29 novembre, in occasione dell’incontro svoltosi presso l’Assessorato Regionale alle Attività Produttive con le Aziende che curano i servizi di mensa e pulimento all’interno dello stabilimento Fiat di Termini Imerese, l’intesa per la salvaguardia dei livelli occupazionali dei lavoratori dell’indotto.

Le aziende che offrono i servizi di mensa e pulimento, che occupano rispettivamente circa 20 e 70 dipendenti, faranno ricorso alla cassa integrazione straordinaria, legandosi così all’ammortizzatore sociale richiesto per gli operai Fiat.
In tal modo, inoltre, viene garantita la prosecuzione del sistema indotto.

“La Filcams Cgil di Palermo esprime la propria soddisfazione per l’importante risultato raggiunto – afferma Monja Caiolo, segretario provinciale. – Con il ricorso alla cassa integrazione straordinaria, infatti, è stato scongiurato il licenziamento dei circa 90 lavoratori e lavoratrici, che hanno rischiato di perdere il proprio lavoro a causa della cessazione dell’appalto al 31 dicembre 2011 tra le Aziende dei servizi e la Fiat. In questo modo, inoltre, alla ripresa dell’attività dello stabilimento di Termini Imerese, e quindi in occasione della nuova gara di appalto per i servizi di mensa e pulimento, i lavoratori saranno garantiti dalla clausola di salvaguardia prevista dal contratto nazionale di lavoro.”