Terme: siglata l’ipotesi di rinnovo per il Ccnl

26/07/2004






              Terme: siglata l’ipotesi di rinnovo per il Ccnl



        A poco più di un anno dalla scadenza del veccho contratto, oggi è stata siglata l’ipotesi di rinnovo del Ccnl dei dipendenti delle aziende termali.  L’intesa riguarda oltre 15mila lavoratori del comparto che operano in 350 aziende termali italiane.

        "Siamo riusciti ad accrescere il livello di flessibilità e di competitività del nostro settore, in linea con i più recenti sviluppi della legislazione in materia di lavoro, a fronte di una dinamica salariale che si è mantenuta nell’ambito dei principi sanciti dal protocollo del 23 luglio 1993" ha dichiartao Costanzo Jannotti Pecci, presidente di Federterme/Confindustria commentando i contenuti dell’intesa. "Confidiamo – ha cntinuato – che anche nella fase di attuazione dei rinvii normativi contenuti in questo contratto le organizzazioni sindacali di settore vogliano continuare a manifestare quel senso di responsabilità che, pur nella dialettica, talora accesa, che ha contraddistinto questo rinnovo, non è mai venuto meno nel corso della trattativa".

        L’accordo va dal 1° luglio 2003 al 30 giugno 2005, con decorrenza degli aspetti economici dal 1° agosto 2004 e prevede un incremento economico, a regime, al IV livello, di 80 euro con l’erogazione di una tantum di 430 euro da parametrare secondo i livelli.

        Altri elementi contenuti nell’accordo, la nuova disciplina sui contratti a termine, la conferma del diritto di precedenza di tutti i lavoratori a eccezione dei pensionandi e dei licenziati per giusta causa e giustificato motvo, il decisivo impulso dato alla formazione e alla bilateralità.