Terme, c’è l’accordo

18/04/2006

    sabato 15 aprile 2006

      IL CASO

      Intesa tra sindacati e associazione imprenditoriale per il rinnovo salariale

        Terme, c’� l’accordo

          BAGNI DI LUCCA — Dopo intense trattative tra sindacati di categoria e associazione imprenditoriale, si � chiuso il rinnovo salariale per il secondo biennio economico (1� luglio 2005-30 giugno 2007), del contratto nazionale �Aziende Termali�.

          E’ stato cos� concordato �con Filcams Fisascat Uiltucs — si legge in una nota della Cgil — un aumento di 55 euro a regime cos� suddivisi: 30 euro da maggio 2006, 15 euro da gennaio 2007, 10 euro da maggio 2007. Una ‘una tantum’ di 240 euro sar� pagata per met� a maggio 2006 e per la rimanente met� a maggio 2007�. E’ stato cos� revocato lo sciopero che si sarebbe dovuto tenere ieri.

          �Breve ma intenso � stato lo scambio di richiesta e offerta tra l’associazione imprenditoriale e le federazioni sindacali — si legge ancora nella nota della Filcams-Cgil — . ‘Federterme’, l’associazione degli imprenditori termali, di fronte a una richiesta di 63 euro da parte sindacale, aveva offerto 47 euro.

          Poi, vista la decisione delle federazioni di indire uno sciopero, che avrebbe dovuto svolgersi lo scorso 24 marzo, ha proposto 49 euro�. A questo punto, dopo la nuova offerta da parte dell’associazione degli imprenditori, la decisione � stata quella di indire una nuova giornata di sciopero, che doveva tenersi ieri.

          Ed � a questo punto che un ultimo incontro ha sbloccato la situazione, trovando �un accordo di piena soddisfazione�, come definito dalla stessa Filcams-Cgil, per entrambe le parti. Un tema insomma molto sentito dal momento che in provincia di Lucca, il settore coinvolge diverse decine di persone.