Termali Rinnovo CCNL, esito incontro 24/01/2014

Testo unitario

si è svolta venerdì 24 u.s., la trattativa per il rinnovo del Contratto Nazionale di Lavoro delle Aziende Termali.
Federterme ha aperto l’incontro dichiarando la disponibilità a definire un impegno comune di "governance" del settore e alla prossima riunione ci proporrà al riguardo un testo.
Federterme ha continuato ad insistere sulla richiesta strumentale e contraddittoria di voler ampliare la sfera di applicazione del contratto anche per quelle società che hanno sia terme che strutture alberghiere, ricevendo risposta negativa da parte delle OO.SS., in quanto questo significherebbe disparità economico/normativa rispetto a quanto previsto, anche sotto il profilo dell’inquadramento, nel contratto del turismo.
Vi sono state disponibilità e aperture alle nostre richieste in merito all’assistenza sanitaria integrativa, la regolamentazione della possibilità di usufruire del congedo parentale ad ore e sull’aspettativa non retribuita in caso di gravi malattie.
Federterme ha chiesto di discutere la flessibilità dell’orario di lavoro, così come definita nel recente rinnovo del contratto del Turismo (Federalberghi).
Nel ribadire la difficoltà economica del settore, Federterme giustificandolo col solo criterio della sostenibilità economica, ha proposto un incremento salariale rateizzato di € 65.00, comprensivo della quota sull’assistenza sanitaria integrativa.
Nel ritenere insufficiente tale proposta, le OO.SS., pur tenendo conto delle difficoltà del settore, hanno chiesto alla controparte di riflettere e rivedere la propria posizione sui punti ancora dirimenti, al fine di poter chiudere questo rinnovo in tempi celeri con contenuti normativi ed economici soddisfacenti per le Parti.
Per poter permettere alle delegazioni di riflettere sui punti dirimenti, le Parti hanno previsto di incontrarsi il 27 febbraio p.v. alle ore 11,00 presso la Sede Federterme, Via Po 22- Roma.

p. la Filcams Cgil Nazionale
Lucia Anile