TENSIONE AI SUPERMERCATI SMK PAM: IL MATTINO DUE ORE DI SCIOPERO, IL POMERIGGIO TRATTATIVA, SULLO SFONDO 105 ESUBERI

29/03/2007

FILCAMS-Cgil
Federazione lavoratori commercio turismo servizi
Ufficio Stampa
www.filcams.cgil.it

29 marzo 2007

TENSIONE AI SUPERMERCATI SMK PAM: IL MATTINO DUE ORE DI SCIOPERO, IL POMERIGGIO TRATTATIVA, SULLO SFONDO 105 ESUBERI

Il mattino di giovedì 29 marzo i lavoratori dei Supermercati SMK PAM hanno scioperato due ore, mentre, nel pomeriggio, la delegazione del coordinamento Filcams Fisascat Uiltucs incontra la direzione di SMK PAM.

Queste due ore di sciopero sono solo le prime di un pacchetto, deciso dal coordinamento, di 4 ore di iniziative territoriali e di altre 4 ore da impiegare a livello nazionale.

La posta in gioco è un ulteriore processo di riorganizzazione che corrisponderebbe, in termini di mobilità, a 105 dipendenti.

I Supermercati SMK PAM hanno chiuso a settembre dello scorso anno un percorso di sfoltimento del personale con l’apertura dello stato di mobilità per 85 lavoratori.

Il procedimento di riorganizzazione era stato concordato siglando un accordo che comprendeva anche una diversa sistemazione degli orari nei punti vendita e la definizione, non ancora conclusa, del salario variabile 2006 e dei nuovi meccanismi per il 2007.

Proprio su questa partita era impegnata la delegazione trattante, quando i rappresentanti dell’azienda hanno dichiarato che sì, «la riorganizzazione dello scorso anno ha prodotto degli effetti positivi di abbassamento del costo del lavoro e di recupero della produttività», e però «non ha prodotto del tutto l’effetto auspicato ed è quindi da ritenersi superato».

Secondo la direzione, la catena deve porsi l’obiettivo di portare il costo del lavoro al 12%, e questo vuol dire recuperare 179.000 ore lavorative. Appunto, 105 lavoratori di troppo.

Il coordinamento ha deciso di proseguire nel confronto, appuntamento giovedì pomeriggio, con un confine stabilito: «rispetto delle relazioni sindacali e dell’accordo del 2006, e nessuna richiesta di apertura di mobilità».