“Telecom” Troppe scorie nell´Unione

29/09/2006
    venerd� 29 settembre 2006

    Pagina 10- Interni

    IL RETROSCENA

      La Bindi elogia il piglio di Prodi, ma altri criticano: sbagliato insistere
      Troppe scorie nell�Unione
      due applausi finali e il resto � gelo

        GOFFREDO DE MARCHIS

          ROMA – La freddezza della sua maggioranza testimoniata da due soli tiepidi applausi, il ritardo di Massimo D�Alema, Francesco Rutelli che gli consiglia di andare avanti anzich� incaponirsi sulla frase contestata in maniera provocatoria dal centrodestra. E il capogruppo della Rosa nel pugno Roberto Villetti che parla nel suo intervento �di leggerezze, sbandamenti e qualche vero errore�. Le scorie del caso Telecom sono saltate agli occhi durante il discorso di Romano Prodi alla Camera. Del resto, il braccio di ferro di questi ultimi quindici ha avuto due protagonisti scontati, il governo e l�opposizione. Ma anche altre sfide dirette dentro la maggioranza: il pressing di Bertinotti sul premier per convincerlo a riferire di persona, l�irritazione di Ds e Dl per il taglia-fuori prodiano nelle grandi partite economiche.

            Tutto si � svolto l�, nell�emiciclo di Montecitorio. Alla seconda interruzione sulla frase incriminata �per me, in particolare…�, l�esecutivo si � diviso in due. La pasionaria prodiana Rosy Bindi ha invitato il premier a non mollare: �Ripetilo, ripetilo�. Rutelli invece ha invocato l�intervento di Bertinotti, anche per evitare che Prodi non accettasse il guanto di sfida. Il premier, come si � visto, ha dato retta al ministro della Famiglia. Per� si � anche sentito perduto. Dai banchi del centrodestra veniva il caos. E dal centrosinistra? I deputati sembravano pi� spettatori che alleati. Infatti il premier li ha guardati per capire se si decidevano a reagire. Solo allora si sono scossi un po�. Ma la freddezza � rimasta. Negli applausi con il contagocce. Nei discorsi di diessini e diellini: �Poteva cavarsela con una battuta invece di insistere. Una reazione infantile. Ha sbagliato�, ha detto pi� d�uno. E la Quercia ha avuto qualche sospetto anche ascoltando il passaggio su altri �autorevoli esponenti del governo� che hanno avuto colloqui con Tronchetti. Voleva tirare in ballo qualcun altro su una vicenda scivolosa che lo ha visto protagonista solitario? Ad altri, dentro, la maggioranza non � piaciuta il riferimento a Telekom Serbia, cio� l�aggressivit� iniziale del Professore. Inopportuna, secondo alcuni. Insomma, cos� � maturata la freddezza piuttosto plateale della maggioranza. Ma pi� del pomeriggio di ieri hanno pesato le ultime due settimane.