“Telecom” L’ex presidente sale sul ring

26/09/2006
    marted� 26 settembre 2006

    Pagina 1 e 3 – Primo Piano

      LO SFOGO PRIMA DELL’INCONTRO CON LA STAMPA INCROCIA ANCHE SYLVESTER STALLONE POI INFILA I GUANTONI E PASSA AL CONTRATTACCO

        L’ex presidente sale sul ring
        Tronchetti: �In Italia c’� una zona grigia�

          Per il presidente della Pirelli �tutto il gruppo � solido� e le accuse sui conti svizzeri �sono infamanti�

            Francesco Manacorda

              MILANO
              CONTRO Telecom e Pirelli �una campagna che tendeva a screditare le aziende e il gruppo, per interessi che non conosco, finanziari e di potere�. Contro lui stesso e i vertici delle sue societ�, che sono �persone perbene�, una minaccia oscura che lo spinge a chiedersi �che cosa stia succedendo in questo Paese. Io ho fiducia nelle istituzioni, io mantengo la fiducia nelle istituzioni e credo che una zona grigia del Paese, favorita dalla debolezza della politica e dalla debolezza dell’etica, alla fine dovr� venire allo scoperto�.

                No, non � una conferenza stampa, quella che Marco Tronchetti Provera convoca alle cinque e mezzo del pomeriggio tra i velluti rossi dell’hotel Principe di Savoia dopo dieci giorni di autoimposto silenzio, dopo il crollo dei titoli in Borsa e soprattutto dopo l’ordinanza di arresto per l’ex capo della sicurezza Telecom Giuliano Tavaroli e altre venti persone.

                Non un incontro di quelli a cui � abituata la comunit� finanziaria, ma un vero e proprio match. In un angolo lui, il campione colpito che ha gi� dovuto cedere il titolo di presidente Telecom e oggi si presenta con quello di numero uno della Pirelli, il doppiopetto gessato al posto dell’accappatoio, le cartelle con �la vera situazione finanziaria di Pirelli e Olimpia�, invece dei guantoni. Dall’altra parte del ring molti, troppi, nemici che nelle ultime settimane hanno pestato duro con il contributo attivo – sostiene – della stampa. E dunque il fraseggiare secco rivolto ai cronisti: �Sui giornali non ho trovato una riga�, �Adesso vi do uno scoop�, �Come le ho detto�, �Forse lei non ha letto l’ordinanza�, la voce che a tratti si alza, il viso che s’imporpora, la risata amara. Entrando nell’atrio del grande albergo il presidente Telecom aveva sfiorato Sylvester Stallone in visita a Milano e adesso che Tronchetti-Rocky sta l� senza uomini dell’azienda accanto, ma solo come deve essere un uomo che vuole affermare la sua verit�, quell’incontro fortuito ha il sapore di un mezzo presentimento.

                  �Questa conferenza stampa nasce per fare chiarezza�, sono le prime parole. Poi un’ora di esposizione e di risposte per spiegare tre punti fondamentali. Punto primo: �Pirelli Olimpia e Telecom Italia sono societ� patrimonialmente e finanziariamente solide�. Punto secondo: le societ� e i vertici sono vittime e non complici di Tavaroli e soci. �Nell’ordinanza di 344 pagine il termine “intercettazioni abusive” o “intercettazioni” riferite a Telecom Italia non esiste e le societ� Pirelli e Telecom Italia, cosa che non ho visto scritta sui giornali, sono parti lese, sono soggetti danneggiati dai reati�. Punto terzo: sulla �pi� infamante delle cose che ho sentito�, ossia l’ipotesi – peraltro avallata dai pm – che ci fossero conti svizzeri di Tronchetti e di altri dirigenti del gruppo sui quali venivano accreditati solo i guadagni, e mai le perdite, di operazioni di Borsa, l’assicurazione che nulla di irregolare � mai stato fatto: �La deposizione di una persona che ha tentato un’estorsione diventa la verit�. La denuncia di chi ha sub�to questa estorsione non compare�. Temi che forse sono stati affrontati anche dal legale di Tronchetti, Francesco Mucciarelli, in un colloquio ieri mattina con il pm Fabio Napoleone che potrebbe preludere anche a un interrogatorio.

                    Sulla situazione finanziaria di Pirelli e della Olimpia che le sta sotto e che controlla Telecom con il 18%, Tronchetti sciorina un dato dopo l’altro: Pirelli ha un Ebitda di circa 700 milioni, Olimpia utili per 200 milioni. �Sapete quanto denaro � passato dal gruppo Telecom alla Pirelli? La risposta � zero lire�. Insomma, non c’� alcun bisogno di pompare dividendi dalla Telecom a monte della catena di controllo e per Pirelli �che a fine anno avr� l’80% di Olimpia… non � allo studio alcun aumento di capitale�. E anche un’eventuale svalutazione delle azioni Telecom in carico a Olimpia e Pirelli – che il presidente non esclude – �non comporta alcuna conseguenza visto che le societ� sono valutate in base al valore degli attivi�. In quanto alla vendita gi� annunciata di attivit� Pirelli per 400 milioni �la concluderemo per fine mese o per la met� di ottobre�.

                    Per quel che riguarda l’ordinanza della magistratura sul caso Telecom, la verit� di Tronchetti � che Telecom e Pirelli hanno collaborato fino in fondo e sono parti lese: �Ci siamo ritrovati sulla stampa come se noi fossimo stati responsabili delle cose che invece avevamo scoperto�. E sui conti svizzeri � ancora pi� categorico: �Io e l’amministratore delegato Carlo Buora lo abbiamo denunciato, su quei conti non c’era niente di irregolare�. �� stato coinvolto anche il dottor Puri Negri a cui � stato attribuito l’acquisto di azioni Unim che non ha mai effettuato. Io, come Buora e Puri, siamo persone per bene�.

                      Restano le frasi pesanti sulla �campagna� contro il gruppo, sulla �zona grigia�. A chi chiede precisazioni Tronchetti non d� risposte definite, spiega di non voler entrare nei dettagli del procedimento giudiziario in corso e di non voler polemizzare, �per rispetto delle istituzioni�, con il governo Prodi. Ma certo, allo scontro gi� vecchio di qualche mese con Carlo De Benedetti e il suo gruppo editoriale, si aggiunge adesso uno scenario di servizi deviati e in qualche modo la paura del presidente di Pirelli di essere finito in mezzo a una battaglia di questo genere: �E’ un fatto oggettivo, si capisce leggendo le 344 pagine dell’ordinanza. Uno arriva a 58 anni come me e si rende conto che certe cose accadono�. E pi� in generale, l’impressione di Tronchetti � quella di una concomitanza di eventi e di forze che hanno creato �un cortocircuito informativo nel quale non � stato pi� possibile far passare la nostra posizione. Qualunque cosa venisse da noi non passava�.

                        Poi lo sfogo finale rivolto direttamente ai giornalisti: �L’ho letto sulle vostre facce entrando che la posizione era negativa, negativa, negativa! Io invece vi ho detto delle cose positive�. Ma sempre a quella stampa che finora ha descritto come parte attiva del grande complotto che lo avvolge, la richiesta esplicita: �Aiutateci a far passare la verit�. Che le aziende sono sane e non sono sotto accusa della magistratura. Io sono qui questa sera per chiedervi un aiuto. Non per interesse mio: non ho niente da guadagnare, ma devo proteggere gli interessi di chi lavora in questo gruppo e di chi ci ha investito�. Gong.