TARANTO: PROCLAMATO LO STATO DI AGITAZIONE DEI DIPENDENTI DELLO STABILIMENTO ILVA

01/06/2011

1 giugno 2011

Taranto: proclamato lo stato di agitazione dei dipendenti dello stabilimento ILVA

Le organizzazioni sindacali Filcams CGIL, Fisascat CISL, Uiltrasporti UIL, Fillea CGIL, Filca CISL Feneal UIL di Taranto hanno dichiarato lo stato di agitazione dei lavoratori dipendenti delle ditte degli appalti pulizie/multiservizi ed edili, presso lo stabilimento ILVA.

“Le aziende di Semat SpA, Steel Service srl, Edilsider srl, facenti parte del Gruppo Trombini”, spiegano i sindacati “si sono assunte la grave responsabilità del mancato rispetto delle relazioni industriali con i sindacati. Tale atteggiamento denota un’enorme mancanza di rispetto verso i lavoratori e verso le Organizzazioni Sindacali che li rappresentano. Oltre a questo, c’è da aggiungersi la totale assenza di un confronto con l’ azienda, e il tutto assume un contorno davvero paradossale perché stiamo parlando di aziende che operano all’interno della realtà industriale più grande della provincia di Taranto, lì dove il rispetto delle relazioni tra le parti dovrebbe essere più che scontato.”

Queste sono le motivazioni che hanno indotto le Organizzazioni Sindacali a indire lo stato di agitazione che verrà messo in atto nei prossimi giorni con iniziative a tutto campo, per il rispetto dei diritti delle parti.
I sindacati rimangono in attesa di un segnale positivo da parte delle aziende, con la speranza che al più presto possa svolgersi un incontro al fine di superare gli ostacoli relazioni insorti nelle ultime settimane