Tag Archives: Vertenza Carrefour 2009

6 marzo 2013

Carrefour, approvato l’accordo per il rinnovo del Contratto integrativo


Con il 93% dei voti favorevoli, le lavoratrici ed i lavoratori di Carrefour, noto marchio della distribuzione organizzata, hanno approvato il contratto integrativo aziendale.
“La trattativa” afferma Maria Grazia Gabrielli segretaria nazionale della Filcams Cgil “ha completato i contenuti stabiliti nel Protocollo d’intenti, sottoscritto il 20 dicembre 2012, che ha consentito di determinare il raggiungimento di un’intesa da sottoporre alla consultazione delle lavoratrici e lavoratori del Gruppo.”
Un risultato reso possibile dal supporto garantito dalla delegazione trattante e dal coordinamento nazionale unitario delle delegate e dei delegati con cui si è condiviso il merito delle scelte e del percorso. Non ultima, la decisione delle iniziative di mobilitazione che hanno favorito la soluzione della difficile trattativa.
Formazione, relazioni sindacali, organizzazione del lavoro, premio variabile, sono tra i più importanti temi trattati in questo rinnovo contrattuale che tra l’altro conferma i capitoli del CIA 2011 a partire dai punti qualificanti dell’infortunio e malattia con relative integrazioni e la pausa retribuita in orario di lavoro.
Il gruppo Carrefour, nel 2009 ha dato il via alla prima disdetta del contratto integrativo aziendale, facendo da apripista a molte realtà del settore. La situazione di difficoltà del settore e dell’azienda continua a tradursi in contenimento dei costi a partire dai costi del lavoro con il rischio di mettere seriamente in pericolo il valore e la stabilità del contratto integrativo.
“L’accordo, che interessa circa 20mila lavoratori” conclude Gabrielli “è stato realizzato in un difficile contesto economico caratterizzato dal calo dei consumi e dalla crescente preoccupazione per la tenuta dei livelli occupazionali, ma rappresenta una risultato importante nel quadro della contrattazione del settore e assicura una risposta utile, seppur parziale, alle esigenze dalle lavoratrici e dai lavoratori del gruppo.”