Tag Archives: UNIEURO

Roma, 2 ottobre 2018


    Il giorno 26 settembre 2018 si è svolto a Bologna l’incontro con Unieuro al fine di verificare lo stato complessivo della rete vendita riguarda i punti vendita che ormai da 5 anni sono in contratto di solidarietà e che non hanno la possibilità di utilizzare ulteriormente gli ammortizzatori sociali e le criticità sopraggiunte su alcuni punti vendita a seguito dell’acquisizione di nuova rete vendita.

    Nelle slide allegate, che sono state oggetto di confronto, è possibile avere il dettaglio dello stato di avanzamento delle varie situazioni territoriali su cui invitiamo le strutture a verificare la coerenza con quanto emerso nei confronti territoriali e a darne riscontro alla struttura nazionale.

    Le due criticità più rilevanti restano quelle di Ascoli e Foggia: il punto vendita marchigiano, se pur in negativo, potrebbe ritrovare sostenibilità ricontrattando l’affitto dei locali con la proprietà del Centro Commerciale; il punto vendita pugliese invece continua ad avere perdite rilevanti e l’impresa ha dichiarato che chiuderà il punto vendita alla scadenza del contratto di solidarietà prevista il 28 Febbraio 2019.

    Abbiamo espresso contrarietà alla decisione di Unieuro di chiudere: se pur l’impresa ha annunciato da più di un anno il rischio di chiusura, i 20 lavoratori coinvolti rischiano di restare senza lavoro in un territorio complicato. L’impresa aggiunge che non intende neanche investire ulteriormente su Foggia in quanto il punto vendita era già stato spostato in una zona più centrale per tentare un recupero di produttività che ad oggi è circa la metà di quella registrata nel resto della rete vendita.

    Abbiamo comunque condiviso la necessità di teneri aperti i confronti territoriali.

    Le organizzazioni sindacali hanno inoltre avviato un confronto con l’impresa per denunciare che la politica di riduzione dei costi che coinvolge anche gli organici sta esasperando le condizioni di lavoro e c’è la necessità di prevedere un apposito incontro.

    A tal fine è convocato per il giorno 15 Novembre 2018 il Coordinamento Nazionale, vi indicheremo luogo e data precisi.

    p. La Filcams CGIL Nazionale
    Alessio Di Labio

    Roma, 10 maggio 2018

      Testo Unitario

      Il giorno 8 Maggio 2018 si è svolto a Bologna l’incontro nazionale con Unieuro alla presenza delle delegate e dei delegati. L’incontro si è concentrato sulle criticità presenti nella rete vendita:

      PUNTI VENDITA A FINE SOLIDARIETÀ
      Dal confronto è emerso che in molte unità produttive si potrebbero trovare soluzioni che risolverebbero gli esuberi:
      Maglie – ci sarebbero disponibilità alla riduzione oraria
      Bari – la situazione resta congelata in previsione della nuova apertura
      Castagnito – sono previste 3 uscite
      Matera – ci sarebbero disponibilità alla riduzione oraria.
      Sassari – nessun rischio chiusura ma ancora nessuna soluzione agli esuberi individuata
      Lecce – un trasferimento e ci sarebbero disponibilità alla riduzione oraria
      Aosta – una riduzione per motivi personali e ci sarebbero disponibilità alla riduzione oraria
      Asti – un trasferimento e disponibilità e ci sarebbero disponibilità alla riduzione oraria

      PUNTI VENDITA CON NUOVE CRITICITÀ
      SCURCOLA: 2 persone hanno manifestato la volontà di aderire alla proposta di uscita incentivata e 3 dipendenti hanno ridotto l’orario da 40 a 32 ore;
      FROSINONE: un trasferimento e la disponibilità dei lavoratori a ridursi l’orario a 36 ore;
      ISERNIA: piano smaltimento ferie e permessi arretrati che potrebbe consentire di gestire gli esuberi fino a fine anno; poi si valuterà avvio CdS;
      SESTO FIORENTINO: 2 persone in aspettativa fino a settembre (pari a 1,5 FT), una richiesta di passaggio da 40 a 30 ore; a settembre verifica per eventuale avvio del CdS;
      PRATO: uscita di un PT 0,6, trasferimento di 1 FT a Prato Targetti fino al 31 dicembre, piano di smaltimento ferie e permessi arretrati per le restanti ore di esubero. A settembre verifica per avvio cds;
      CAMPOBASSO: un’assenza per congedo parentale più piano smaltimento ferie e permessi arretrati che dovrebbe consentire di gestire gli esuberi fino a fine anno;
      ASCOLI: trasferimenti ad Ascoli Battente;
      LANCIANO: avvio del CDS da subito;
      FOGGIA: avvio del CDS da subito;

      Le situazioni più critiche restano quelle di Foggia dove l’impresa dichiara di dover intanto affrontare con la solidarietà i 3,2 EFT in esubero ma annuncia da subito che se a chiusura dell’anno fiscale la sostenibilità non fosse migliorata verrà valutata la chiusura del punto vendita; quella di Ascoli è una situazione al momento verranno affrontati gli esuberi attraverso il trasferimento di 2,3 EFT presso altri punti al contempo il punto vendita resta sotto osservazione. A livello nazionale verrà perciò sottoscritto un contratto di solidarietà per i punti vendita di Lanciano e Foggia, fatto salvo elementi diversi che potrebbero emergere dai confronti territoriali.

      Invitiamo le strutture territoriali a chiedere pertanto incontri al fine di verificare le singole situazioni, anche perché non è chiaro il motivo per cui molti lavoratori dei punti vendita che non hanno mai utilizzato ammortizzatori sociali abbiano dato disponibilità alla riduzione oraria nonostante la disponibilità dell’impresa ad avviare il contratto di solidarietà. Per i punti vendita che invece ultimeranno i mesi disponibili di solidarietà sarà necessario fare a livello territoriale tutti gli approfondimenti per ricercare una soluzione alternativa anche al fine di verificare quanto emerso a livello nazionale. Invitiamo quindi le strutture territoriali ad inviarci il resoconto dei confronti.

      p. La Filcams CGIL Nazionale
      Alessio Di Labio