Tag Archives: Mu.M.M.I.A.

Ai compagni e alle compagne della Filcams nazionale e delle Filcams Regionali e Territoriali.

Cari compagni e care compagne,
vi inoltro la comunicazione che abbiamo inviato ai partner del progetto MuMMIA perché può essere un utile strumento IN-Formativo per delegati e funzionari che si occupano di aziende multinazionali..

Il progetto, che si è appena concluso, ha affrontato le problematiche sindacali della costituzione e gestione dei Comitati Aziendali Europei focalizzando le esperienze nelle imprese che, oltre ad essere multinazionali, coprono settori diversi tra loro; la Filcams si trova spessissimo in questa situazione in tutte quelle aziende che vendono merci, o erogano servizi, prodotti dal altri, si pensi ad es. al settore auto, all’informatica o ai servizi alle imprese.

Il documento allegato consente di accedere agilmente tramite link, oltre che al sito internet, direttamente ai documenti, alle presentazioni e ai filmati multilingue frutto di un anno di lavoro della Filcams e dei partner. Strumenti questi che consentono di dare continuità al progetto stesso e che sono già oggi un momento di aggregazione anche per i delegati CAE e per i funzionari Filcams che hanno a che fare con le imprese multinazionali.

Vi invito pertanto a trasmettere questa documentazione, oltre che ai funzionari del vostro territorio, ai Delegati CAE e/o di imprese multi-nazionali del vostro settore.

Un abbraccio.


Gabriele Guglielmi
Coordinatore delle Politiche Internazional
i

Ai Partner del Progetto MuMMIA
e.p.c.
Alla Commissione Europea
A tutti coloro che hanno partecipato ai lavori del progetto

Cari partner,
il progetto MuMMIA si è concluso; ringraziamo tutti voi, lo staff del progetto, i collaboratori interni ed esterni e tutti coloro che hanno partecipato ai nostri lavori con l’auspicio che quanto insieme abbiamo seminato produca nuovi frutti che ci portino a sviluppare nuove iniziative comuni.

Nell’augurarvi i migliori auguri di buone feste, speriamo in un 2014 di uscita dalla crisi e agiamo tutti insieme perché il nuovo Parlamento Europeo accolga le richieste dei lavoratori.

Cogliamo l’occasione per fornire a tutti noi questo agile manuale interattivo per una migliore utilizzazione e diffusione dei risultati del progetto.

Se vorrete inserirlo sul vostro sito, questo è il banner con il link al sito e il QR-Code:

Sul Canale YouTube MuMMIA.Project:

sono visibili e scaricabili in 4 lingue: EN, ES, FR, IT gli oltre 110 filmati di tutti gli interventi della Conferenza del Progetto.

Ad oggi, le presentazioni e le relazioni pubblicate su Slide Share, sono state viste oltre 1.300 volte:

Dal sito web: http://mummia.filcams.it/ (alla pagina Download)
o accedendo attraverso questo QR-code:
potete scaricare: i documenti finali del progetto, la brochure e l’agenda for action.

Il quadro completo, e costantemente implementato, di: filmati, documenti, presentazioni ecc. è alla pagina:

Un Abbraccio in solidarietà.
Gabriele Guglielmi e Stefania Radici

Roma 17 dicembre 2013


EN
Please find enclosed the letter in English and Italian.
Best regards,
Gabriele Guglielmi e Stefania Radici
FILCAMS CGIL Nazionale (The Italian Commerce, Tourism and Services Workers’ Federation)

***

IT
Trovate in allegato la lettera in Inglese e Italiano.
Cordiali Saluti,
Gabriele Guglielmi e Stefania Radici
FILCAMS CGIL Nazionale (Federazione Italiana Lavoratori/trici Commercio, Alberghi, Mense e Servizi)

Il 5 Giugno 2013 a Bruxelles si é riunito per l’ultima volta il comitato di pilotaggio del Progetto:

Mu.M.M.I.A.

Multisectoral Multinationals Managing Information & Consultation Agreements.

Questo ultimo Comitato aveva anche il compito di fare una valutazione su quanto fatto e su quali obiettivi sono stati raggiunti; aveva altresì il compito di proporre possibili ulteriori approfondimenti e percorsi utili a raggiungere l’obiettivo di: facilitare la costruzione di organi di informazione, consultazione e negoziare accordi in imprese multinazionali aventi la caratteristica della pluri-settorialità. Oltre ai rappresentanti dei partner e alle ospiti di UNI Europa: Birte Dedden e Anna Harvey hanno partecipato:Aline Hoffmann e Romuald-Jagodzinski di ETUI

Il progetto ha l’obiettivo di indicare strumenti per rendere più agevole la comunicazione fra partner sindacali impegnati in settori economici diversi tra loro; e di facilitare l’esercizio di informazione, consultazione e contrattazione in imprese che, oltre ad essere multinazionali, sono anche multi-settoriali.

Iniziato il 20 settembre 2012 con il meeting di avvio che si è tenuto a Bruxelles, nei tre mesi successivi il Progetto si è sviluppato con 5 workshop nazionali: Italia, Belgio, Spagna, Turchia e Francia; i partecipanti sono stati oltre 100, 30 le aziende coinvolte, 4 le lingue dei questionari distribuiti, una cinquantina quelli raccolti.

Alla Conferenza del 17 e 18 maggio a Firenze i partecipanti sono stati 88; gli oltre 30 interventi presentati sono pubblicati sul sito del progetto http://mummia.filcams.it

Il Comitato di Pilotaggio ha indicato quali azioni completare entro la data finale del Progetto (19 settembre 2013) e quali percorsi intraprendere per dare continuità di ricerca su un tema, quello della multi-settorialità di tante imprese multinazionali e delle conseguenti relazioni industriali che coinvolgono partner sindacali operanti su più settori, che ha destato interesse sempre maggiore fra i partner sindacali e negli istituti di ricerca.

La Patnership di MuMMIA

Capofila FILCAMS-CGIL ITALY
PARTNER LBC-NVK
FSC-CCOO
CHTJ-UGT
FGA-CFDT
KOOP-IS
CGIL-Lombardia
IRES CGIL Emilia-Romagna
National TU – BELGIUM
National TU – SPAIN
National TU – SPAIN
National TU – FRANCE
National TU – TURKEY
Local TU – ITALY
Research Institute – ITALY
SUPPORTER ETUC
EFFAT
UNI-Europa
EMF
FECOHT-CCOO
COMFIA-CCOO
CTUC
FIOM-CGIL
Filcams CGIL-Piemonte
European TU Confederation
European TU Federation
European TU Federation
European TU Federation
National TU – SPAIN
National TU – SPAIN
National TU – CROATIA
National TU – ITALY
Local TU – ITALY

Il 23 gennaio 2013 a Roma si riunioni il comitato di pilotaggio del Progetto:

Mu.M.M.I.A.

Multisectoral Multinationals Managing Information & Consultation Agreements.

Questo progetto ha l’obiettivo di indicare strumenti per rendere più agevole la comunicazione fra partner sindacali impegnati in settori economici diversi tra loro; e di facilitare l’esercizio di informazione, consultazione e contrattazione in imprese che, oltre ad essere multinazionali, sono anche multi-settoriali.

Iniziato il 20 settembre 2012 con il meeting di avvio che si è tenuto a Bruxelles, nei tre mesi successivi il Progetto si è sviluppato con 5 workshop nazionali: Italia, Belgio, Spagna, Turchia e Francia; i partecipanti sono stati oltre 100, 30 le aziende coinvolte, 4 le lingue dei questionari distribuiti, una cinquantina quelli finora raccolti.

In vista della Conferenza che si terrà il 17 e 18 maggio a Firenze nei Padiglioni di Terra Futura, oltre a concludere la raccolta e la sistematizzazione dei contributi scaturiti dai workshop; a continuare la diffusione dei questionari anche attraverso nuovi canali; il Comitato di pilotaggio ha deciso di avviare due ulteriori strumenti di ricerca:

    -approfondire 10 casi studio aziendali
    -sviluppare 15 interviste a testimoni privilegiati individuati fra sindacalisti delle strutture europee e nazionali sia confederali, che di diverse Federazioni di Categoria.

Il Comitato di Pilotaggio ha adottato il nuovo logo, che verrà presentato alla Conferenza di Firenze.
Con l’obiettivo di implementare e migliorare la comunicazione; di favorire la disseminazione delle attività di MuMMIA si é deciso di anticipare, rispetto ai tempi indicati nel progetto, la costruzione del sito e della newsletter.

La Patnership di MuMMIA

Capofila FILCAMS-CGIL ITALY
PARTNER LBC-NVK
FSC-CCOO
CHTJ-UGT
FGA-CFDT
KOOP-IS
CGIL-Lombardia
IRES CGIL Emilia-Romagna
National TU – BELGIUM
National TU – SPAIN
National TU – SPAIN
National TU – FRANCE
National TU – TURKEY
Local TU – ITALY
Research Institute – ITALY
SUPPORTER ETUC
EFFAT
UNI-Europa
EMF
FECOHT-CCOO
COMFIA-CCOO
CTUC
FIOM-CGIL
Filcams CGIL-Piemonte
European TU Confederation
European TU Federation
European TU Federation
European TU Federation
National TU – SPAIN
National TU – SPAIN
National TU – CROATIA
National TU – ITALY
Local TU – ITALY

PARIS, 12 DECEMBER 2012

VENUE:

CFDT Cadres
Union confédérale des ingénieurs et cadres
47, avenue Simon-Bolivar 75950 Paris,
salle 28, Bâtiment Bolivar

10.30Registration and Introductory welcome

Héléne Deborde – FGA CFDT
Gianluca Iacoangeli – Filcams CGIL

11.00MuMMIA Project Presentation and aims
Massimo Mensi – Filcams CGIL

11.30Coffee Break

    12.00 A “Decathlon multinational perspective”

    Report by Isabella Liguori – Workers’ representative for Filcams CGIL

    12.20 Panel session, questions and answers on topics

    All participants

    13.00 Lunch

    14.00 A “Danone multinational perspective”

    Report by FGA – CFDT

    14.30 Quick introduction and view of the 30/2009 directive and introduction to the “project” questionnaire

        Prof. Volker Telljohann – IRES CGIL Researcher

    15.30 Collection of the filled questionnaires

    15.30Panel session on ewc’s, transnational issues and questionnaire

    All participants – Volker Telljohann

    16.30 Conclusions

    Gianluca Iacoangeli and Massimo Mensi – FILCAMS CGIL
    Hélène Deborde – FGA CFDT

    PROGETTO EUROPEO

    Mu.M.M.I.A

    Multisectoral Multinationals Managing Information & Consultation Agreements.
    Enhancing trade union capacity building for adapting to dynamic
    and cross border transnational companies

    Budget heading 04.03.03.03
    “Information, Consultation and Participation of Representatives of Undertakings”

    VP/2012/0303

    WORKSHOP

    ISTANBUL, 28 NOVEMBRE 2012

    VENUE:
    LARESPARK HOTEL

    Topcu Caddesi, No.23
    Taksim Istanbul
    Turkey

    9.00Registration and Introductory welcome
    Deniz Akdogan – Koop-IS
    Aziz Hacisalihoglu – Koop-IS
    Ahmet Bircan Akdogan Koop- IS
    9.30MuMMIA Project Presentation
    Volker Telljohann
    9.50 IKEA Global Alliance – overview, strengths and “state of the art”

        Cristian Vicoletti – Filcams CGIL

    10.10IKEA workers’ Organizing in Turkey
    10.30 First Panel session, first questions and answers
    All participants
    11.00Coffe Break
    11.15Second Panel Session and delivery of the Project research questionnaire (assisted)

        Volker Telljohann and all participants

    12.00 Collection of the filled questionnaires
    12.00Panel session on ewc’s, transnational issues and questionnaire
    All participants – Volker Telljohann
    12.30 Conclusions, last session of “questions and answers”
    Deniz Akdogan – Koop-IS
    Aziz Hacisalihoglu – Koop-IS
    Ahmet Bircan Akdogan Koop- IS
    13.00Lunch

    This project is run with the financial support of the European CommissionThe European Commission is not responsible for any information in or use of this document and bears no financial or any other responsibility.

    MuMMIA Workshop Madrid 20 11 12

    Il 20 novembre 2012 si è svolto a Madrid il terzo Work Shop di MuMMIA (la data inizialmente programmata era il 14 novembre ed è stata posticipata a seguito della proclamazione della giornata di mobilitazione europea.)

    Oltre alla qualificata presenza di delegati sindacali delle seguenti aziende multinazionali-multi-settoriali

    CWL4
    CREMONINI 3
    SODEXO3
    ATGR/ALDEASA2
    DECATHLON1

    sono stati presenti dirigenti sindacali di CC.OO e di UGT, assente giustificato Emilio Ferrero perché in turno notturno presso l’Hotel Paradores di Leon.

    Per l’Italia erano presenti Gabriele Guglielmi della Filcams e Volker Telljohann, IRES ER (oltre al Sig, Marcon che ha curato gli aspetti tecnici e coordinato le interpreti); ha presieduto Fernando Medina Gomez, Segretario dell’azione sindacale internazionale di CC.OO Fechot.

    Dopo l’auto-presentazione dei partecipanti, Fernando Medina Gomez ha portato i saluti delle Organizzazioni Sindacali spagnole: COMFIA, FECOHT e FSC di CCOO; CHTJ-UGT, ha poi commentato il progetto MuMMIA affermando che inizialmente era meravigliato del progetto ma che si è poi subito reso conto dell’ampiezza del fenomeno multi-settoriale nelle TNC. Ha ricordato che in Spagna ci sono due buone leggi (quella iniziale e quella del 2009) che hanno recepito le Direttive sui CAE che riconoscono il valore fondante del soggetto sindacale; aspetto non valorizzato nelle vecchia Direttiva. Si è poi soffermato sulla crisi finanziaria, che è divenuta economica e che in Spagna ha distrutto il tessuto produttivo del Paese di cui il 25% di disoccupazione é l’effetto "statistico" più evidente; ma di fatto é una crisi delle istituzioni, democratiche, partecipative e sociali della Spagna. Una crisi che non solo a socializzato le perdite, ma ha distrutto anche il sostegno sociale che le famiglie e le cooperative (comprese le banche cooperative) pensavano di aver costruito quale rete di protezione. Una crisi che é stata affrontata sostituendo alla svalutazione della peseta, impossibile con l’euro, attraverso la svalutazione dei salari, delle pensioni, dei diritti individuali, e sociali rappresentati dalla contrazione dei servizi pubblici.

    Gabriele Guglielmi ha poi presentato la relazione che si allega.

    Guglielmi ha evidenziato il contesto delle TNCs e dei CAE installati nel quale si colloca il progetto MuMMIA ed ha evidenziato le aziende sulle quali sviluppare approfondimenti nel Work Shop spagnolo: Autogrill, Cremonini, CWL, Decathlon e Sodexo.

    Il dibattito:

    Juan Carlos di UGT CWL ha evidenziato come sia indispensabile che il sindacato abbia sempre chiaro il: dove si decide, Bruxelles e i quartier generali delle TNC

    Serafin Delgado: CC.OO. CWL, ha evidenziato come il CAE esistesse già quando CWL faceva parte del Gruppo Accor e che si dissolse con la separazione da Accor. Il tentativo di ricostituire il CAE iniziò nell’aprile 2009; Serafin ha anche quantificato la mole di lavoro per mettere in contatto i rappresentanti dei diversi Paesi: 600 e-mail; nell’aprile 2011 é iniziato il nuovo confronto fra 26 rappresentanti di 22 Paesi (dei quali solo 5 sono espressione del sindacato). L’azienda non vuole il CAE, ma un Forum con regole meno stringenti. E’ rimasta senza risposta la richiesta di svolgere, il giorno prima della riunione, un incontro con i rappresentanti dei Paesi non sindacalizzati. Serafin paragona il primo incontro del GSN ai primi minuti della Creazione: se non ci si conosce, se l’azienda sottopone già i primi fogli da firmare … ci si ritrova che è già stato creato il mare e la terra. Il consulente esterno di fiducia del Sindacato deve essere presente fin dal primo momento. Nel merito dell’intervento di Serafin, Fernando Medina ha precisato che dalla scissione di Accor sono nate tre aziende: Hotel, autonoleggio e agenzie di viaggio (quasi una controtendenza rispetto ai fenomeni in osservazione con MuMMIA)

    Ana Parreno di Aldeasa-Autogrill ha posto l’attenzione su un fenomeno tipico della sua azienda ( e del suo settore): le attività in concessione e le gare che potrebbero modificare il perimetro aziendale: la domanda posta è: ma se le attività in gara che occupano oltre 2.000 lavoratori, (Ana compresa la quale é componente del CAE Autogrill) e non solo in Spagna, sono sottoposte alla consultazione del CAE? e se Autogrill perde la gara cambierà anche il perimetro del CAE? e se la gara la vincesse Dufry, che non ha il CAE, si aprirebbe automaticamente il negoziato?

    Victoria Garcia, componente del CAE Sodexo, 380.000 dipendenti che oltre al catering ora si occupano anche di giardinaggio, sicurezza. Il CAE è costituito dal 1999 ed é coordinato da Kerstin Howald di EFFAT; 19 membri di 14 Paesi. Sodexo é definita un’azienda socialmente responsabile, disponibile anche a esportare i diritti fuori dall’Europa e che, forse perché pressata in prossimità delle olimpiadi di Londra, ha anche sottoscritto un TGA con la UITA; accordi globali comunque ci sono su prevenzione e richi infortunistici, valorizzazione dei lavoratori anziani. L’accordo globale sottoscritto con UITA é comunque una buona pratica da replicare.

    José di Decathlon-Alicante, componente del Comitato Intercentrico della società dove ai circa 150 delegati di CC.OO. e UGT si aggiungono un centinaio di delegati di altri sindacati, anche gialli come nella "migliore" tradizione delle aziende facenti capo alla famiglia Muliez (Auchan) auspica un percorso che ci porti all’alleanza sindacale europea finalizzata alla costituzione del CAE.

    I delegati delle imprese spagnole controllate dal Gruppo Cremonini sono intervenuti per sollecitare la costituzione dell’alleanza sindacale che coinvolga anche i Paesi dove i lavoratori non sono sindacalizzati: Belgio, Francia e Polonia.

    Nella sessione pomeridiana, Volker Telljohann ha prima illustrato il questionario tradotto anche in Castillano e lo ha distribuito per la compilazione lasciandone copie per i Delegati che non sono riusciti a partecipare al proficuo Work Shop di Madrid e ci siamo dati appuntamento per la Conferenza finale che si terrà a maggio 2013 in Italia.

    WORKSHOP

    Bruxelles, 30 OTTOBRE 2012

    Elewijtt Congress Center

    PROGETTO EUROPEO

    Mu.M.M.I.A

    Multisectoral Multinationals Managing Information & Consultation Agreements.

    Enhancing trade union capacity building for adapting to dynamic
    and cross border transnational companies

    Budget heading 04.03.03.03
    “Information, Consultation and Participation of Representatives of Undertakings”

    VP/2012/003

    Il giorno 30 ottobre 2012, come previsto dall’agenda progettuale, si è regolarmente tenuto a Bruxelles, il secondo workshop del progetto Internazionale co-finanziato guidato dalla Filcams CGIL.

    Partenza tutta italiana per Mu.M.M.I.A, il progetto europeo di FILCAMS CGIL.

    Primo workshop a Milano presso la CGIL Lombardia sui Comitati Aziendali Europei nelle realtà multinazionali intersettoriali: un’iniziativa apprezzata per l’alto livello formativo e di ricerca.

    Il 19 ottobre 2012, secondo il programma definito con la Commissione Europea, si è tenuto il primo workshop, dopo l’avvio a Bruxelles, dedicato ai delegati sindacali di imprese multinazionali con prevalenza delle realtà multisettoriali.

    Ai lavori, oltre allo staff di lavoro delle Politiche internazionali Filcams CGIL nazionale, composto dai compagni Gabriele Guglielmi, Massimo Mensi e Gianluca Iacoangeli, hanno preso parte:

      -Franco Martini, Segretario Generale Nazionale della Filcams CGIL Nazionale
      -Fausto Durante, Segretariato Europa della CGIL Nazionale
      -Massimo Bonini, Segretario Filcams CGIL Milano
      -Cecilia de’Pantz, Segretario Generale Filcams CGIL Padova
      -Massimo Vigano, Segretario Filcams CGIL Monza e Brianza
      -Fabio Ghelfi, Responsabile Politiche internazionali CGIL Lombardia.

    Inoltre ha partecipato il prof. Volker Telljohann, ricercatore di IRES-CGIL, partner del progetto.

    I lavori sono stati presieduti dalla compagna De’Pantz e hanno avuto come filo conduttore, le attività di sindacalizzazione internazionale e nello specifico quelle riferibili alle realtà delle Multinazionali.

    Durante lo svolgimento dei lavori, IRES CGIL ha somministrato ai partecipanti il questionario di ricerca, elemento fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi del progetto europeo che sono di fornire degli strumenti pratici per affrontare in maniera efficace ed efficiente le nuove realtà multinazionali.

    La Filcams CGIL nazionale, capofila del progetto Mu.MMIA ha inteso fornire ulteriori contributi informativi e formativi di carattere internazionale, con specifico riferimento alle normative comunitarie riguardanti l’informazione e la consultazione delle rappresentanze dei lavoratori con specifica attenzione alle novità apportate dalla Direttiva europea n. 38/2009 e della sua trasposizione nel sistema giuridico italiano (D. lgs. 22 giugno 2012 , n. 113 in attuazione della direttiva 2009/38/CE).

    Il compagno Fausto Durante ha illustrato le direttive europee ai delegati presenti, facendosi portatore di una importante esperienza maturata in un contesto di categoria e confederale e ha potuto rispondere alle numerose richieste di informazioni e chiarimenti sui Comitati Aziendali Europei.

    Il Segretario Nazionale, Franco Martini, ha posto in evidenza come le attività articolate nel Progetto MuMMIA, rappresentano un importante passo verso una nuova declinazione delle attività sindacali.
    Tale ricerca e studio non è un patrimonio proprio solo della categoria, ma proprio per le peculiarità che esso riveste, ha una forte caratteristica di confederalità che è disponibile e viene offerta a tutto il Sistema CGIL e di multisettorialità, priorità esplicitata recentemente anche dalla CES.

    Le parole chiave che Franco Martini ha evidenziato, sono state all’insegna di un intervento su un’altra dimensione dell’attività sindacale, caratterizzata da:

      -Internazionalità e consapevolezza
      -formazione
      -confederalità
      -contrattazione

    Più che mai, in questo periodo storico, le grandi imprese multinazionali sono in grado di influenzare ed intervenire a diversi livelli, dal macroeconomico al locale, incidendo in maniera significativa sulle vite delle persone e dei Paesi. Le loro dinamiche e le strategie economico finanziarie richiedono da parte del Sindacato, un’organizzazione e un metodo di intervento diverso e differentemente declinato, consapevoli che occorre avere anche una dimensione relazionale e politica a livello internazionale.
    Filcams aderisce a due federazioni internazionali.
    Una è lo IUF-IUTA, composta da 336 sindacati in 120 diversi paesi per un totale di oltre 12 milioni di lavoratori dei comparti food, ristoranti, hotel, catering, tabacco e attività collegate all’agricoltura.
    La seconda è UNIGlobal, federazione internazionale che unisce i sindacati del settore dei servizi. Aderiscono ad essa più di 900 sindacati in 140 paesi del mondo che rappresentano circa 20 milioni d’iscritti.
    Il sindacato globale del commercio UNI mira alla costruzione di alleanze sindacali e reti di sostegno per campagne di sindacalizzazione strategiche e per raggiungere l’obiettivo di ottenere accordi globali con le compagnie multinazionali del settore.
    Questo è un livello di partecipazione e lotta sindacale che occorre perseguire.

    Filcams Cgil ha ritenuto di impostare un Piano nazionale della formazione, con grande coinvolgimento e partecipazione, poiché crede che la formazione possa essere veramente l’elemento importante del cambiamento e proprio nel PNF, queste materie riferite a una rinnovata dimensione sindacale globale troveranno casa.

    Queste esperienze sono un patrimonio per la categoria e i territori ma sono a disposizione e fruibili dall’intero sistema confederale, consapevoli che così si favorisce e si creano le condizioni ottimali per un balzo avanti del Sindacato tutto. La Filcams ci ha creduto ed ha investito in risorse economiche, umane, di idee e professionalità.
    Nel prossimo futuro, la categoria ha in programma altri appuntamenti dove esercitare una più ampia partecipazione e sperimentare nuove forme di modalità organizzative.

    Vengono inoltre indicati quali elementi di interconnessione e cerniera rispetto alle attività di politica internazionale, i compagni Gabriele Guglielmi, Massimo Mensi e Gianluca Iacoangeli, che per le competenze ed esperienze maturate sono in grado di fornire alla categoria e all’intero sistema confederale, un importante supporto per la crescita e la formazione di politiche focalizzate sul mondo delle imprese multinazionali, alleanze globali e comitati aziendali europei.

    Il prossimo appuntamento è previsto per il giorno 30/10 presso il centro congressi di Elewjitt, Bruxelles. Quest’ultimo avrà il supporto nella fase di organizzazione e gestione da parte del sindacato LBC-NVK nella persona di Koen Dries, Segretario nazionale, partner progettuale belga.

    (A cura di Massimo Mensi)

    Gli Allegati:
    -L’agenda
    -La squadra di MuMMIA
    -Presentazione di Gianluca Iacoangeli
    -Presentazione di Gabriele Guglielmi
    -Il discorso di Salvador Allende all’ONU sulle multinazionali
    -i dati dell’Osservatorio del Centro Nuovo Modello di Sviluppo sulle multinazionali

    Scarica le foto dell’evento: https://www.box.com/shared/sz2s8lynfxyawm8pc0ny

    Mu.M.M.I.A.

    Multisectoral Multinationals Managing Information&Consultation Agreements

    VS/2012/0303

    20-09-2012 Kick-Off Bruxelles

    SINTESI

    Il progetto M.u.M.M.I.A. scaturisce dalla necessità di accelerare e facilitare i processi di negoziazione dei Comitati Aziendali Europei all’interno delle aziende transnazionali con un perimetro multisettoriale (circa il 10% delle aziende e il 20% dei gruppi ha attività in più di un settore; il trend è in crescita).

    Il numero dei CAE esistenti è ancora molto inferiore al numero della aziende che ricadono sotto la Direttiva europea 2009/38/CE sui Diritti di informazione, consultazione e partecipazione dei lavoratori. Tale gap rivela limiti e difficoltà molteplici e di varia natura.

    Essi derivano non solo dalla struttura complessa dell’azienda o del gruppo, che non di rado varia modelli gestionali e organizzativi a seconda del contesto geografico e settoriale in cui opera, ma sono altresì legati all’eterogeneità degli attori sindacali coinvolti, i quali hanno ambiti di provenienza, priorità politiche, orientamenti culturali, esperienze e competenze talvolta molto diversi.

    Tali fattori producono ostacoli e impedimenti all’avvio dei Gruppi Speciali di Negoziazione, alla conclusione positiva dei negoziati e al funzionamento dei CAE stessi.

    Mentre le aziende multinazionali si contraddistinguono per il dinamismo con cui riescono ad allargare il campo delle loro attività, le organizzazioni sindacali hanno difficoltà a superare le barriere geografiche e settoriali che li separano, finendo per inibire l’esercizio a livello europeo dei diritti di informazione, consultazione e partecipazione dei lavoratori. Gli strumenti di cui dispongono sono inadeguati, la loro azione è lenta, quasi come i movimenti di una “Mummia”.

    Il progetto mira a promuovere l’avvio di nuovi GSN per la creazione di CAE all’interno di imprese multisettoriali. A tal fine, l’IRES-CGIL Emilia Romagna realizzerà uno studio per identificare con chiarezza i fattori oggettivi e soggettivi che favoriscono ovvero ostruiscono i negoziati, a partire dall’analisi di casi concreti (negoziati che hanno avuto esito positivo; negoziati che hanno avuto esito negativo; negoziati in corso etc). Lo studio fornirà input al team di progetto per individuare le azioni necessarie ad aggredire i problemi e potenziare le alleanze sindacali: un’agenda e un piano di azione indicheranno tempi e modi per dotare i membri dei GSN (attuali e/o futuri) di strumenti e competenze utili a condurre efficacemente i lavori e siglare accordi CAE di qualità.

    La FILCAMS-CGIL è capofila del progetto. Il partenariato è formato dalle seguenti organizzazioni:

      ·IRES-CGIL Emilia Romagna
      ·CHTJ-UGT (Sindacato del Commercio, SPAGNA)
      ·FSC-CCOO (Lavoratori dei Servizi Pubblici, SPAGNA)
      ·LBC-NVK (Sindacato dei quadri Settore Privato e No-profit, BELGIO)
      ·FGA-CFDT (Lavoratori del Settore Agroalimentare, FRANCIA)
      ·KOOP-IS (Lavoratori Cooperative e Commercio, TURCHIA)
      ·CGIL Lombardia

    Anche FIOM-CGIL, FILCAMS-CGIL Piemonte, CTUC (Sindacato dei Lavoratori del Commercio, CROAZIA), FECOHT-CCOO (Lavoratori del Commercio e del Turismo, SPAGNA) e COMFIA-CCOO (Lavoratori dei Servizi Finanziari e Amministrativi, SPAGNA) hanno dato il supporto al progetto e prenderanno parte alle attività.

    Sostengono altresì il progetto la Confederazione Europea dei Sindacati e le seguenti Federazioni europee: EFFAT (Federazione del turismo e dell’agroalimentare); UNI-Europa (Federazione del Commercio e dei Servizi); EMF, adesso INDUSTRIALL (metalmeccanici, chimici, elettrici e tessili). La partecipazione delle suddette organizzazioni europee garantisce la sostenibilità nel tempo del progetto e l’attuazione coordinata del piano.

    Il progetto è co-finanziato dalla Commissione Europea

    Mu.M.M.I.A.: La Filcams é capofila di un progetto europeo sui CAE