Tag Archives: Coopservice S. Coop. P.A.

Roma 20-03-15

Nella giornata di martedì 17 marzo u.s. abbiamo incontrato, insieme a Fisascat e Uiltrasporti Nazionali, la dirigenza di Coopservice.

L’incontro si è svolto su richiesta dell’azienda, che ha manifestato alle OO.SS. la necessità di aprire un confronto specifico su tre materie:

    ·esigenze di flessibilità organizzativa nel mercato di riferimento;

    ·definizione di specifiche modalità di accesso alla formazione professionale;

    ·andamento generale ed ipotesi di sviluppo.

In merito al primo punto la Coopservice, ha rilevato che le particolari situazioni di criticità evidenziatisi nel settore, anche attraverso i continui tagli dei committenti, hanno posto l’azienda nella necessità di affrontare il trema di una riorganizzazione complessiva che preveda altresì una diversa gestione e modulazione degli orari di lavoro. Per questo motivo l’azienda ha richiesto alle OO.SS. la possibilità di definire una intesa aziendale in materia di flessibilità organizzativa e degli orari di lavoro.

Su questo tema abbiamo sottolineato alla Coopservice che ci sono note benissimo le criticità del settore poiché le stesse stanno ricadendo in modo sempre più drastico sulle condizioni delle lavoratrici e dei lavoratori ed in ogni caso, spesso, non derivano solamente dai tagli effettuati dai committenti ma anche da non corrette e puntuali gestioni delle aziende medesime.

Inoltre abbiamo dichiarato all’azienda che le problematiche che si presentano nel settore risultano più volte specifiche e diverse nei territori e negli appalti, tra l’altro poi già le norme del CCNL del settore già presentano diverse possibilità per affrontare e superare dette criticità, ribadendo altresì che ogni nostro intervento o possibile soluzione non può comunque prescindere dalla finalità di tutelare la continuità dell’occupazione e del reddito delle lavoratrici e dei lavoratori del settore

In ogni caso occorre dare prioritariamente una urgente risposta alle problematiche tutt’ora presenti e ancora non risolte in diversi territori come ad esempio:

    Øla situazione che permane da troppo tempo delle buste paga errate, denunciata ripetutamente ed a tutti i livelli dalle OO.SS. e che sta determinando gravi disagi alle già difficili condizioni dei lavoratori;

    Øla non corretta ed in alcuni casi mancata applicazione di alcune intese ( es l’intesa sulla banca delle ore negli appalti delle scuole );

    Øla necessità di migliorare sensibilmente il rapporto ed il confronto con le strutture sindacali territoriali anche al fine di evitare i comportamenti difformi dell’azienda che si stanno registrando in diversi territori e su appalti simili e limitrofi ( es Ospedali ) nella gestione del personale sia dal punto di vista economico che normativo.

Posto tutto ciò, per poter comprendere ed affrontare i temi presentati dall’azienda, è necessario un approfondimento non generico, ma puntuale e dettagliato, sulla situazione dell’azienda e sulle sue proposte dunque è necessario un ulteriore, specifico incontro.

Sulla questione inerente le modalità di accesso e lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori, la Coopservice ha proposto alle Organizzazioni Sindacali la condivisione di un accordo quadro di durata triennale, in cui stabilire le tematiche necessarie da sviluppare nei programmi formativi finalizzati alla formazione ed alla qualificazione dei lavoratori. Una intesa, altresì in grado di agevolare la tempistica della condivisione dei piani formativi in specifici accordi e quindi la loro presentazione al fondo paritetico interprofessionale per la formazione continua di riferimento.

Su questa tematica abbiamo evidenziato che l’accordo quadro può risultare un percorso possibile ma un elemento imprescindibile è che i singoli piani formativi da presentare vanno necessariamente verificati, concordati e sottoscritti di volta in volta.

Per rendere più corretto , agevole e veloce il percorso sopra descritto l’eventuale intesa su un accordo quadro deve specificatamente prevedere un comitato paritetico di pilotaggio in grado di verificare il rispetto dei contenuti e delle tematiche condivise nell’accordo e monitorare l’effettiva erogazione della formazione ai lavoratori ed alle lavoratrici coinvolte.

Su questa tematica la Coopservice ha manifestato la propria disponibilità e sulla bozza di accordo sulla formazione presentata dall’azienda saranno dunque apportate tutte le necessarie modifiche ed integrazioni per giungere ad un testo condiviso.

Infine nel prossimo incontro saranno altresì necessarie le informative dell’azienda sull’andamento generale e sulle ipotesi di sviluppo.

Per il proseguimento del confronto con Coopservice ci siamo aggiornati al 9 aprile p.v. alle ore 10,30 in Via Guattani, sede Legacoop Nazionale a Roma.

P.Filcams CGIL Nazionale

Elisa Camellini