Tag Archives: CCNL Vigilanza Privata 2004

    mercoledì 19 dicembre 2007

    Pagina IX – Cronaca Pistoia/Pisa

    ECCO LE PROPOSTE DEI SINDACATI

      Contratto per 220 guardie giurate

        LE FEDERAZIONI del commercio di Cgil, Cisl e Uil chiedono il rinnovo del contratto integrativo territoriale delle guardie giurate. La piattaforma che le organizzazioni sindacali presenteranno ai dieci istituti di vigilanza della provincia per rinnovare un accordo fermo ormai al 1984, sarà approvata domani dai lavoratori del settore, riuniti in un’assemblea convocata per le 16 nel salone riunioni della Cisl in viale Matteotti. Ieri mattina, in conferenza stampa Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uil-Uiltucs hanno intanto illustrato gli obiettivi di massima che intendono perseguire con l’avvio della trattativa. Maggiore sicurezza e ritmi di lavoro più sostenibili – si spiega – sono le questioni più sentite dalle circa 220 guardie giurate che lavorano nella nostra provincia.

          «QUELLO della sicurezza – afferma il segretario Fisascat-Cgil, Fabio Capponi – è un settore delicato cui spesso non viene prestata la giusta attenzione. Giovedì presenteremo ai lavoratori una piattaforma per avere il mandato a recuperare trattative. Anzitutto è necessario definire meglio come dovranno operare le aziende che ottengono il permesso prefettizio ed affrontare seriamente il tema dei turni e della formazione e della sicurezza per chi svolge un lavoro così delicato».

            »I turni – ricordano Giovanni Renzi, Rsa Cgil alla Fides Sicuritalia e Antonio Bandini, Rsa Cisl ai Vigili dell’ordine – sono ancora molto spezzettati, spesso si prevedono rientri mattutini anche dopo aver svolto il servizio di notturno». La normativa italiana per questo settore – ha ricordato Aniello Montuolo – è più generica di quella comunitaria. Il tavolo nazionale sta cercando di accorciare le distanze, ma è necessario che anche il livello provinciale si mobiliti per ottenere risultati per i lavoratori. Per quanto ci riguarda – ha concluso Montuolo – ciò è tanto più urgente se si pensa che proprio grazie ad accordi più recenti, le guardie di Lucca, Prato, Firenze guadagnano più dei colleghi di Pistoia».

            simone trinci