Sui contratti la Cgil sarà a tutti i tavoli

25/08/2009

Ci sono i segnali di ripresa e la disoccupazione che aumenta. I banchieri centrali ottimisti e i manager tedeschi che ammettono candidamente di attendere l`esito delle elezioni in Germania per ristrutturare le aziende. Per spiegare il momento che attraversa l`economia Guglielmo Epifani usa la metafora del pozzo: «Quello in cui siamo caduti è profondo cento metri.
Siamo arrivati in fondo, ma prima di tornare all`aperto passeranno anni». Il segretario della Cgil ci tiene a dire che fino a quel momento la sua organizzazione «farà la sua parte e avanzerà le sue proposte» per evitare ulteriori contraccolpi sul Paese. «Senza ideologismi», a partire dalla trattativa sugli imminenti rinnovi contrattuali che tanto preoccupano il leader della Cisl Raffaele Bonanni: «Può stare tranquillo, non siamo intenzionati ad abbandonare nessun tavolo. Si facciano dei buoni contratti nazionali, e vedrà che ne avranno un beneficio anche le intese aziendali».
Eppure Confindustria, governo, Cisl e Uil vi rinfacciano ancora di non aver firmato l`accordo la scorsa primavera.
«Non siamo mai stati ideologicamente contrari ai contratti di secondo livello.
Tutti sanno i motivi per i quali non firmammo».
Ce li ricorda?
«Quell`intesa esclude dal salario aziendale metà dei lavoratori, in particolare delle piccole imprese. Noi invece siamo favorevoli alla estensione del secondo livello a tutti i lavoratori. Secondo:non tutelava il salario nazionale dall`andamento dell`inflazione.
Terzo: permette la deroga al contratto nazionale sia in termini di salario minimo che di diritti sindacali».
Poi è arrivata la crisi. E le priorità sono cambiate. E` così?
«Era inevitabile che accadesse. Ora il problema è dare un salario a chi il lavoro lo sta per perdere o l`ha perso».
Emma Marcegaglia invoca più risorse per la cassa integrazione.
Eppure il governo ha stanziato otto miliardi di euro. Possibile che non bastino?
«Prima che una questione di risorse nominali, c’è un problema di applicabilità. Nella babele di norme introdotte non abbiamo ancora capito se l’estensione dei trattamenti di cassa produrrà lo stesso automatismo del passaggio dalla ordinaria alla straordinaria.
Ovvero, se ad un certo punto, allo scadere delle 52 settimane, le imprese. che chiederanno di farne ancora uso saranno costrette a piani di ristrutturazione.
Se il governo estendesse la "cig" ordinaria a 104 settimane, il problema non si porrebbe».
Voi temete un forte aumento della disoccupazione.
Eppure gli indicatori ci dicono che la ripresa è vicina.
«Nessuno nega che abbiamo iniziato a risalire il pozzo. Ma per tornare ai livelli di produzione e di occupazione del 2007 dovremo attendere il 2013 o 2014. Su questo tema noto nel governo un atteggiamento evasivo».
Emma Marcegaglia chiede anche un fondo pubblico-privato perla ripatrimonializzazione delle imprese. E una più forte detassazione e decontribuzione dei salario territoriale. Che risponde?
«D`accordo sulla prima richiesta, solo in parte sulla seconda.
E` vero, esiste un problema, tuttora irrisolto, sulla decontribuzíone di una parte dei salario aziendale che non ha copertura da parte dello Stato. La detassazione del salario aziendale al 10% è sufficiente. Il problema è che di accordi se ne fanno pochi per le resistenze delle imprese».
Questo atteggiamento non è per loro un ottimo alibi? Se voi dite no all`aumento della detassazione, il secondo livello non decolla. La Marcegaglia è preoccupata di questo.
«Le cose vanno viste nella loro concretezza. Nonostante il no all’accordo, noi saremo responsabilmente seduti a tutti i tavoli.
Si facciano dei buoni contratti nazionali, se si ascolterà quel che ha da dire la Cgil ci sarà anche la nostra firma con il voto dei lavoratori. Il punto è che mentre i salari italiani restano i più bassi d`Europa, l`Irpef è l`unica voce di entrata che non conosce crisi. La via d`uscita è la riduzione fiscale di tutti i redditi da lavoro».
Se il governo lo facesse, si aprirebbe una voragine nei conti pubblici.
«Le soluzioni si possono trovare. Ciò che non accetto è l`idea di far pagare sempre il prezzo del risanamento ai lavoratori a reddito fisso e ai pensionati.
Su questi temi ci sono state posizioni incoraggianti sia di Confindustria che della Banca d`Italia: detassare i salari sarebbe un ottimo modo per sostenere la domanda interna, tanto più in questa fase».
Invece di abbassare le tasse a tutti, non è meglio dare più salario a chi se lo merita rafforzando i contratti aziendali?
«Che c’è di meritocratico nello stabilire i salari semplicemente in base al luogo in cui li si concorda? Incentivare la meritocrazia non ha solo a che fare con il contratto aziendale».
La crisi farà salire la spesa per pensioni e il governo sarà costretto a discutere di come ottenere maggiori risparmi.
Anche in questo caso farà la sua parte?
«I problemi sulla previdenza sono due: garantire una pensione dignitosa ai giovani che ci andranno con il sistema contributivo e un`età flessibile di uscita dal lavoro per chi ha i requisiti della vecchiaia. Sono le stesse cose che talvolta ho sentito dire nel Pdl da Giuliano Cazzola. Ma anche su questo vedo il governo distratto. Così come è assente sulla disciplina dei lavori usuranti e sul potere di acquisto delle pensioni».