Studio D&D in fallimento, informazioni urgenti 07/07/2017

Roma, 7 luglio 2017

In seguito alle segnalazioni della Filcams Territoriale di Cuneo, vi informiamo che nei giorni passati sono intercorsi una serie di contatti con la Direzione Aziendale dei negozi di scarpe e pelletteria a marchio VIAMAESTRA e di abbigliamento AMOUR By Viamaestra, e nello specifico con lo Studio D&D srl, sede legale a Cuneo, proprietario dei marchi suddetti.
Nel corso degli incontri la società ha informato di una situazione di grave crisi in cui naviga e paventato la probabile imminente chiusura di tutti i negozi.
I punti Vendita sono dislocati tra le Regioni in indirizzo e contano ad oggi 147 dipendenti.
Il primo confronto è avvenuto il 7 giugno, in sede aziendale, alla presenza di Filcams e Fisascat territoriali.
Un secondo incontro in sede istituzionale, alla Provincia di Cuneo, il 19 giugno, ma la situazione non è stata affatto chiarita, di seguito breve sintesi:

a) L’azienda stava valutando la dismissione totale dell’attività, attraverso cessione, anticipando che l’operazione avrebbe dovuto concludersi entro il 30 giugno p.v., pena l’apertura di procedura concorsuale (probabilmente un concordato liquidatorio).

Presente un manifestatore di interesse, che avrebbe dovuto acquisire intera attività con cessione totale unitaria di tutto, evitando spacchettamenti.

b) Il bilancio 2016 chiuso in negativo, non ancora depositato.
La società lamenta mancanza di liquidità che non ha permesso approvvigionamenti per la conclusione della stagione estiva ed invernale.

c) Stanno attuando operazione di cassa con SVENDITA al 50% la merce di stagione, ma i negozi hanno quasi esaurito la merce.

d) Non si registrano ritardi di pagamento nei confronti delle maestranze, elemento confermato dai lavoratori, ma non si garantisce pagamento della mensilità di giugno e la 14^.

e) Ristrutturazione nel 2016.
effettuata la chiusura di 4 negozi nell’area metropolitana di Milano (SESTO SAN GIOVANNI, VILLESSE, LIMBIATE, MI BICOCCA), 8 licenziamenti e alcune ricollocazioni.

f) Ristrutturazioni nel 2017.
31 maggio chiusura di
PORTOGRUARO – VE, licenziati 3 dipendenti
VENTIMIGLIA – IM, licenziati 2 dipendenti

g) Contratti di Affitto. Sono stati disdettati nel 2016 alcuni contratti con relativa chiusura dei seguenti negozi meno strategici:
31.07.2017 BORGO MANERO (NO)
30.11.2017 FOSSANO (CN)
31.01.2018 SAVONA

h) Le proprietà immobiliari sono in capo all’Azienda Studio D&D immobiliare.

I lavoratori che si sono rivolti alla Filcams Cuneo, per le province di ASTI, ALESSANDRIA, TORINO e RIMINI sono stati indirizzati ai referenti delle Filcams Territoriali.
Un ultimo incontro si è svolto il giorno 5 luglio, a Cuneo.
L’azienda conferma di non poter più utilizzare la CIGS per crisi o per riorganizzazione, perché non ne ha i requisiti e perché non ci sarà continuità dell’attività.
L’operazione di cessione, tra gli interessati anche marchi come OBag, non è andata a buon fine, ma l’azienda sta continuando nel tentativo di vendere rami di azienda singolarmente, almeno quelli corrispondenti ai PdV strategici, circa 20.
L’Azienda non è in grado di garantire la continuità dell’attività, non può approvvigionare i negozi e recuperare il buco di bilancio.
Entro il 31 luglio previsto lo smaltimento, compatibilmente con le esigenze organizzative, delle ferie estive residue, con l’obiettivo di andare a smaltimento totale delle ferie.
L’azienda ha chiarito la possibilità di pagare con difficoltà le spettanze di giugno e la 14^. Ad oggi ha comunicato che effettuerà il pagamento della 14^ mensilità, come espressamente richiesto dalle OOSS.

Le OOSS territoriali di Filcams e Fisascat Cuneo, hanno convocato
Assemblea delle Lavoratrici e Lavoratori
Lunedì 10 luglio 2017 dalle 10 alle 12

presso la sede Legale dell’Azienda – in via VIA TORINO, 178 A MADONNA DELL’OLMO CUNEO

A livello nazionale le OOSS si stanno coordinando per inviare urgente richiesta di incontro all’Azienda. Al più presto organizzeremo un coordinamento in videoconferenza di tutte le strutture interessate, al fine di decidere come procedere nelle prossime settimane.

p. la Filcams Cgil
Loredana Colarusso