STATO DI AGITAZIONE DEI LAVORATORI DELLE RISERVE NATURALI SICILIANE

29/10/2010

29 ottobre 2010

Stato di agitazione dei lavoratori delle riserve naturali siciliane

E’ stato indetto, a seguito di un’assemblea sindacale, lo stato di agitazione dei dipendenti delle associazioni ambientaliste LIPU, WWF, RANGERS D’ITALIA, CAI, ITALIA NOSTRA e LEGA AMBIENTE che in Sicilia gestiscono le riserve naturali. Tale decisione è stata assunta a causa dei tagli operati dalla Regione Siciliana sul capitolo ambiente, che potrebbero compromettere la salvaguardia dei livelli occupazionali ed il futuro dei lavoratori insieme ai ritardi accumulati nel pagamento degli stipendi, considerato che alcune delle predette associazioni non hanno più erogato gli stipendi da luglio scorso.
I lavoratori, inquadrati con il contratto commercio, manifesteranno a Palermo nel pomeriggio del 3 novembre prossimo nel piazzale antistante l’ARS – Assemblea Regionale Siciliana , in concomitanza alla ripresa dei lavori parlamentari avente ad oggetto le variazioni al bilancio regionale 2011.
“Nell’anno della biodiversità – dichiara Monica Genovese, segretaria regionale FILCAMS Cgil- la Regione Siciliana sul capitolo ambiente opera consistenti tagli al bilancio 2011, mettendo a rischio il futuro di centinaia di lavoratori che da anni operano nel settore.”
La protesta accomuna anche i dipendenti regionali degli Enti Parchi.
Tra le iniziative una conferenza stampa e volantinaggi nelle principali piazze di Palermo per sensibilizzare l’opinione pubblica.