Starwood Marriott, esito incontro 16/02/2018

Roma, 19 febbraio 2018

Testo unitario

il 16 febbraio si è tenuto il previsto incontro con Starwood finalizzato all’aggiornamento della situazione aziendale in seguito all’acquisizione da parte di Marriott e ai passaggi societari che hanno interessato anche il nostro Paese.

La delegazione aziendale ha fornito una sintesi delle iniziative intraprese nel 2017 e dato alcune anticipazioni che riguarderanno la prossima annualità sia da un punto di vista esterno che interno all’azienda verso i dipendenti ed il territorio dove si trova ad operare con molteplici iniziative.

In merito alla rete alberghiera, si segnala il prolungarsi dei lavori di ristrutturazione del Saint Regis di Roma, che dovrebbero terminare nel 2018, il rebranding dell’Europa Regina di Venezia, che sarà oggetto di lavori di restauro e verrà rilanciato con il marchio St. Regis, mentre ancora non definito è il progetto di rebranding del Westin Excelsior di Firenze, che dovrebbe entrare nel canale The Luxury Collection.

Le aperture del 2018, tutte in franchise, riguarderanno Milano (Sheraton San Siro, Roxy Linate), Roma (W e Pantheon Autograph), Siena (4Pts) e Venezia (AC).

E’ comunque intenzione del gruppo aumentare il portafoglio anche delle strutture in management e si conferma l’interesse di nuovi proprietari che subentrano nelle strutture sostenendo gli investimenti necessari.

Il gruppo mantiene un buon posizionamento sul mercato, mantenendo o migliorando le quote in tutte le piazze.

In merito all’integrazione con Marriott, le tappe più importanti del 2018 riguarderanno la migrazione sui sistemi informatici della stessa che comporteranno un lavoro considerevole e delicato.

I tempi previsti per il passaggio al sistema operativo di Marriott sono differenziati per brand: Sheraton ad agosto, Westin a Ottobre, S. Regis a Dicembre.

La formazione preventiva al passaggio durerà circa 6 settimane.

L’azienda ha annunciato che nei mesi di passaggio del sistema e nelle settimane di formazione precedenti saranno bloccate tutte le ferie al personale impattato, chiedendo un’assunzione di responsabilità alle organizzazioni sindacali sul punto.

Pur comprendendo la delicatezza del processo in atto, che ha una dimensione mondiale, abbiamo chiesto di sviluppare comunque un confronto a livello territoriale sulla gestione delle ferie.

Per quanto riguarda i dati economici, il gruppo continua a migliorare le performance relative alla marginalità, che è tornata ai livelli del 2007, mentre la delegazione aziendale ha segnalato come problematico il continuo trend di crescita sul costo del lavoro (+16,7% dal 2007) e il calo della produttività (-11,3% dal 2010).

I livelli occupazionali sono tornati alle cifre pre-crisi, con oltre 1700 dipendenti sulla rete.

Questi dati sono considerati critici dall’azienda, che paventa un irrigidimento della struttura dei costi difficilmente gestibile in caso di nuovi episodi di crisi.

Per quanto riguarda il premio, le erogazioni del 2018 al parametro 100 sono le seguenti:

Gritti € 1075
Sheraton Diana € 1000
Firenze € 857,25
Europa € 817,5
Westin Palace € 843
Danieli € 831,75
Westin Roma € 750
St Regis Roma € 250

Secondo le proiezioni aziendali il modello premiante ha dato risultati migliori e in crescita rispetto al vecchio sistema in vigore sino al 2012, confermando il buon lavoro svolto dalle parti e fugando le perplessità espresse all’epoca del rinnovo.

Si è quindi svolto un primo confronto in merito al percorso per il rinnovo dell’integrativo, in quanto la delegazione aziendale, alla luce dei dati esposti, ha affermato che sono sempre più insistenti le pressioni per l’uscita delle strutture dal CIA e per l’avvio di terziarizzazioni.

Come Organizzazioni Sindacali abbiamo chiesto che si sviluppi subito un confronto in merito al contratto integrativo, al suo ruolo di Strumento principe regolatore di eventuali criticità, al suo perimetro, che risulta un tema dirimente, rimarcando nel contempo la nostra netta contrarietà ad azioni di terziarizzazione.

Le parti si sono quindi impegnati ad aggiornarsi prima del mese di giugno per confrontarsi sull’impostazione del percorso del rinnovo.

Non appena riceveremo ulteriori dati in dettaglio promessi al tavolo dall’azienda, integreremo la presente circolare inviandoveli.

p. la Segreteria Filcams Nazionale
Cristian Sesena