Starwood Italia – esito incontro 15/11/2012

Roma, 19 novembre 2012

presso la sede di Confindustria Nazionale, è ripreso il confronto per il rinnovo del contratto integrativo aziendale con Ciga Starwood.
In apertura, l’azienda ha prospettato alcune soluzioni che, a saldi zero, potrebbero costituire, la chiusura del nuovo CiA.
Due di queste prevedono la variabilizzazione in quota certa di una parte del salario aziendale ante 93 attualmente in cifra fissa.
La simulazione ha riguardato due cifre pari a 20 euro e 60 euro. Nell’ipotesi di variabilizzazione di 60 euro Starwood ha garantito disponibilità a trovare soluzioni per i lavoratori stagionali con almeno tre stagioni effettuate, ad alzare sensibilmente il premio di risultato rispetto alla proposta iniziale (210 euro di quota certa, 400 euro al raggiungimento del 100% degli obiettivi, 600 al superamento del 100%) portandolo ad un massimo di 1050 euro annuali.
Invariate rimarrebbero in entrambi i casi le richieste di azzerare il salario fisso aziendale per i nuovi assunti, di abrogare il primo giorno di malattia, nonché la posizione sulla durata del contratto ( 2012 2013 2014) e relativo e collegato impegno alla non terziarizzazione.
Durante il coordinamento unitario seguito alla interruzione del confronto, sono emerse prevedibilmente diverse posizioni. Da un lato infatti tutti i delegati, seppur con accenti diversi, hanno manifestato la perplessità di intervenire sul salario aziendale, dall’altro quasi tutti hanno compreso la difficoltà della fase e l’importanza di fare di tutto per evitare scenari quali la disdetta e la terziarizzazione, mai come in questo momento possibili.
Dopo una discussione lunga, complessa ma costruttiva si è raggiunta una sintesi unitaria che tiene insieme prudenza e cautela sulle proposte aziendali ( a partire da quella dei 60 euro ritenuto impercorribile) e nel contempo volontà di esplorarle fino in fondo per tentare ogni strada praticabile per addivenire ad un rinnovo equilibrato.
Si è quindi comunicato alla direzione aziendale che il tema della variabilizzazione del salario fisso può essere ragionata nei limiti di una cifra assai contenuta, purché l’eventuale concessione abbia contropartite chiare su: stagionali fidelizzati, premio, durata del contratto e ultravigenza, nuovi assunti, malattia e soprattutto non provochi perdite di salario per lavoratrici e lavoratori.
L’operazione poi, per quanto riguarda la Filcams, deve essere limitata alla vigenza, legata al contesto attuale di difficoltà del mercato e pertanto non ripetibile.
E’ chiaro come questo snodo sia complicato politicamente e non solo e pertanto qualora si opti per questa soluzione, si dovrà utilizzare ogni accorgimento e valutazione preventiva non solo sulle ricadute economiche, ma anche riguardo all’individuazione di adeguate contropartite.
Il non raggiungimento di un intesa, prefigura, è giusto chiarirlo, un copione già scritto: Starwood nei tempi e modi che la proprietà deciderà, disdetterà territorialmente gli accordi e lascerà mano libera ai proprietari di attivare percorsi di terziarizzazione.
Tutti questi elementi concorrono a comporre il complesso scenario entro il quale si dipana la trattativa e dovranno essere presentati ai lavoratori in modo esaustivo e trasparente, facendo appello alla loro responsabilità e consapevolezza.
E’ opportuno convocare attivi territoriali dei delegati e assemblee (laddove possibile unitarie) in cui presentare lo stato dell’arte alle lavoratrici e ai lavoratori.
In tali assemblee la Filcams dovrà presentare in estrema chiarezza i costi e i benefici di questo rinnovo valorizzando il non secondario tema delle terziarizzazioni, nonché l’importanza di salvaguardare un sistema consolidato di relazioni sindacali che nel panorama nazionale delle catene alberghiere non ha ormai, più termini di paragone.
La trattativa riprenderà per una no stop di 2 giorni il 3 dicembre alle 14.00.
Il coordinamento nazionale Filcams CGIL è convocato per il 30 novembre dalle ore 10.30 alle ore 14.30 presso la Camera del Lavoro di Firenze in Borgo de’ Greci.

p. la Segreteria Filcams Nazionale
Cristian Sesena