Starhotels – Scadenza CIA 31/12/2013

Roma, 5 novembre 2013

Oggetto: Starhotels- scadenza contratto integrativo aziendale.

l’accordo Integrativo aziendale Starhotels scade il 31 dicembre 2013. E’ sottoposto ad una clausola di ultra vigenza “spuria” che per comodità citiamo integralmente:

“ Questo accordo salvo quanto disposto in singoli punti dello stesso, avrà durata dall’1/1/2011 al 31/12/2013. Almeno tre mesi prima dalla sua scadenza le OOSS presenteranno una piattaforma per il rinnovo della contrattazione. Le parti dovranno incontrarsi per contrattare un nuovo accordo entro 30 giorni dalla ricezione della piattaforma. Ove le parti non raggiungessero un nuovo accordo entro 18 mesi dalla scadenza del contratto, questo accordo cesserà ogni effetto. Ove ciascuna delle parti comunichi all’altra che questo contratto andrà a cessare alla sua prima naturale scadenza del 31/12/2013, saranno garantiti, ove non si raggiunga prima un nuovo accordo, i 18 mesi di ultravigenza di cui al periodo precedente. Successivamente alla scadenza del 31/12/2013 questo accordo sarà prorogato di anno in anno salvo disdetta da comunicare all’altra parte entro il 30 settembre di ciascun anno.”

Come è facile evincere, non avendo presentato una piattaforma rivendicativa “almeno tre mesi prima” dalla sua naturale scadenza, l’accordo é entra in regime di proroga annuale.
Riteniamo quella di non aver presentato (a fronte delle vicissitudini che i CCNL di settore stanno attraversando) una piattaforma di rinnovo nei tempi canonici, rappresenti l’unica scelta praticabile e di “buon senso” in questa fase.
E’ noto a tutti infatti cosa sta accadendo alla contrattazione di secondo livello nella nostra categoria, contrassegnata da disdette pressoché giornaliere, e atteggiamenti spesso strumentali delle controparti volti ad utilizzare i rinnovi per intraprendere percorsi di mera restituzione e taglio del costo del lavoro.
L’accordo Starhotels, il primo a livello nazionale, nacque proprio in un contesto di recesso unilaterale di contrattazioni territoriali.
Infine non va trascurato il tema della sovrapposizione delle tempistiche di rinnovo fra CCNL Industria Turistica e Contratto Integrativo, che avrebbe potuto comportare il rischio di “bruciare” inutilmente parte dei 18 mesi di ultravigenza garantita dall’intesa.
Invitiamo pertanto le strutture interessate a portare queste argomentazioni all’attenzione della RSA/RSU e nel contempo a rassicurarle che comunque con l’inizio del 2014 ci attiveremo con l’azienda per fissare un incontro in cui discutere oltre che della situazione economica della stessa anche delle prospettive della contrattazione di secondo livello.

p. la Segreteria Filcams Nazionale
Cristian Sesena