Starhotels, risultato trattativa 20/06/2011

Testo Unitario

Il giorno 20/6/2011 si è tenuto a Roma il previsto incontro con la Direzione di Starhotels.
Il confronto con l’azienda si è però concentrato sul tema dell’impostazione dell’impianto del premio variabile da definire all’interno dell’eventuale Contratto Integrativo Aziendale; su tale tema sono emerse delle criticità che non ci hanno ancora consentito di individuare un punto di equilibrio condiviso.
Anche alla luce del fatto che, secondo Starhotels, la natura del salario aziendale è dirimente ai fini del buon esito o meno del negoziato, abbiamo deciso di aggiornarci in una riunione ristretta da effettuare tra l’azienda e le sole Segreterie Nazionali per il giorno 14 luglio 2011.
Nel frattempo, anche al fine di consentire una riflessione al nostro interno, Vi facciamo un sintetico riepilogo dello stato della trattativa con Starhotels quale è emerso dalle ultime due riunioni del 9 e del 20 giugno. La sintesi concerne i temi principali.
Contatto Integrativo Aziendale – Attraverso numerosi incontri, successivi e conseguenti alla disdetta di tutti gli accordi integrativi esistenti da parte dell’Azienda nel corso del 2010, abbiamo cercato di definire un accordo quadro nazionale contenente regole e principi per tutte le strutture di Starhotels, ovvero il primo contratto integrativo aziendale per tutti i dipendenti dell’azienda.
Contratti territoriali – Tutti i contratti territoriali sono stati disdettati nel corso del 2010 da parte dell’azienda.
Il nuovo contratto aziendale unico manterrebbe vive alcune specificità, ovvero le parti normative, che potranno essere oggetto di confronto e contrattazione a livello territoriale, salvo quanto già definito e disciplinato a livello di C.I.A. Nazionale.
Relazioni sindacali – Individuazione di un sistema di relazioni sindacali “strutturato” ed articolato su 2 livelli, nazionale e territoriale, ciascuno con compiti e materie specifici.
Salario aziendale – Individuazione di un unico premio variabile per tutto il personale dipendente di Starhotels, in sostituzione di tutti i meccanismi salariali in essere fino al 2010 sulla base degli accordi esistenti.
Valore massimo del premio variabile, a conseguimento di obiettivi e parametri condivisi, pari a €1.900 (millenovecento). Il premio variabile, che beneficerebbe del regime contributivo e fiscale agevolato, sarebbe articolato sulla base dei seguenti principi:

    Parte legata all’andamento aziendale generale e quindi uguale per tutto il personale
      MOL aziendale budget €300

    Parte legata all’andamento dell’unità alberghiera, quindi diversa a seconda dell’andamento di ogni singola struttura, così (al momento) articolato

      € 500 se il fatturato è pari al consuntivo dell’anno precedente
      € 600 se il fatturato raggiunge il budget
      € 500 se il fatturato è superiore del +7% del budget

Per l’azienda questo meccanismo sostituisce ogni altro premio in essere derivante dai contratti integrativi precedenti, compreso il premio neoassunti laddove esistente.
Abbiamo sottolineato la problematicità relativa al superamento dell’indennità neoassunti, anche se essa riguarda una parte soltanto del personale Starhotels (Milano e una struttura di Roma). L’azienda ha dichiarato imprescindibile il nuovo impianto di salario variabile e condizione necessaria per il buon esito del negoziato. In assenza, non vi sarebbe accordo e rimarrebbero le disdette.
Starhotels si è però dichiarata disponibile – a seguito di nostra richiesta – a discutere ancora l’articolazione del premio, ovvero il peso da attribuire ai singoli obiettivi/parametri, spostando più valore sul parametro aziendale generale e/o sui primi parametri (quelli più facilmente raggiungibili) di unità alberghiera.
Abbiamo ribadito la criticità del superamento del premio neoassunti da un lato, apprezzando, per altro verso, l’estensione a tutto il personale Starhotels del premio aziendale e dell’aumento delle quote di premio, riservandoci comunque ulteriore confronto e valutazione complessiva al prossimo incontro.
Premio 2010 – Pagamento di un importo pari a 2/3 di quanto previsto dagli accordi integrativi di struttura/territorio (variabile e anche neoassunti). Noi continuiamo a chiedere saldo del 100% del premio 2010.
Terziarizzazioni – A fronte della nostra richiesta insistente di regole e garanzie rispetto alle terziarizzazioni, c’è impegno se si arriva a fare l’accordo, a non fare esternalizzazioni che coinvolgano il personale in essere durante la vigenza dell’eventuale accordo aziendale. In caso di apertura di nuovi alberghi, c’è impegno ad effettuare incontri con le OO.SS.
Su questo tema noi ancora chiediamo che, nell’ambito dei servizi terziarizzati, vi sia l’applicazione integrale del trattamento economico/normativo del turismo (CCNL Turismo).
Durata contratto – Dal 1/1/2011 al 31/12/2013: preavviso di recesso tre mesi prima della scadenza, con presentazione della piattaforma e obbligo di incontro; ultravigenza massima 30/06/2014. Su questo punto l’obiettivo è di ottenere la piena ultravigenza.
Vi invitiamo ad effettuare delle assemblee con i lavoratori, fornendoci il vostro giudizio in merito prima del prossimo incontro con l’azienda.

Alleghiamo la bozza di Ipotesi di Accordo Quadro inviataci oggi da Starhotels.

p. la Filcams Nazionale
M.Frattini