Comunicati Stampa

Starhotels: nuove importanti tutele dal rinnovo del contratto aziendale

19/02/2018
Starhotels_big

Buone notizie per i quasi 2000 dipendenti della Catena Alberghiera Starhotels.
Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs hanno infatti sottoscritto il rinnovo del contratto integrativo aziendale scaduto il 31 dicembre 2013.

Molte le novità introdotte dal nuovo accordo che avrà una durata triennale:
· Il mantenimento del diritto alla reintegra in caso di licenziamento illegittimo (articolo 18 legge 300/70) per i lavoratori coinvolti in procedure di esternalizzazione, a cui Starhotels si è comunque impegnata a ricorrere solo in casi eccezionali e dopo confronto con le organizzazioni sindacali;
· la piena tutela occupazionale per i lavoratori in appalto e l’applicazione, anche  in tutti i casi di eventuali subentri,  del Contratto Nazionale dell’Industria Turistica;
· un premio di risultato che dal 2019 sarà di €1200 e di  €1400 per il lavoratore che lo vorrà convertire in welfare; il premio viene esteso per la prima volta  anche ai tempi determinati;
· nuovi diritti per le lavoratrici madri e per i lavoratori padri in termini di congedi, permessi, conciliazione tempi di vita e lavoro;
· il potenziamento del ruolo della contrattazione in ogni singola unità produttiva;
· un codice sulle molestie sessuali in ambito lavorativo.

Starhotels azienda italiana  leader nel campo dell’ospitalità, associata a Confindustria conta 24 alberghi nel nostro paese ed è presente anche a Londra, New York e Parigi.

“Siamo molto soddisfatti per come si è conclusa questa trattativa” ha commentato Cristian Sesena Segretario Nazionale della Filcams Cgil: “Siamo riusciti a costruire una intesa equilibrata e innovativa che porterà maggiori tutele, importanti diritti e adeguati riconoscimenti economici ai dipendenti  di questa importante catena. Speriamo” conclude il segretario “che questa intesa possa rappresentare l’inizio di una nuova stagione di positive pratiche negoziali anche per le altre imprese del settore dell’accoglienza”.