Standa, Accordo 07/12/1978

    7 dicembre 1978

    ACCORDO FRA LA FEDERAZIONE CGIL-CISL-UIL
    LA FEDERAZIONE UNITARIA DEL COMMERCIO
    LA MONTEDISON E STANDA
    PER LO SVILUPPO, LA RICAPITALIZZAZIONE DELLA STANDA
    E LO SCORPORO DELLA STANDA JUNIOR

    In merito alla situazione ed alle prospettive della STANDA, la Montedison, la Federazione unitaria CGIL-CISL-UIL e la Federazione unitaria del commercio, si sono incontrate e hanno definito quanto segue:

    1) La Montedison dichiara la sua volontà di dare validità e conferire qualificazione alla presenza del gruppo nel settore distributivo. E’ obiettivo della Montedison di accompagnare e supportare, il processo di risanamento della STANDA tenuto anche conto del ruolo che l’azienda è chiamata a svolgere nel settore del commercio e della realtà sociale e occupazionale che essa rappresenta.

    2) A tali fini la Montedison riconosce l’esigenza della ricapitalizzazione della STANDA e ne persegue l’attuazione nel quadro di una inversione di tendenza dell’attuale andamento gestionale, da realizzarsi attraverso il rinnovato impegno di tutte le componenti aziendali a tutti i livelli.

    3) Riaffermata l’ampia delega ed autonomia del management della STANDA nell’individuazione ed attuazione delle azioni di risanamento, la Montedison destinerà alla Società proprie risorse manageriali di primaria importanza perché assicurino la realizzazione dei programmi di risanamento e promuovano, a tutti i livelli dell’organizzazione, la presenza di presidi professionali validi.

    4) Le OO.SS. prendono atto delle dichiarazioni di parte aziendale, secondo le quali la decisione degli organi societari STANDA di procedere allo scorporo delle filiali e delle unità jurìior, per farle confluire nella STANDA VENDITE totalmente posseduta dalla STANDA stessa, ha unicamente finalità di razionalizzazione organizzativa e di evidenziazione dei reali valori patrimoniali della azienda

    5) Le azioni di risanamento della STANDA saranno decise e realizzate secondo le linee di fondo (politiche commerciali, sviluppo, decentramento, organizzazione del lavoro e produttività, garanzie occupazionali) dell’accordo 21 gen-naio 1977, del quale viene riconfermata la validità.

    6) Intorno agli obiettivi e agli interventi di risanamento e per il completamento e il rilancio dei programmi di attuazione, le parti convengono sulle necessità di ricreare un clima di intesa e di costruttive relazioni fra proprietà, management aziendale, sindacati e lavoratori.
    A tale fine e in relazione agli obiettivi di cui al punto 2), le parti concordano di programmare incontri e verifiche sui predetti programmi per eliminare distorsioni e squilibri registrati nell’applicazione dell’accordo 21 gennaio 1977 e per completarne e aggiornarne le indicazioni.